Lavorare fino alla data presunta del parto: follia, coraggio o semplice necessità

Mancano ormai meno di 6 settimane alla mia data presunta del parto (DPP), e siamo allo stesso tempo terrorizzati ed eccitati all’idea che fra non molto stringeremo tra le braccia il nostro primo pargolo. Nelle ultime settimane prima dell’arrivo di un neonato – specialmente se è il primo –  c’è sicuramente tantissimo da fare: finire di arredare e preparare la cameretta del pupetto (o per lo meno montare la culla o il lettino dove dormirà), montare il passeggino, installare il seggiolino in auto (senza il neonato non verrà rilasciato dall’ospedale), preparare la borsa per l’ospedale, preparare e congelare pasti per il dopo-parto, ripetere la strada per l’ospedale fino a riuscire a farla ad occhi chiusi e, solitamente, finire il lavoro e cominciare il congedo maternità. Continue reading “Lavorare fino alla data presunta del parto: follia, coraggio o semplice necessità”

Cosa vedere in 3 giorni a Vienna

Non so perché, ma i paesi di lingua tedesca non sono mai stati in cima alla mia lista di destinazioni da visitare. Forse per la lingua decisamente non orecchiabile (a mio avviso), forse per la quasi assenza di sbocchi sul mare, forse per quell’immagine di paese grigio che ho sempre avuto, ma nei miei anni di viaggi Germania e Austria non sono mai stati presi in considerazione. Finché non sono stata per la prima volta in Austria, e lì la mia opinione su questo paese è cambiata totalmente.  Continue reading “Cosa vedere in 3 giorni a Vienna”

PhD: buona la seconda

Ricordate che nella notte dei tempi facevo un PhD presso l’University of Sydney sui bambini soldato? Ecco, l’ultima volta che ve ne avevo parlato vi avevo annunciato – con tanto di fuochi d’artificio – la tanto agognata consegna della mia tesi. Era inizio gennaio 2017. Da quel momento è cominciata la lenta attesa per l’esito finale del processo di analisi da parte di 3 esaminatori esterni: processo che può durare da qualche settimana fino a 6 mesi.  Continue reading “PhD: buona la seconda”

Alla scoperta della Grande Barriera Corallina

La Grande Barriera Corallina è grande non solo di nome ma di fatto: si estende infatti per oltre 2000 km e costa più di 3000 singole barriere e isole coralline e per questo viene considerata la più grande cosa vivente esistente sulla terra. In assoluto la destinazione preferita per i turisti in vacanza in Australia, è accessibile veramente a tutti. Le opzioni di tour sulla barriera sono infatti infinite (a quanto pare più di 600) e offrono una quantità spropositata di alternative: potete fare immersioni o semplicemente snorkeling, potete sorvolare la barriera in elicottero o immergervi a bordo di un sommergibile, potete “camminare sulle acque” o ammirare i coralli dalla sicurezza di una barca dal fondale di vetro. Continue reading “Alla scoperta della Grande Barriera Corallina”

Come funziona il congedo maternità in Australia

Se state pianificando di metter su famiglia o avete appena scoperto di aspettare un bimbo, sicuramente una delle prime domande che vi porrete sarà legata al congedo maternità. Senza ombra di dubbio il primo periodo di vita del vostro pupetto sarà carico di spese extra ed è perciò essenziale capire di quali benefici economici potrete godere in quanto nuovi genitori. Continue reading “Come funziona il congedo maternità in Australia”

Visitare le Cascate del Niagara

La maggior parte dei turisti che visitano USA e Canada lo fanno in cerca di quella bellezza naturale e quegli spazi immensi che hanno reso l’America Settentrionale così famosa in tutto il mondo. Ma per trovarla spesso bisogna allontanarsi dalle principali città e “lasciarsi la civiltà alle spalle”… Un’attrazione in particolare, invece, condivisa proprio da entrambi i paesi, permette di ammirare da vicino uno degli spettacoli più incredibili al mondo senza allontanarsi troppo da mete turistiche più urbane: le Cascate del Niagara. Continue reading “Visitare le Cascate del Niagara”

La mia verità sugli animali pericolosi d’Australia

Qualche giorno fa, sulla pagina FB di Amiche di Fuso abbiamo pubblicato un video – molto grafico, devo ammettere – che, in una carrellata dell’orrore, presentava il peggio della fauna australiana. Chiamato “This is why Americans are so scared of Australia!”, era tutta una compilation di ragni, serpenti, coccodrilli, lucertolone e così via! Insomma, quanto più stereotipico potete immaginare quando pensate agli animali australiani! E anche i commenti dei nostri followers sono stati da manuale: schifo, paura, disgusto, ribrezzo… e una generale convinzione a non voler mai mettere piede Down Under per evitare tutte queste creature! Continue reading “La mia verità sugli animali pericolosi d’Australia”

Il mio 2018 in libri

C’è chi inizia l’anno nuovo con una lista di buoni propositi, e c’è chi ne approfitta per fare il punto su quello che è riuscito ad ottenere nei 12 mesi passati. E c’è chi invece sceglie, come già l’anno scorso, di raccontarvi il mio anno appena finito in un modo un po’ diverso: anche quest’anno voglio raccontarvi il mio il 2018 attraverso i libri che mi hanno tenuta compagnia mese dopo mese.  Continue reading “Il mio 2018 in libri”

Weekend di campeggio sul Lake Macquarie

Chi mi conosce sa che io non amo le grandi città: sono una che al cemento preferisce la terra sotto i piedi, e ai grattacieli preferisce gli alberi sopra la testa. Milano non mi è mai andata a genio proprio per quel suo essere così metropoli, così urbana, così costruita. A vivere in una città a volte mi manca l’aria, ho bisogno di spazi aperti, cieli azzurri e prati verdi. Continue reading “Weekend di campeggio sul Lake Macquarie”

Quest’anno mi regalo te

Qualche giorno fa, proprio alla vigilia del mio 31esimo compleanno, l’Avvocato ha finalmente trovato quel primo capello bianco sulla mia testa che da anni ormai si era ostinato a cercare. Il pessimo tempismo dell’aver trovato quel primo capello bianco a 31 anni invece che 32 non mi ha lasciata indifferente, credetemi! Continue reading “Quest’anno mi regalo te”