I siti UNESCO in Australia: quali non perdere

L’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, istituita a Parigi nel 1946, ha come obiettivo quello costruire la comprensione interculturale attraverso la protezione e la salvaguardia dei siti di eccezionale valore e bellezza. Per farlo, nel 1972 è stata ratificata la Convenzione per la protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale con l’obiettivo di identificare e salvaguardare quei siti di eccezionale valore universale, ovvero particolarmente importanti per tutte le popolazioni del mondo, a prescindere dai paesi nei quali si trovino. Sono oggi oltre 1100 i siti UNESCO, sparpagliati in 167 paesi del mondo, con l’Italia che ne detiene il maggior numero, 55.

L’Australia ha attualmente 20 siti nella lista del patrimonio mondiale, di cui 4 siti culturali, 12 naturali e 4 misti. Le meraviglie del patrimonio mondiale di questo splendido paese spaziano dalla foresta pluviale preistorica e gli antichi insediamenti aborigeni a paesaggi unici e attrazioni naturali, oltre al patrimonio dei detenuti e agli iconici edifici del XX secolo. Alcuni sono elencati per i loro valori del patrimonio, altri per i loro valori naturali o culturali. Molti hanno raggiunto il loro status speciale grazie alla passione e all’impegno degli ambientalisti, assicurando che questi luoghi speciali saranno sempre apprezzati.

Tra tutti questi, ecco i siti UNESCO in Australia che proprio non potete perdervi, divisi per stato/territorio.

New South Wales

Il New South Wales ospita il maggior numero di siti UNESCO in Australia, inclusi la Willandra Lakes Region, il Washpool and Gibraltar Range, il Shield Volcano Group, il New England Group, il Main Range Group, Iluka Nature Reserve, il Hastings-Macleay Group, il Focal Peak Group, la Barrington Tops Area, la Old Great North Road, Old Government House and the Government Domain e Hyde Park Barracks.

Sydney Opera House

Il sito Patrimonio dell’Umanità più famoso del New South Wales è sicuramente la Sydney Opera House. Il Teatro dell’Opera è stato inaugurato nel 1973 ed è tra gli edifici più riconoscibili al mondo. La Sydney Opera House costituisce un capolavoro dell’architettura del XX secolo. Il riconoscimento è stato dato sulla base della sua impareggiabile progettazione e costruzione; le sue eccezionali conquiste ingegneristiche e l’innovazione tecnologica e la sua posizione di icona dell’architettura di fama mondiale. È un esperimento audace e visionario che ha avuto un’influenza duratura sull’architettura emergente della fine del XX secolo. Il concetto di design originale di Utzon e il suo approccio unico alla costruzione hanno dato impulso a una creatività collettiva di architetti, ingegneri e costruttori. La Sydney Opera House è anche di eccezionale valore universale per i suoi risultati nell’ingegneria strutturale e nella tecnologia degli edifici. Infine, l’edificio è un grande monumento artistico e un’icona, accessibile alla società in generale.

Australian Convict Sites – Cockatoo Island

Ci sono più di 3000 siti rimasti in Australia che sono stati utilizzati come luoghi per i detenuti britannici e sono stati costruiti dalle flotte britanniche all’inizio del periodo coloniale della storia dell’Australia. Undici di questi siti sono stati scelti come i migliori esempi nel paese, e sono disseminati in quasi tutti gli stati. L’isola di Cockatoo fu aperta come prigione per detenuti che creavano problemi nel 1839 e operò per circa 30 anni. Data la ricchezza di arenaria dell’isola, i detenuti furono impiegati nella costruzione di caserme, magazzini e cantieri navali, molti dei quali sono ancora oggi visibili sull’isola. Dopo la fase di costruzione iniziale, la maggior parte dei detenuti ha lavorato nei cantieri navali, costruendo barche da utilizzare nella colonia. Anche se la prigione cessò di funzionare nel 1869, i cantieri navali dell’isola di Cockatoo continuarono a funzionare, fino al 1991!

Lord Howe Island Group

L’isola di Lord Howe, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è uno dei veri tesori nascosti dell’Australia. Situata a circa 800 chilometri a nord-est di Sydney, al largo della terraferma australiana, Lore Howe è un vulcano spento circondato da barriere coralline e coperto dalla foresta pluviale tropicale. Esplorare l’isola è molto divertente, poiché il numero di turisti sull’isola è limitato a un livello molto basso, quindi non è mai così affollato. C’è sempre spazio sulle spiagge incontaminate, nessuna competizione per i migliori spot per il surf e lo snorkeling e le viste dal Monte Gower su tutta l’isola sono spettacolari. Ospita anche diverse specie di uccelli migratori, comprese diverse specie in via di estinzione e gran parte dell’isola è riservata ai santuari degli uccelli e il birdwatching è un altro dei grandi piaceri di Lord Howe.

Greater Blue Mountains

La colossale Greater Blue Mountains Area, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è costituito da 8 parchi nazionali separati in una vasta area a ovest di Sydney. In realtà fanno parte di una catena montuosa molto più grande nota come Great Dividing Range, che corre lungo l’intera costa orientale dell’Australia. Sebbene la maggior parte dell’area dichiarata Patrimonio dell’Umanità sia remota e inaccessibile, l’area più famosa è il Parco Nazionale delle Blue Mountains, incentrato intorno alla città di Katoomba. Nonostante siano chiamata “montagne”, la zona è in realtà un altopiano di arenaria, a circa 1100 metri di altitudine con gole e valli lunghe e profonde, scavate da fiumi e torrenti. E crea uno spettacolo spettacolare: la scintillante arenaria dorata circondata da alberi, il terreno accidentato sotto ogni vedetta e le cascate che scendono a cascata sulle scogliere.

Victoria

Il Victoria ospita anche il Budj Bim Cultural Landscape.

Royal Exhibition Building and Carlton Gardens

Il Royal Exhibition Building fu costruito nei Carlton Gardens di Melbourne nel 1879 e nel 1880 per la Melbourne International Exhibition del 1880. Successivamente ha ospitato la seconda mostra internazionale di Melbourne, la Centennial International Exhibition del 1888. Il Royal Exhibition Building è uno dei grandi monumenti duraturi del movimento delle Esposizioni Internazionali, iniziato a metà del XIX secolo per dimostrare la fiducia e le conquiste dell’era industriale. Il Royal Exhibition Building è rappresentativo dello stile del movimento espositivo internazionale, basato su uno schema assiale Beaux-Arts con l’edificio come un palazzo, principalmente in stile Rundbogenstil tedesco e rinascimentale italiano (la cupola è stata influenzata dalla cupola del Duomo di Firenze del Brunellescchi). I Carlton Gardens sono stati progettati dall’architetto che ha progettato l’edificio e conservano ancora la disposizione dell’originale Exhibition Gardens. Il giardino formale ornamentale del palazzo, rappresentato dai Carlton Gardens, è sostanzialmente intatto nella forma e nei viali alberati. Durante le mostre internazionali del 1880 e del 1888, il South Garden era il sito del “giardino dei piaceri” che conteneva le mostre mentre il North Garden è stato utilizzato per ospitare padiglioni di mostre temporanee durante le due mostre internazionali. Nonostante il grande impatto del movimento fieristico internazionale in tutto il mondo e la natura impressionante dei numerosi edifici progettati e costruiti per ospitare queste mostre, pochi rimangono. Ancora meno conservano la loro autenticità in termini di posizione e condizioni originali. Il Royal Exhibition Building, nella sua cornice originale dei Carlton Gardens, è uno dei rari sopravvissuti.

Queensland

Il Queensland ospita anche altri siti UNESCO come il Shield Vulcano Group, il Main Range Group, il Focal Peak Group e Riversleigh.

Great Barrier Reef

La Grande Barriera Corallina è un sito di notevole varietà e bellezza sulla costa nord-orientale dell’Australia. Contiene la più grande collezione al mondo di barriere coralline, con 400 tipi di coralli, 1.500 specie di pesci e 4.000 tipi di molluschi. Ha anche un grande interesse scientifico come habitat di specie come il dugongo (“mucca di mare”) e la grande tartaruga verde, che sono minacciate di estinzione. In quanto ecosistema di barriera corallina più esteso al mondo, la Grande Barriera Corallina è un’entità eccezionale e significativa a livello globale. Praticamente l’intero ecosistema è stato iscritto come Patrimonio dell’Umanità nel 1981, coprendo un’area di 348.000 chilometri quadrati. All’interno del GBR ci sono circa 2.500 barriere coralline individuali di varie dimensioni e forme, e oltre 900 isole, che vanno da piccoli isolotti sabbiosi e più grandi isolotti con vegetazione, a grandi e aspre isole continentali che sorgono, in un caso, oltre 1.100 metri sul livello del mare. Collettivamente questi paesaggi e paesaggi marini forniscono alcuni degli scenari marittimi più spettacolari del mondo. Al momento dell’iscrizione, la valutazione IUCN affermava “… se solo un sito di barriera corallina al mondo dovesse essere scelto per la Lista del Patrimonio Mondiale, la Grande Barriera Corallina è il sito da scegliere”.

