Un libro in valigia: “The Passengers” di Eleanor Limprecht

Insieme a “The Choice“, il premio per il miglior libro letto negli ultimi due anni va sicuramente a questo libro. Ho amato fin da subito “The Passengers” di Eleanor Limprecht per quel suo essere ambientato a Sydney, nei quartieri che frequento quotidianamente da anni, negli anni appena prima e a cavallo della seconda guerra mondiale. Una storia d’amore, di lontananza, di speranza e di paura. Una storia che esplora i viaggi che compiano, i sacrifici che facciamo e la sofferenza che patiamo per amore. Una storia che racconta come quello che più desideriamo è quello che ci siamo lasciati alle spalle, un passato che continua a essere presente nonostante il passare del tempo.

Continue reading “Un libro in valigia: “The Passengers” di Eleanor Limprecht”

Il mio 2018 in libri

C’è chi inizia l’anno nuovo con una lista di buoni propositi, e c’è chi ne approfitta per fare il punto su quello che è riuscito ad ottenere nei 12 mesi passati. E c’è chi invece sceglie, come già l’anno scorso, di raccontarvi il mio anno appena finito in un modo un po’ diverso: anche quest’anno voglio raccontarvi il mio il 2018 attraverso i libri che mi hanno tenuta compagnia mese dopo mese.  Continue reading “Il mio 2018 in libri”

Un libro in valigia: “The Little Coffee Shop of Kabul” di Deborah Rodriguez

Come spesso accade ultimamente, sono capitata su questo libro per caso, al lavoro, quando l’ho trovato tra altri nella nostra piccola biblioteca. Mi ha attirato la copertina colorata, mi ha attirato il titolo e la descrizione sul retro e così ho cominciato a leggere: ed è stato amore a prima pagina! Un libro adatto soprattutto a un pubblico femminile, ma che sicuramente chiunque apprezzerà. Eccovi “The Little Coffee Shop of Kabul” di Deborah Rodriguez. Continue reading “Un libro in valigia: “The Little Coffee Shop of Kabul” di Deborah Rodriguez”

Un libro in valigia: “Dove nasce l’arcobaleno” di Andrea Caschetto

Quando tuo padre rifiuta di crescerti e non è che un’occasionale voce al telefono, cresci con la voglia di amore. Quando a 15 anni ti diagnosticano un cancro al cervello, riesci ad apprezzare ancora di più la bellezza della vita. Quando la tua memoria si rifiuta di ricordare quello che non è emozione pura, ecco che la ricerca di sentimenti forti diventa il faro che guida il tuo cammino. Questa è la storia di Andrea Caschetto, quella che l’ha portato a fare il giro per il mondo regalando sorrisi ai bambini degli orfanotrofi e delle strade. È la storia che racconta nel suo libro “Dove nasce l’arcobaleno“, di cui vi voglio parlare oggi.

Continue reading “Un libro in valigia: “Dove nasce l’arcobaleno” di Andrea Caschetto”

“The Book of Mormon”, il Musical. Quando saper ridere della religione fa bene

Da ex ballerina e da amante della danza in tutte le sue forme, i musical sono da sempre una delle mie passioni. Negli anni sono riuscita a vedere quasi tutti gli spettacoli di questo genere che sono passati da Milano – e scegliere quello che mi è piaciuto più di tutti è un’impresa impossibile –, oltre ad avere avuto la fortuna di andare a vedere un paio di musical a Broadway durante il mio primo viaggio a New York. Purtroppo invece l’Avvocato – anche se, o forse proprio per questo, viene da una famiglia di musicisti – proprio non ama questa forma d’arte e quindi a Sydney di musical non ne abbiamo mai visti. Fino ad ora. Continue reading ““The Book of Mormon”, il Musical. Quando saper ridere della religione fa bene”

Un libro in valigia: “Tre tazze di tè” di Greg Mortenson

Devo ringraziare Liz, una delle volontarie di Medici Senza Frontiere, per avermi fatto scoprire alcuni tra i libri più belli che abbia letto ultimamente. Tra questi c’era Disgrace” di Coetzee, e “Tre tazze di tè” di Greg Mortenson e David Relin, di cui vi voglio parlare oggi. Un libro alla scoperta di un angolo di mondo lontano, remoto e ignorato dai più, in un momento storico di assoluta importanza. Un libro alla scoperta della generosità umana e dell’amore per il prossimo più genuino e altruista che ci sia. Continue reading “Un libro in valigia: “Tre tazze di tè” di Greg Mortenson”

Un libro in valigia: “Il profumo del caffè” di Anthony Capella

Da quando ho cominciato la rubrica “Un libro in valigia” vi ho sempre raccontato libri che parlano di viaggi o di altri luoghi. Viaggi che ti fanno scoprire un altro mondo, altre usanze e altre culture. La lettura in questo senso è un ottimo modo per viaggiare pur senza lasciare il proprio salotto di casa. Solitamente prediligo libri attuali, o per lo meno moderni. Con questo libro che sto per raccontarvi invece ho fatto un salto nel passato della Londra del 1896 e del suo impero in eterna espansione. Eccovi “Il profumo del caffè” di Anthony Capella.

Continue reading “Un libro in valigia: “Il profumo del caffè” di Anthony Capella”

Un libro in valigia: “Vai e vivrai” di Radu Mihaileanu

Regalai questo libro al mio Big Brother nel 2005, in un momento molto delicato della nostra vita. Dopo la tragedia che ci privò di nostro padre e cambiò il resto della nostra vita, avevamo tutti bisogno di un lieto fine. Avevo tanto sentito parlare di questo libro e all’epoca lo trovai perfetto alla sensibilità di mio fratello e al suo interesse per la storia: lo divorammo entrambi in  un battibaleno, lo adorò lui e lo amai io. E poi ovviamente me ne sono dimenticata, fino al mio recente viaggio in Italia, in cui mi è ricapitato tra le mani e sono tornata a leggerlo. Continue reading “Un libro in valigia: “Vai e vivrai” di Radu Mihaileanu”

Il mio 2017 in libri

A inizio anno mi piace riguardare ai 12 mesi appena trascorsi e riflettere su quello che ho fatto e realizzato. Quest’anno, invece che il solito bilancio dei successi e fallimenti dell’anno passato, e i buoni propositi per l’anno che comincia, voglio invece raccontarvi il mio 2017 in libri. Adoro leggere, da sempre, tanto quanto amo scrivere, e cerco sempre di leggere il più possibile. Non sempre è facile, il tempo non è mai abbastanza, ma si fa quel che si può. Eccovi una piccola recensione di tutti i libri che ho letto negli ultimi 12 mesi, sperando che possa essere di inspirazione a qualcuno di voi! Continue reading “Il mio 2017 in libri”

Un libro in valigia: “Diventare sorelle a Teheran” di Massimo Paradiso

Per molti leggere è una fuga dalla realtà, una distrazione dai problemi quotidiani; per altri la lettura è un viaggio complesso verso terre lontane, culture distanti e paesaggi sconosciuti. E poi c’è chi legge per capire, per approfondire, per migliorare la propria comprensione del mondo. Io ammetto umilmente di rientrare più nelle prime due categorie che nella terza, salvo quando proprio non sia un libro in particolare a inspirarmi. E con “Diventare sorelle a Teheran” di Massimo Paradiso è stato così. Continue reading “Un libro in valigia: “Diventare sorelle a Teheran” di Massimo Paradiso”