Guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Il Dhilba Guuranda-Innes National Park è un parco incredibilmente selvaggio e aspro sulla punta meridionale della Yorke Peninsula. Il parco è co-gestito dal South Australia Parks and Wildlife Service e dai proprietari tradizionali di Narungga. La tribù dei Narungga è composta da quattro clan: Kurnara, Windera, Wari e Dilpa. Anche gli oceani lungo la costa fanno parte del Southern Spencer Gulf Marine Park.

Il parco ospita un’abbondanza di fauna selvatica, tra cui emù, Tamar wallabies, canguri, serpenti, delfini e uccelli – di cui siamo riusciti a vedere emù, delfini e uccelli -, motivo per cui il limite di velocità di guida è piuttosto basso.

Ecco la mia guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park, con tutto quello che devi sapere per organizzare un viaggio al suo interno.

Dove si trova il Dhilba Guuranda-Innes National Park e come arrivarci

Il Dhilba Guuranda-Innes National Park si trova a circa 300 km di strada da Adelaide passando per Port Wakefield, Ardrossan, Minlaton e Warooka. Prima di entrare nel parco per iniziare la tua giornata o il tuo soggiorno, acquista il tuo pass per l’ingresso del veicolo online, al visitor centre dal parco o da uno degli agenti di prenotazione lungo la strada. Se hai intenzione di visitare altri parchi nazionali nel South Australia, ti consiglio di acquistare un pass per due mesi per $48 oppure un pass della validità di un anno per $108 per veicoli: entrambi possono essere acquistati online.

È anche una buona idea scaricare mappe di parchi e campeggi sul tuo telefono mentre hai ancora la ricezione di Internet, che all’interno del parco è piuttosto scarsa. Un’altra opzione è ottenere l’app Avenza PDF Maps e scaricare la mappa del parco. Quando sei al parco, l’app utilizzerà il GPS integrato del tuo telefono per tracciare la tua posizione in tempo reale su una mappa, anche quando non disponi di connessione Internet.

Il parco è davvero una landa selvaggia, e questo significa anche che ci sono strutture disponibili limitate, quindi dovrai venire preparato. In particolare, assicurati di portare abbastanza acqua potabile e cibo in quanto non ci sono negozi all’interno del parco. È anche una buona idea mettere in borsa un cappello, occhiali da sole, crema solare e un repellente per insetti. Se hai intenzione di fare un’escursione, è anche essenziale indossare calzature e abbigliamento adeguati, come pantaloni lunghi e scarpe adatte.

I cani non sono ammessi in questo parco nazionale, con eccezione degli animali di servizio.

Il parco è accessibile ai veicoli 2WD, con la strada principale che attraversa la regione che è asfaltata. Ci sono piccole strade secondarie per le spiagge e i fari che sono tutte sterrate, ma in buone condizioni.

Cosa fare e vedere al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Quando vieni a Innes non troverai un’abbondanza di attività, tour organizzati o attrazioni. Sei davvero qui per goderti l’ambiente naturale con un po’ di storia. Aspettati di trascorrere il tuo tempo qui guidando, ammirando panorami fantastici, camminando nella boscaglia e magari facendo un tuffo nell’acqua incontaminata.

Stenhouse Bay Lookout Walk

Essendo la baia all’ingresso del parco nazionale, Stenhouse Bay è un luogo molto popolare per le famiglie, in quanto l’acqua può essere buona per nuotare quando è calma – peccato che durante la nostra visita ci fosse un vento molto forte in questo punto del parco – e c’è un lungo molo per la pesca. Tuttavia, un vero punto forte è la Stenhouse Bay Lookout Walk, un percorso ad anello di 2 km che parte dal parcheggio vicino al campeggio e al molo e ti porta su e intorno alle scogliere sopra la baia. I panorami lungo la costa di Investigator Strait sono incredibili, inoltre puoi leggere i pannelli informativi lungo il percorso per saperne di più sulla storia dell’area.

Innes National Park Road Viewpoint

Subito dopo aver attraversato l’ingresso del parco e superato il campeggio Stenhouse Bay, la strada supera un’altura e poi scende di nuovo. Questo offre uno dei posti più incredibili in cui fermarsi per una foto dato che da qui si può vedere la costa frastagliata con la strada che si snoda sul terreno. All’inizio della discesa c’è uno spiazio dove potersi fermare sul lato sinistro con molto spazio: puoi tranquillamente uscire dalla strada qui e fermarti per una foto, tuttavia fai attenzione poiché è un po’ in curva e potresti non vedere arrivare le macchine.

Guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Cape Spencer Lookout

Situato all’estremità meridionale del parco, questo nuovo belvedere offre viste impareggiabili sull’ampia costa sottostante. Preparati per una breve passeggiata per raggiungere il belvedere dal parcheggio e goderti le molteplici piattaforme di osservazione, dove in lontananza vedrai Investigatr Strait, Althorpe Island Conservation Park e Kangaroo Island.

Cape Spencer Lighthouse

Risali in macchina e prosegui lungo Pondalowie Bay Road. Svolta a sinistra all’incrocio segnalato e dirigiti verso il faro di Cape Spencer. Dal parcheggio, c’è una breve passeggiata di 300 metri che ti porterà al faro e al belvedere, che offre una vista costiera a quasi 360 gradi delle spettacolari scogliere, così come attraverso lo stretto di Investigator fino all’isola di Althorpe. Suggerimento: se guardi attentamente, all’orizzonte sarai in grado di individuare il faro dell’isola di Althorpe e i cottage che ospitavano i guardiani del faro residenti dal 1879 al 1991. Da qui siamo riusciti a vedere un branco di delfini che nuotavano nelle limpide acque della baia ed è stata un’emozione fortissima!

Guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Inneston

Torna indietro verso Pondalowie Bay Road e gira a sinistra. Dopo circa 2 chilometri, svolta a destra e dirigiti verso la storica cittadina abbandonata di Inneston. Inneston era una volta una vivace città mineraria di gesso che ospitava circa 200 persone all’inizio del 1900. Le operazioni minerarie cessarono durante la Grande Depressione e nel 1970 fu completamente abbandonata. L’Inneston Heritage Walk, completa di segni interpretativi, fornisce una panoramica dell’era mineraria mentre vaghi per gli edifici storici che includono una scuola, un panificio, un emporio, un ufficio postale, case di dirigenti e lavoratori, fabbrica di gesso e stalle. C’è anche un vecchio campo da cricket e campi da tennis utilizzati dagli ex residenti. Da allora alcuni degli edifici della township sono stati ristrutturati e possono essere prenotati per la notte. La cittadina fantasma sorge sulle sponde dell’omonimo lago, un paradiso limpido e salmastro, dove crescono le stromatoliti, ovvero escrescenze marine molto rare simili al corallo costruite da alghe e sedimenti. Pare che qui si possa anche fare il bagno e, se vieni all’ora giusta, riuscirai anche a “camminare sulle acque” – ovvero percorrere la stradina che con la bassa marea appare a metà circa del lago tagliandolo in due.

Ethel Beach & Wreck

L’Ethel era una nave di ferro a tre alberi da 711 tonnellate che si incagliò su questa spiaggia durante una tempesta nel 1904 mentre era in rotta verso il Sud Africa. La tempesta spinse la nave sulla spiaggia, dove rimase intatta per molti anni. A metà degli anni ’80 lo scafo è finalmente crollato, ma c’è ancora molto da vedere con molti grandi pezzi di ferro arrugginito che sporgono dalla sabbia. Il relitto contorto ora crea foto affascinanti e vale la passeggiata fino alla spiaggia.

West Cape Lighthouse & Beach

Un faro dall’aspetto più moderno, ma che fa il suo lavoro stando a circa 70 metri sul livello del mare, sulla costa occidentale del parco nazionale. Se avete voglia di fare due passi, seguite il bel percorso ad anello di 1 km intorno al promontorio e al faro dal parcheggio. Non è ben segnalato ma devi solo seguire il bordo della scogliera fino a tornare al punto di partenza. L’intero promontorio è spoglio, quindi le viste a 360 gradi si estendono in tutte le direzioni.

C’è anche una spiaggia appena a sinistra del faro, con una scala in legno che scende direttamente alla sabbia dal parcheggio.

Questo è uno dei luoghi migliori dove consumare il proprio pranzo al sacco in quanto offre tavoli da picnic e servizi igienici situati vicino al parcheggio.

Guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Pondalowie Bay, Dolphin Beach & Shell Beach

Trascorri il pomeriggio esplorando le spiagge di Pondalowie Bay, Dolphin Beach e Shell Beach.

Pondalowie Bay è famosa per il surf ed è sede di uno degli eventi di surf pro-am più prestigiosi dello stato, The Yorkes Classic, che attira alcuni dei migliori surfisti della nazione. È possibile accedere alla spiaggia utilizzando il sentiero e la passerella che conduce dal parcheggio Pondalowie Surf Break. Rilassati sulla spiaggia e guarda i surfisti o fai un tuffo se il mare è relativamente calmo. Tieni presente che le forti correnti possono rendere pericoloso il nuoto, quindi fai attenzione e nuota sempre con un compagno.

Dolphin Beach potrebbe essere una delle spiagge più belle del South Australia. Dolphin Beach è una splendida spiaggia di sabbia bianca, acqua cristallina, rocce colorate e scogliere frastagliate. È accessibile a soli 100 metri dal parcheggio, con alcune scale in legno per raggiungere la sabbia. È perfetta per nuotare, con acque molto calme e limpide, adatte anche ai bambini. Inoltre, fedele al suo nome, potresti avvistare alcuni delfini che nuotano nella piccola baia. Se cammini sulle rocce a sinistra delle scale di legno e segui la costa proprio intorno, arriverai a un’incredibile piscina naturale di roccia. È sicura solo con la bassa marea, ma è un posto segreto che non molte persone conoscono.

Shell Beach è la spiaggia successiva a Dolphin Beach, un’altra splendida baia di sabbia bianca. Simile a Dolphin Beach, vi si accede con una breve passeggiata dal parcheggio e scendendo le scale di legno. È un altro ottimo posto per rilassarsi sulla spiaggia e fare una nuotata, con acque calme. Anche qui c’è una piscina rocciosa, scendendo sulla sabbia dalle scale e poi proseguendo a destra fino alla fine della spiaggia. Qui dovrai scavalcare lo sperone roccioso e se continui a salire fino alla fine delle rocce, vedrai una grande pozza rocciosa che è l’ideale per lo snorkeling. Tuttavia, assicurati di conoscere gli orari delle maree in modo da non rimanere bloccato quando l’acqua si alza. A Shell Beach si trova anche un campeggio che di permette di goderti la spiaggia senza la folla dei visitatori giornalieri.

Dove alloggiare al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Se vuoi soggiornare nel Parco Nazionale di Innes, il campeggio è lo stile di alloggio principale. Ci sono sei diversi campeggi intorno al parco, la maggior parte con accesso alla propria spiaggia. È perfetto se vuoi goderti alcuni dei luoghi senza la folla di chi visita il parco di giorno e apprezzare anche gli incredibili tramonti e albe sulla costa. Hanno tutti servizi igienici di base, ma per il resto sono accampamenti molto semplici. Il campeggio nel Parco nazionale di Innes costa $ 24 per piazzola a notte e devi prenotare e pagare online qui.

Stenhouse Bay Campground: il campeggio principale, situato vicino all’ingresso del parco. Con 25 grandi piazzole, è perfetto per tutti gli allestimenti tra cui roulotte, camper, tende e furgoni. È a pochi passi da Stenhouse Bay Jetty e Little Emu Beach.

Cable Bay Campground: un piccolo campeggio con vista sulle isole al largo, ci sono solo nove piazzole, ma è adatto a tutti i diversi allestimenti, comprese roulotte e tende.

Pondalowie Campground: ci sono due diversi campeggi a Pondalowie, uno solo per tende e l’altro per roulotte e camper. Ha accesso a Pondalowie Bay e non è lontano dal surf break.

Shell Beach Campground: un campeggio piccolo e appartato per camper, piccoli furgoni e tende, questo posto ha otto piazzole con molta ombra ed è a pochi passi da Shell Beach.

Gym Beach Campground: il luogo più appartato di tutti i campeggi, ci sono sei piazzole per roulotte, tende e camper. È accessibile solo da Gym Beach Road, dall’esterno del parco.

Per chi preferisce una sistemazione più tradizionale nell’Inneston Historic Township, SA Parks offre alloggi indipendenti in lodge ospitati in edifici storici. È un posto incredibilmente unico per svegliarsi nel parco nazionale. È possibile prenotare online qui.

Altrimenti, l’altra opzione è rimanere al di fuori del confine del parco nazionale. Un paio di opzioni di alloggio nelle vicinanze includono:

Marion Bay Ville: situata a Marion Bay, questa struttura offre una villa con 2 camere da letto a 10 minuti a piedi dalla spiaggia. La villa indipendente è l’ideale per coppie o famiglie. Verifica la disponibilità qui.

Colline Drive: situato fuori Marion Bay, puoi prenotare l’intera casa vacanze che vanta quattro camere da letto. È perfetto per una vacanza in famiglia o una vacanza di gruppo. Verifica la disponibilità qui.

Itinerario Weekend nel Parco Nazionale dell’Innes

Giorno 1: guida verso l’Innes National Park e fermati a Marion Bay per i rifornimenti dell’ultimo minuto. Entra nel parco e guida verso Cape Spencer Lighthouse. Fermati al punto di osservazione della strada e al belvedere di Chinamans Hat Island lungo la strada. Cammina fino al faro di Cape Spencer e goditi la vista dal promontorio. Quindi torna a Stenhouse Bay. Prepara l’alloggio per la notte. Parti per la Stenhouse Bay Lookout Walk nel tardo pomeriggio e goditi Little Emu Beach al tramonto.

Giorno 2: guida più in profondità nel parco nazionale, oltre i luoghi in cui ti sei fermato ieri. Dirigiti verso l’Inneston Historic Township, se vuoi saperne di più sulla storia della zona e ammirare il lago Inneston. Altrimenti, continua a guidare fino a Ethel Beach per fermarti e vedere Ethel Wreck. Quindi, guida fino al faro di West Cape per fare la passeggiata ad anello di 1 km. Se sei un surfista, fermati al Pondalowie Surf Break per un surf pomeridiano e campeggia nel vicino Pondalowie Campground. Oppure, puoi guidare un po’ più lontano, per goderti Dolphin Beach e campeggiare allo Shell Beach Campground.

Giorno 3: alzati presto e goditi Dolphin Beach, Shell Beach o Browns Beach tutta per te. Puoi fare una nuotata o rilassarti sulla sabbia. Successivamente, dirigiti verso Royston Head per la passeggiata di ritorno di 5 km per ammirare panorami incredibili. Purtroppo, il tuo tempo nel parco nazionale è scaduto ma sarai riuscito a visitare la maggior parte delle attrazioni.

Guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park

Ed eccoti la mia guida al Dhilba Guuranda-Innes National Park, che spero ti possa essere utile per organizzare una visita in questo stupendo parco nella Yorke Peninsula.

Il meglio di Barcellona in 3 giorni

Barcellona è senza dubbio tra le città europee più amate e visitate. Sarà il bel tempo, il mare, la solarità dei suoi abitanti e la bontà del suo cibo; sarà la bellezza e l’unicità dei suoi monumenti, sarà la vita notturna sempre in movimento, sarà la musicalità della sua lingua… Barcellona è una città che affascina e fa innamorare. Che sia la prima o la decima volta che la si visiti!

Continue reading “Il meglio di Barcellona in 3 giorni”

Una giornata a Geelong, Victoria

Geelong si è reinventata. Quella che un tempo era una città industriale, oggi è un hub creativo e un paradiso per amanti della buona cucina e del buon caffè. Dalla conversione di un vecchio mulino nel birrificio della Little Creatures, alla trasformazione del lungomare in uno splendido posto dove divertirsi, Geelong è cambiata profondamente.  Continue reading “Una giornata a Geelong, Victoria”

Cosa vedere in 3 giorni a Vienna

Non so perché, ma i paesi di lingua tedesca non sono mai stati in cima alla mia lista di destinazioni da visitare. Forse per la lingua decisamente non orecchiabile (a mio avviso), forse per la quasi assenza di sbocchi sul mare, forse per quell’immagine di paese grigio che ho sempre avuto, ma nei miei anni di viaggi Germania e Austria non sono mai stati presi in considerazione. Finché non sono stata per la prima volta in Austria, e lì la mia opinione su questo paese è cambiata totalmente.  Continue reading “Cosa vedere in 3 giorni a Vienna”

Weekend di campeggio sul Lake Macquarie

Chi mi conosce sa che io non amo le grandi città: sono una che al cemento preferisce la terra sotto i piedi, e ai grattacieli preferisce gli alberi sopra la testa. Milano non mi è mai andata a genio proprio per quel suo essere così metropoli, così urbana, così costruita. A vivere in una città a volte mi manca l’aria, ho bisogno di spazi aperti, cieli azzurri e prati verdi. Continue reading “Weekend di campeggio sul Lake Macquarie”

Come passare uno splendido weekend a Seattle

Conosciuta anche come la Città di Smeraldo (ma anche la Città della Pioggia) grazie a tutto il verde che la circonda, Seattle e dintorni sono a mio avviso una delle zone più affascinanti e spettacolari degli Stati Uniti. Certo, forse sarò di parte, dato che nel Greater Puget Sound ci ho vissuto un anno durante il mio scambio con Intercultura, ma credetemi: una visita a Seattle non vi lascerà delusi e vale bene la pena di uscire dai soliti itinerari turistici!

Continue reading “Come passare uno splendido weekend a Seattle”

2 giorni a Stoccolma

Stoccolma è una delle capitali europee più gettonate quando si deve scegliere dove trascorrere un week end all’estero. L’indiscutibile bellezza naturale che circonda la capitale e la possibilità di visitarla tranquillante a piedi, oltre al fatto che in città chiunque parli inglese, sono sicuramente tra i motivi principali di questa scelta. Stoccolma è stupenda in tutte le stagioni, anche nel cuore dell’inverno – quando l’ho visitata io – e sono sicura che un solo weekend in città vi farà venire voglia di poter passarci più tempo.

Continue reading “2 giorni a Stoccolma”

I belvedere di Roma: i migliori punti per ammirare la capitale dall’alto

Roma è la città migliore dove perdersi nei vicoli, passeggiare tra le antiche rovine, macinare chilometri con il naso all’insù per non perdersi nessuna delle infinite meraviglie che la nostra Capitale racchiude. Ma Roma ha l’invidiabile vantaggio di sedere su sette colli e questo consente a noi visitatori di poter ammirare la città da diversi livelli e punti di vista. E questo è uno degli aspetti di Roma che più adoro! D’altronde, chi non ha mai desiderato ammirare la capitale dall’alto, poter vedere con un unico colpo d’occhio tutto il centro storico e i colli circostanti, oppure osservare particolari di monumenti difficili da cogliere da una prospettiva consueta?

Continue reading “I belvedere di Roma: i migliori punti per ammirare la capitale dall’alto”

Guida al Grampians National Park

Il Grampians National Park è una destinazione perfetta per una gita o un weekend fuori porta da Melbourne, oppure come tappa intermedia in un viaggio on the road verso Adelaide, passando dalla imperdibile Great Ocean Road. In questo caso, il luogo perfetto dove passare la notte è Halls Gap, nel cuore dei Grampians: non solo questo è un luogo molto pittoresco dove passare la serata e la notte, ma è anche il luogo perfetto dove avvistare canguri della tenue luce del tramonto e dell’alba. Da qui poi potrete proseguire alla scoperta del Grampians National Park, una catena montuosa antica tanto quanto il Dreamtime. Continue reading “Guida al Grampians National Park”

Una giornata a Palm Beach

A solo un’oretta di macchina dal centro di Sydney, Palm Beach è considerata la più settentrionale delle northern beaches di Sydney. Resa famosa dalla serie TV australiana Home and Away – che per la precisione non ho mai guardato –, Palm Beach e il suo famoso faro sono tra le destinazioni più popolari per una gita fuori porta sia per i locali che per i turisti che visitano Sydney. Continue reading “Una giornata a Palm Beach”