Fraser Island

Fraser Island, nota anche con il nome aborigeno di K’gari, si trova appena al largo della costa orientale dell’Australia. Con i suoi 122 km di lunghezza, è la più grande isola di sabbia del mondo (anche se il sito UNESCO include diverse piccole isole al largo della costa occidentale dell’isola). Nell’entroterra della spiaggia si trovano maestosi resti di alte foreste pluviali che crescono sulla sabbia e metà dei laghi dunali d’acqua dolce arroccati nel mondo. La combinazione di mutevoli dune di sabbia, foreste pluviali tropicali e laghi lo rende un sito eccezionale. Infine, l’isola vanta la più grande falda acquifera non confinata del mondo su un’isola di sabbia.

Wet Tropics of Queensland

Questa zona, che si estende lungo la costa nord-orientale dell’Australia per circa 450 km, è costituita in gran parte da foreste pluviali tropicali. Questa zona straordinariamente bella è estremamente importante per la sua biodiversità ricca e unica. Presenta anche una registrazione senza precedenti dei processi ecologici ed evolutivi che hanno modellato la flora e la fauna dell’Australia, contenente i relitti della grande foresta di Gondwana che copriva l’Australia e parte dell’Antartide da 50 a 100 milioni di anni fa. Tutti i marsupiali unici dell’Australia e la maggior parte dei suoi altri animali hanno avuto origine negli ecosistemi della foresta pluviale e i loro parenti più stretti sopravvissuti si trovano nei Tropici umidi. Questi relitti viventi dell’era Gondwana e la loro successiva diversificazione forniscono intuizioni uniche al processo di evoluzione in generale. Forniscono inoltre informazioni importanti per l’interpretazione dei fossili di piante e animali trovati altrove in Australia e sull’evoluzione della flora delle sclerofille e della fauna marsupiale australiana in particolare.

Western Australia

Nel Western Australia è presente anche il sito UNESCO del Purnululu National Park.

Ningaloo Coast

Il sito marino e terrestre patrimonio UNESCO si trova sulla remota costa occidentale dell’Australia, e comprende una delle barriere coralline più lunghe del mondo. L’oceano interconnesso e la costa arida formano paesaggi e paesaggi marini esteticamente sorprendenti. A terra il sito presenta un esteso sistema carsico e una rete di grotte sotterranee e corsi d’acqua. In superficie, la penisola di Cape Range appartiene a un’arida ecoregione riconosciuta per i suoi alti livelli di ricchezza di specie ed endemismo, in particolare per uccelli e rettili. Le acque costiere ospitano tra i 300 e i 500 squali balena ogni anno in coincidenza con eventi di deposizione di coralli di massa e aumenti localizzati stagionali della produttività. Ma la costa di Ningaloo ospita numerose altre specie marine, tra cui le tartarughe marine.

Australian Convict Sites – Fremantle Prison (former)

La prigione di Fremantle è un promemoria fisico del contributo dato dai detenuti australiani alla costruzione di questa nazione. La prigione contiene resti straordinariamente ben conservati della prima fase dell’insediamento europeo dell’Australia occidentale, un tempo in cui il lavoro dei detenuti veniva usato per sviluppare le colonie in erba. La prigione è una delle più grandi strutture di detenuti sopravvissute al mondo e il suo progetto era parzialmente basato sulla prigione di Pentonville in Gran Bretagna. La prigione di Fremantle comprende 16 strutture intatte costruite da detenuti circondate da un muro perimetrale in pietra calcarea alto sei metri. Il complesso è costituito da un blocco di celle principali, una cappella, reparti, portineria, residenze degli ufficiali carcerari, cortili e celle refrattarie, due cappelle, edifici di servizio, un ospedale, officine e case di guardia. Il blocco delle celle principali ospitava 570 uomini: 240 in dormitori e 330 in celle separate di 2,1 metri per 1,2 metri. In una delle celle sono sopravvissute opere d’arte illecite di un detenuto condannato al trasporto per falso.

siti unesco in Australia

Shark Bay

Sulla costa dell’Oceano Indiano, nel punto più occidentale dell’Australia, le acque, le isole e le penisole di Shark Bay che coprono una vasta area di circa 2,2 milioni di ettari (di cui circa il 70% sono acque marine) hanno una serie di caratteristiche naturali eccezionali, tra cui una delle le praterie di fanerogame più grandi e diversificate del mondo. Tuttavia è per le sue stromatoliti (colonie di stuoie microbiche che formano depositi duri a forma di cupola che si dice siano le più antiche forme di vita sulla terra) che la zona è più rinomata. La proprietà è anche famosa per la sua ricca vita marina, inclusa una vasta popolazione di dugonghi, e fornisce un rifugio per una serie di altre specie minacciate a livello globale.

Northern Territory

Il Northern Territory è l’unico territorio/stato australiano che ancora non ho visitato perciò non posso che parlare per sentito dire dei due incredibili patrimoni dell’umanità che ospita.

Kakadu National Park

Il Parco Nazionale Kakadu è un paesaggio culturale vivente con valori naturali e culturali eccezionali. Questa riserva archeologica ed etnologica unica, situata nel Territorio del Nord, è stata abitata ininterrottamente per più di 50.000 anni. Le pitture rupestri, le incisioni rupestri e i siti archeologici risalenti a migliaia di anni fa registrano le abilità e lo stile di vita degli abitanti della regione, le pratiche di caccia e raccolta, la struttura sociale e le cerimonie rituali delle società indigene dalla preistoria agli aborigeni che ancora vivono lì. Il più grande parco nazionale in Australia e uno dei più grandi ai tropici del mondo, Kakadu preserva la più grande varietà di ecosistemi del continente australiano, comprese vaste aree di savana, foreste aperte, pianure alluvionali, mangrovie, distese fangose ​​di marea, aree costiere e foreste monsoniche. Il parco ha anche un’enorme diversità di flora ed è una delle aree meno colpite della parte settentrionale del continente australiano. Il suo scenario spettacolare include paesaggi di straordinaria bellezza, con scarpate alte fino a 330 metri che si estendono in una linea frastagliata e ininterrotta per centinaia di chilometri. È un esempio unico di un complesso di ecosistemi, tra piane di marea, pianure alluvionali, pianure e altopiani, e fornisce un habitat per una vasta gamma di specie rare o endemiche di piante e animali.

siti Unesco in Australia

Uluṟu-Kata Tjuṯa National Park

Questo parco, precedentemente chiamato Uluru (Ayers Rock – Mount Olga) National Park, presenta spettacolari formazioni geologiche che dominano la vasta pianura di sabbia rossa dell’Australia centrale. Uluru, un immenso monolite, e Kata Tjuta, le cupole rocciose situate a ovest di Uluru, fanno parte del tradizionale sistema di credenze di una delle più antiche società umane del mondo e i proprietari tradizionali di Uluru-Kata Tjuta sono ancora oggi gli aborigeni Anangu. Uluru è un enorme monolite di arenaria rossa arrotondato di 9,4 chilometri di circonferenza che sale a oltre 340 metri sopra la pianura. L’arte rupestre nelle grotte intorno alla sua base sono un’ulteriore prova delle tradizioni culturali durature di Anangu. A circa 32 chilometri a ovest di Uluru si trovano le 36 cupole dai lati scoscesi di Kata Tjuta; le cupole coprono un’area di 3500 ettari con il monte Olga, l’elemento più alto, che sale fino a un’altezza di 500 metri. Quest’area è sacra per la legge degli uomini di Anangu e, come tale, la conoscenza dettagliata di essa è limitata.

Tasmania

Altri siti UNESCO sono Macquarie Island, Woolmers Estate, Darlington Probation Station, Cascades Female Factory e Coal Mines Historic Site.

Australian Convict Sites – Port Arthur Historic Site

Port Arthur è stata fondata nel 1830 come insediamento penale. Rimane una cronaca fisica di una parte drammatica della storia dell’Australia. I suoi circa 60 edifici e il paesaggio pittoresco offrono ai visitatori un mix stimolante di bellezza e orrore e hanno aiutato il sito a diventare la destinazione turistica più popolare della Tasmania. Port Arthur era una destinazione nota per il duro lavoro, come la raccolta e l’estrazione di legname. Si stima che circa 3.000 detenuti minorenni siano stati ospitati in una struttura speciale a Port Puer, dove i ragazzi detenuti lavoravano in varie bande di lavoratori, imparavano un mestiere e ricevevano istruzione scolastica e religiosa. Il sito storico di Port Arthur è composto da più di 30 edifici, rovine e case immerse in 40 ettari di terreno paesaggistico. Gli edifici e le strutture che rimangono in piedi o come rovine includono il penitenziario, la prigione separata, la casa del comandante, l’ospedale, la fila degli ufficiali, i cantieri navali, la chiesa, l’ospedale e un cimitero sull’isola dei morti. Il sito fornisce prove preziose e tangibili della forma fisica del sistema penale in Australia, nonché un ampio corpo di fonti documentarie e materiali archeologici. I giardini, i terreni e il lungomare forniscono uno scenario pittoresco per gli edifici e le rovine dell’insediamento penale, in contrasto con la realtà aliena e inospitale dell’era dei detenuti.

siti unesco in Australia

Tasmanian Wilderness

La Tasmanian Wilderness è una delle più grandi riserve di conservazione in Australia. In una regione che è stata sottoposta a gravi glaciazioni, questi parchi e riserve, con le loro ripide gole, che coprono un’area di oltre 1,5 milioni di ettari, costituiscono una delle ultime distese di foresta pluviale temperata al mondo e una delle tre più grandi aree selvagge temperate rimaste nell’emisfero meridionale. La regione ospita alcune delle grotte più profonde e lunghe dell’Australia. È rinomata per la sua diversità di flora e alcuni degli alberi più longevi e delle piante fiorite più alte del mondo crescono nell’area. La Tasmanian Wilderness è una roccaforte per diversi animali estinti o minacciati nell’Australia continentale. La Tasmanian Wilderness contiene centinaia di siti archeologici, tra cui molti siti di grotte risalenti al tardo Pleistocene e all’inizio dell’Olocene. Resti trovati nelle grotte calcaree attestano l’occupazione umana dell’area per oltre 20.000 anni. I primi siti di grotte sono la prova di quelle che sono attualmente considerate le persone più meridionali del mondo durante l’ultimo periodo glaciale, che facevano parte della prima linea della prima espansione degli esseri umani moderni in tutto il mondo.

Norfolk Island

Kingston and Arthur’s Vale Historic Area

L’area storica di Kingston e Arthurs Vale (KAVHA), sull’isola di Norfolk, è di eccezionale importanza per la nazione come insediamento di detenuti che attraversa l’era del trasporto verso l’Australia orientale dal 1788 al 1855. Norfolk Island è stata fondata come insediamento penale nel 1788 e in seguito divenne famosa come un “inferno in terra” senza “speranza di ritorno”. KAVHA comprende più di 40 edifici, gruppi di edifici, rovine e resti archeologici entro 225 ettari di terreno relativamente indisturbato. Tutte le strutture sono state costruite da detenuti in calcare estratto sull’isola o con legname locale: ci sono complessi militari, uffici, cottage, un Commissariat Store e un cimitero. Ci sono anche due complessi di prigionieri e strutture industriali dove i detenuti venivano incarcerati, lavoravano e talvolta venivano giustiziati. È un paesaggio ricco che evoca la severa punizione dei detenuti e un’era di riforme di breve durata sotto il comandante Maconochie. Il sito è anche associato agli sviluppi globali nella punizione dei crimini durante il 19 ° secolo, incluso il “sistema dei marchi” di Maconochie.

siti unesco in Australia

L’Australia è meravigliosa tutta da vedere, ma alcuni luoghi sono senza dubbio un po’ più speciali di altri. Questi sono i siti UNESCO in Australia che secondo me non potete perdervi, ma anche tutti gli altri meritano decisamente una visita. E voi quali avete visitato?

29 thoughts on “I siti UNESCO in Australia: quali non perdere

  1. Adoro leggere i tuoi post sull’ Australia, di queste meraviglie qualcosa ho già visto e molto altro spero di vedere , a dire il vero li vorrei vedere tutti !

