Visite

Quando si vive a più di 16.000 Km e 24 di volo da “casa”, è normale non aspettarsi tante visite. Noi expat extra-europei leggiamo con invidia i racconti degli expat europei delle frequenti visite di fratelli, genitori e amici, e sogniamo il giorno in cui anche noi potremo avere la fortuna di accogliere nel nostro nuovo mondo qualche parente o amico. Io ho dovuto aspettare 3 anni e mezzo per poterlo fare. Ben 1335 giorni prima che la mia vita vecchia incontrasse quella nuova sul suolo di adozione. A mio avviso un tempo lunghissimo, prima di poter dire: “Ecco, mamma/fratello/zia/amica mia, questa è la mia nuova casa”.

Ma finalmente giovedì scorso questo giorno che attendevo con tantissima ansia è arrivato. Nella mia bellissima Sydney sono atterrati il mio fratellone e mogliettina. La mia casetta tra gli alberi li ha accolti per la penultima tappa del loro viaggio di nozze. Le mie braccia li hanno stretti felici felici. E nel mio cuore non vedevo l’ora di fargli vedere quanto di meglio questa mia nuova città ha da offrire.

E allora via, con un programma fitto fitto.

Ribbet collage1

Ci sono le Blue Mountains, con il loro verde splendore, le curve gentili, e i contorni smussati. Con le loro molte cascate da ammirare e i freschi ruscelli da guadare. Con i dirupi mozzafiato e le viste infinite. Ci sono scale da scendere veloci e salite da affrontare col fiatone. Abbiamo passeggiato per Wentworth Falls, pranzato a Leura, rincorso le cascate a Katoomba. Il verde lussureggiante di questo angolo di Australia ci ha ammaliato e stupito, rinfrescato e coccolato.

Ribbet collage2C’è la Hunter Valley, con le sue vigne rigogliose e i paesini senza tempo. Ci sono gli Shiraz e i Chardonnay, i formaggi e le birre da assaggiare. Ci sono le risate che aumentano man mano che il livello etilico sale. Ci sono le ore passate a guidare e quelle passate a scherzare. C’è il freddo di una piscina di roccia e il caldo di un ristorante tailandese. Ci sono le promesse da rifare e gli anelli da scambiare. Ci sono le emozioni di troppe prime volte per un giorno solo.

Ribbet collage3C’è il centro città, caotico e bellissimo, in una giornata di fine estate che promette pioggia ma regala sole. Ci sono le lanterne e i guerrieri del capodanno cinese. Ci sono i grattacieli da ammirare con il naso all’insù e i parchi dove riposarsi sdraiandosi giù. Ci sono edifici di cui esaltare i dettagli e quartieri di cui raccontare la storia. Ci sono palazzi che contengono ricordi e ristoranti che promettono un futuro.

Ribbet collage4C’è la bellezza della baia, ineguagliabile e inimmaginabile finchè non ci sei dentro. E noi dentro siamo andati. Una sorpresa ben riuscita, un regalo di nozze ben pensato. Una crociera al tramonto. Un veliero del primo ‘900. Un panorama come mai fino ad ora. Buon cibo e tanti brindisi. Le vele da spiegare, le corde da scalare e un timone guidato con i piedi. L’Opera House e l’Harbour Bridge che si stagliano contro il cielo in una luce mozzafiato. Una serata da non dimenticare.

Ribbet collage5C’è la suggestione della costa selvaggia, le scogliere a picco sull’oceano, le onde grosse e la sabbia fina. Ci sono le nuvole che lasciano posto a un sole meraviglioso. Ci sono i chilometri macinati con lo sguardo rivolto al mare. Ci sono i piedi pucciati a ogni spiaggia, e i pantaloni bagnati a ogni onda. C’è il cimitero più suggestivo al mondo, sempre là dove l’ho lasciato, sempre tranquillo, sempre pacifico. C’è la meta agognata e finalmente raggiunta. C’è il gelato come ricompensa. Ci sono i colori: le mille sfumature di blu del mare e del cielo, il giallo del sole e della sabbia, e il verde dei prati.

Ribbet collage6C’è la bellezza di passare 5 giorni insieme. Una coppia di neo-sposini e una di quasi sposi. Un fratello e una sorella. Un passato da ricordare e un futuro da costruire. Vita vecchia e vita nuova che si fondono. Ricordi incancellabili ed emozioni indimenticabili. Grazie, S&L, per aver scelto di passare la vostra luna di miele alla scoperta del mio continente d’adozione. Grazie per aver deciso di trascorrere 5 preziosi giorni nella mia nuova città. Grazie per averci regalato giorni di felicità. Grazie per aver portato amore, calore e famiglia nella nostra vita un po’ solitaria.

Ribbet collage2Vi vogliamo bene! <3

Immagine di copertina cortesia di pisabay.com

11 thoughts on “Visite

  1. Bellissimo! È vero le visite sono sempre molto emozionanti e si cerca di far vedere il meglio del proprio paese di adozione. Noi dovremmo ricevere la prima nonna ad aprile…chissà!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *