A caccia di fantasmi a Port Arhurt, Tasmania

A sorpresa, ci svegliamo in una mattina di sole, calda e senza nuvole. È lunedì mattina, e Hobart riprende il ritmo lento della settimana lavorativa mentre noi ci godiamo ancora qualche giorno di vacanza. Dopo aver esplorato Bruny Island ieri, oggi partiamo alla scopert della Tasman Peninsula fino a Port Arthur, destinazione della giornata. A solo un’ora e mezza di macchina dalla capitale, con la sua ricca storia e la bellissima natura in cui si trova immerso, Port Arthur é una delle gite preferite da Hobart, fattibile in giornata ma ancora meglio in un paio di giorni. Continue reading “A caccia di fantasmi a Port Arhurt, Tasmania”

Luoghi simbolici: il Sydney Harbour Bridge

L’Harbour Bridge di Sydney è una delle icone più conosciute e uno dei monumenti più fotografati d’Australia. È il ponte ad arco in acciaio più largo e pesante del mondo, il sesto al mondo per lunghezza. È una presenza allo stesso tempo imponente e delicata. Domina in assoluto la baia, così come sbuca timido tra un palazzo e l’altro del centro città. Conosciuto dai locali come “l’appendiabiti”, l’Harbour Bridge collega la sponda a nord di Sydney con il centro città fin dal marzo 1932. Nonostante la sua vicina Opera House sia l’icona più conosciuta di Sydney, l’Harbour Bridge è senza dubbio il primo a cogliere il vostro sguardo quando arrivate a Circular Quay. Continue reading “Luoghi simbolici: il Sydney Harbour Bridge”

Cockatoo Island: a spasso tra cantieri navali, carceri e riformatori

Da quando ci siamo trasferiti a Sydney ho sempre voluto andare a visitare Cockatoo Island, l’isola più grande del porto di Sydney. Situata alla confluenza del fiume Parramatta e Lane Cove, Cockatoo Island è una ex prigione imperiale, scuola industriale, riformatorio e carcere. È stato anche il luogo di uno dei più grandi cantieri d’Australia nel corso del ventesimo secolo, che chiuse nel 1992. Dal 2010 Cockatoo Island è stata nominata patrimonio dell’UNESCO. Non vedevo l’ora di visitarla, e con la scusa della Biennale di Sydney questa volta ce l’ho fatta!

Continue reading “Cockatoo Island: a spasso tra cantieri navali, carceri e riformatori”

Il passato di Sydney visto dalla Vaucluse House

Vaucluse è uno dei quartieri più ricchi di Sydney. Case plurimilionarie, con piscine, campi da tennis, Ferrari e Lamborghini parcheggiate nel vialetto, godono di una vista a dir poco invidiabile sulla città e sulla baia. E proprio qui, tra le viette residenziali di questo quartieri per ricchi, nascosta dalle moltissime piante che adornano i suoi prati, c’è una delle villa più storiche di Sydney, una da cui si è deciso molto del futuro della città e dello stato: Vaucluse House. Continue reading “Il passato di Sydney visto dalla Vaucluse House”

Ladri di bambini

Forse ricorderete che qualche mese fa sono andata a fare un weekend a Canberra e in quell’occasione avevo visitato il National Museum of Australia. Uno degli oggetti che più mi avevano toccato durante la visita era il Kinchela Boys Home Gate, ovvero il cancello di un instituto per bambini aborigeni e isolani dello stretto di Torres che furono allontanati dalle loro famiglie da parte governo australiano e missioni religiose. Questo cancello è il simbolo della Stolen Generation, un fardello che l’Australia si porta dietro da decenni ma che vorrebbe bellamente dimenticare. Ed è proprio di questo che voglio parlarvi oggi. Continue reading “Ladri di bambini”

A spasso per Sydney: The Rocks

Quando Capitan Phillip buttò l’ancora nel porto di Sydney nel 1788 e decise che qui sarebbe sorta la nuova colonia inglese, The Rocks non era che un’area di, bhè, rocce appunto. Un intero promontorio di rocce arenarie su cui gli ufficiali inglesi spedirono i prigionieri di Sua Maestà affinché si costruissero degli alloggi. Più facile a dirsi che a farsi, considerando la durezza della roccia, l’assenza di strumenti adatti, ma soprattutto l’inesperienza dei prigionieri per questo tipo di attività. Continue reading “A spasso per Sydney: The Rocks”

100 anni di ANZAC

Mentre in Italia si festeggiano i 70 della liberazione, in Australia ricorrono i 100 dell’ANZAC ( = Corpi dell’Esercito Australiano e Neozelandese). Come vi avevo già raccontato qui, il corpo dell’ANZAC venne formato in Egitto nel 1915 e prese parte alla Battaglia di Gallipoli, uno dei fallimenti più catastrofici della storia, che comportò lo scioglimento del corpo. Nato per commemorare i caduti della Battaglia di Gallipoli, l’Anzac Day si è quindi trasformato in una commemorazione per tutti i caduti australiani e neozelandesi che hanno servito e sono morti in tutte le guerre, i conflitti e le operazioni di peacekeeping. Continue reading “100 anni di ANZAC”

Il peso della memoria

Facevo le medie quando ho sentito per la prima volta parlare di Auschwitz, di ebrei e di campi di concentramento. Non so se prima di allora qualcuno me ne avesse parlato, ma se anche fosse, dubito che sarei stata in grado di capire, capire veramente, la portata di quella tragedia. Perché finché le parole rimangono solo parole, finché una notizia la si legge sui libri di storia o sui giornali, è difficile che ti entri sotto la pelle e ti colpisca al cuore. Forse perché certe tragedie sono troppo grandi per essere capite solo con la mente. Forse bisogna toccarle con mano. Continue reading “Il peso della memoria”

Piccolo viaggio antropologico tra i figiani

Dopo avervi fatto un racconto generale sul mio viaggio alle Fiji, oggi voglio portarvi con me a conoscere un pochino meglio gli splendidi abitanti di queste isole! Abbiamo avuto un assaggio della vita vera al villaggio durante la gita domenicale alla messa del villaggio. Essendo l’unica occasione per visitare Nalauwaki (i turisti non possono avventurarsi fuori dal resort senza guide locali), non ce la siamo fatta scappare, anche se non sapevamo in cosa la messa sarebbe realmente consistita. E neanche sapevamo di che religione fossero i figiani! Continue reading “Piccolo viaggio antropologico tra i figiani”

Lest we forget – Per non dimenticare

Oggi qui in Australia si festeggia, l’ANZAC Day. Si tratta di una commemorazione che si tiene ogni anno in Australia e Nuova Zelanda il 25 aprile in memoria di tutti i soldati delle forze armate in Australia e la Nuova Zelanda (ANZAC è infatti l’acronimo di Australia and New Zealand Army Corps, “Corpo d’armata di Australia e Nuova Zelanda”) caduti in tutte le guerre. Continue reading “Lest we forget – Per non dimenticare”