  2. Sogno l’Australia da quando sono piccola e vedere quanti siti unesco ci sono fa aumentare esponenzialmente la mia voglia!
    Una nazione ricca di bellezza ed infinitamente variegata, piena di natura e selvaggia come piace a me!
    Bellissimo articolo

    1. Ti auguro allora di riuscire a visitare l’Australia al più presto e vedere quanti più siti UNESCO possibile!

  3. Mi piace vedere come l’Australia sia così variegata e come i Patrimoni UNESCO siano totalmente diversi tra loro, dal naturale all’artificiale, dall’arte alla barriera corallina. L’Australia sembra proprio essere un Paese a tutto tondo!

  4. Qualche sito in Australia allora l’ho visto: Opera House, Uluru, Kakadu, barriera corallina ma quello che mi ha sempre stupito di questo paese è quanto sia selvaggia, natura all’ennesima potenza.

    1. Sicuro ne hai visti e anche di belli. L’Australia attira proprio per il suo essere selvaggia, è la natura la sua vera forza

  5. Mi piacerebbe tantissimo vedere la barriera corallina. Ne ho già vista una a Sharm El Sheik, ma quella dell’Australia credo che sia totalmente doversa…più grande e ricca. Non credevo che ci fossero così tanti siti UNESCO. L’Australia la vedo così lontana, ma spero che un giorno riesca ad andarci.

    1. Non ho visto quella di Sharm ma ne ho viste altre e la Great Barrier Reef davvero non ha eguali!

  6. Io vorrei tanto vedere l’Uluru e la barriera corallina. Poi mi piacerebbe andare in Tasmania, perché mi ricorda un cartone animato dell’infanzia hahahah! Questi almeno sono i luoghi che mi incuriosiscono di più.

  7. Mio marito adora l’Australia da quando è in è andato a 12 anni. Ha sempre una voglia matta di portarci con lui per farcela conoscere

  8. La grande barriera corallina è il mio sogno da sempre e spero davvero di poterla visitare un giorno. Pazzesca la diversità e la ricchezza di paesaggi dell’Australia, ogni sito di quelli che hai menzionato è meraviglioso; personalmente sono molto incuriosita dalle ex colonie penali che restano a testimonianza di una parte di storia che ha plasmato un intero paese.

    1. La barriera era in cima alla mia lista di must in Australia e non mi ha deluso. La storia degli insediamenti penali in Australia è molto ricca e ci ha lasciato davvero tante testimonianze

  9. Non sono ancora riuscita a visitare l’Australia, ma è sicuramente uno dei miei sogni. Conosco i luoghi che hai menzionato soltanto di nome, ma ci sono un paio di cose che vorrei assolutamente visitare: la Grande barriera Corallina e Ayers Rock. Speriamo di riuscirci!

    1. Ayers Rock ancora mi manca ma è un viaggio che vorrei fare con calma e godermelo bene!

  10. L’Australia è da sempre uno di quei viaggi che tengo buono nel cassetto, in attesa di trovare il momento migliore per aprirlo e godermelo. Spero di andarci presto, perchè è un continente che mi attira tantissimo. Non sapevo però che avesse cosi tanti siti UNESCO. Meraviglia delle meraviglie.

    1. Sicuramente è un viaggio che richiede tempo, ma secondo me è uno dei posti più belli al mondo da visitare!

  11. Non avevo idea che ci fossero tutti questi siti UNESCO in Australia, e a dire la verità non sapevo nemmeno che fosse l’Italia il paese con il più alto numero! Purtroppo tra quelli australiani non ne ho mai visitato uno perché non sono ancora stata dalle tue parti, ma almeno alcuni li ho sentiti nominare o li riconosco per averli visti in fotografia.

    1. Dal punto di vista naturale l’Australia è davvero tra i paesi più particolari al mondo e sono contenta che le sue bellezze vengano riconosciute!

  12. Nell’ultimo periodo mi sto appassionando proprio al tema Unesco. Sinceramente non credevo anche l’Australia avesse così tanti beni, non essendoci mai stata. In Italia credo di averne visti un bel pò in compenso, la mia regione ne detiene 10 e credo che nei prossimi anni il numero crescerà perchè sono state avanzate nuove istanze.

    1. In Italia siamo davvero fortunati ad avere così tanti siti importanti, il vero problema è mantenerli in buono stato

    1. In questo momento dove di viaggi veri se ne fanno pochi, non resta che viaggiare con la fantasia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.