I nazionali di scherma ci portano a Sydney

La nostra vita sociale e i nostri viaggi spesso ruotano attorno alla scherma, e così sabato io & l’Avvocato siamo partiti alla volta di Sydney, dove si sono tenuti i nazionali e regionali di scherma (oltre all’Australia infatti partecipavano anche la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia). Siamo arrivati sabato sera, ospiti del cugino dell’Avvocato, M. e della moglie A.: entrambi sulla trentina, senza figli, entrambi artisti, sono davvero delle splendide persone e non vedevo l’ora di riabbracciarli, dopo averli conosciuti due anni fa.
Domenica mattina la sveglia è suonata prima delle 7, colazione al volo, doccia, e via col taxi (questa volta l’Avvocato aveva avuto una mini borsa di studio per partecipare ai nazionali, e quindi ci siamo potuti permettere piccoli lussi come il taxi) verso la palestra, piena zeppa di schermidori di ogni età e città. Anche a distanza di un paio d’anni ho riconosciuto, e sono stata riconosciuta, da parecchi ragazzi che avevo incontrato per la stessa occasione due anni fa. Per loro è una bellissima occasione per rincontrarsi: la maggior parte dei ragazzi si conosce da un sacco di anni, e si incontra regolarmente alle gare nazionali alcune volte all’anno. In totale i schermidori di spada maschili erano 77. Oltre alla spada maschile ovviamente c’erano anche le gare individuali e di squadra di spada femminile, fioretto maschile e femminile, sciabola maschile e femminile.
La dinamica della gara consiste in due fasi: nella prima tutti gli schermidori sono divisi in 8 piste – circa 9 per ogni pista – e si confrontano tutti a turno per un massimo di 5 punti a battaglia. La seconda fase è quella delle eliminazioni dirette, perciò a seconda dei punti ottenuti alla fine della prima fase si tengono scontri ai 15 punti: chi perde è fuori, chi vince continua. Per farla breve, l’Avvocato è arrivato 14°, che è davvero un ottimo risultato: questo gli permetterà di essere circa al 10° posto nella classifica nazionale.  
Lunedì stessa routine, ma questa volta si trattava della gara a squadre per stato: l’Avvocato gareggiava per il South Australia ovviamente. La dinamica degli scontri a squadre è molto diversi: ogni squadra è composta da 3 schermidori, che si scontrano reciprocamente ai 45 punti. La squadra del South Australia ha sconfitto quella del Victoria 45 a 31, per poi perdere contro il Queensland. In questo modo sono comunque arrivati terzi, un ottimo risultato.
 Nel frattempo io ho avuto modo di conoscere di persona Antonio Signorello: diplomato all’accademia nazionale di scherma di Napoli, dal 2000 è stato allenatore della squadra nazionale italiana di scherma. Come allenatore di sciabola, nel 2004 ha contribuito alla vittoria dell’oro olimpico ad Atene. Dal 2005 è anche allenatore nazionale di fioretto femminile. È stato allenatore di Gulotta, Trillini, Pigliapoco e Tarantino. Chi se ne intende di scherma capirà che Antonio è un super allenatore; per chi non se ne intende, fidatevi! Recentemente Antonio si è trasferito in Australia e ora è l’allenatore della squadra nazionale di fioretto e sciabola. Nell’eventualità che voglia continuare a fare scherma e che ci trasferiamo a Sydney, ho pensato di incontrarlo. È un uomo alla mano e mi ha fatto una bella impressione: sicuramente averlo come maestro sarebbe un onore!
A parte la scherma, lunedì pomeriggio e martedì siamo stati a spasso per Sydney. Io c’ero già stata 2 anni e l’Avvocato chiaramente ci è stato un sacco di volte, ma è una città bellissima ed è sempre un piacere passeggiare lungo il porto e godere della spettacolare vista della Opera House e Harbour Bridge. La  mia parte preferita della città è sicuramente la zona che da Hyde Park arriva fino a Circular Quay: St Mary’s Church, il Parlamento, la libreria del New South Wales, i giardini botanici reali, il conservatorio (dove si è diplomato il papà dell’Avvocato) e ovviamente l’Opera House e l’Harbour Bridge, in tutto il loro splendore! Quanto vorrei poter vivere/lavorare con questa vista davanti agli occhi tutti i giorni!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *