Alla scoperta di Chichén Itzá in Messico, tra le sette meraviglie del mondo

Le rovine di Chichén Itzá sono in assoluto un must da non perdere durante un viaggio in Messico. Dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO nel 1988 sono state inserite anche tra le “Nuove sette meraviglie del mondo”. Chichén Itzá è il più famoso e meglio conservato tra i siti archeologici presenti nella penisola messicana dello Yucatan ed è considerato tra i più importanti della cultura Maya.

Questo sito archeologico è bistrattato da tutti come stra-turistico e stra-visitato: ma se è tra i luoghi più famosi del mondo, un motivo ci sarà! Sicuramente può essere molto affollata di turisti e venditori di souvenir, e questo certamente rovina un po’ l’atmosfera, ma fidatevi che vale lo stesso la pena di visitare questo grande sito.

Eccovi la mia guida per visitare Chichén Itzá in Messico.

Dove si trova Chichén Itzá

Chichén Itzá è un’antica città situata nello stato dello Yucatan, nel Messico orientale, proprio a metà strada tra Merida e Cancún. La posizione di Chichén Itzá è privilegiata, poiché si trova intorno alle città più importanti della penisola dello Yucatan e abbastanza vicino a destinazioni come Tulum e Playa del Carmen a Quintana Roo, e Valladolid, Mérida e Izamal nello Yucatán.

Come arrivare a Chichén Itzá?
Ci sono diversi modi per arrivare a Chichen Itza a seconda di dove alloggiate:

  • Valladolid: la città turistica più vicina a Chichén Itzá, dista 30-40 minuti dal sito Maya lungo l’autostrada Costera del Golfo 180. Ci sono anche i mezzi pubblici disponibili al terminal di Valladolid.
  • Cancun: il modo più comune per arrivare a Chichén Itzá da Cancun è con tour guidato, tuttavia potete noleggiare un’auto o prendere l’autobus pubblico a Cancun Downtown. La distanza tra queste due località è di circa 2,5 ore.
  • Da Playa del Carmen: la distanza da Playa del Carmen a Chichén Itzá è di circa 180 chilometri, 2,5 ore circa. Anche in questo caso potete scegliere un tour, prendere l’autobus pubblico o noleggiare una macchina.
  • Tulum: ci vogliono 2 ore per arrivare a Chichén Itzá da Tulum lungo l’autostrada 109.
  • Mérida: capitale dello Yucatán, ci vogliono circa 1 ora e mezza per raggiungere il sito Maya.
  • Izamal: la città gialla è molto vicina al sito archeologico, a solo 1 ora di distanza lungo l’autostrada 180.

A causa della posizione della penisola dello Yucatán, a sud del Tropico del Cancro e circondata dalle calde acque tropicali del Golfo del Messico e dell’Oceano Pacifico, ha un clima tropicale caldo e umido. Le temperature nella penisola Maya sono molto elevate e costanti durante tutto l’anno tra i 28ºC di dicembre-gennaio e i 35ºC di maggio-agosto. La penisola Maya ha due stagioni piovose tra maggio e ottobre, e tra novembre e aprile. Il periodo migliore per visitare Chichén Itzá a seconda dei mesi è tra marzo e maggio perché non piove molto e non c’è molto turismo. Dopo questi mesi, il secondo periodo migliore per visitare Chichén Itzá è tra dicembre e febbraio a causa del tempo, ma lo svantaggio è che ci sono molti turisti, quindi se vi recate in Messico in questo periodo cercate di arrivare presto al sito (tra le 8 e le 11 di mattina), oppure nel primo pomeriggio. Il mese da evitare è settembre dato che è quello con la più alta incidenza di uragani che colpiscono soprattutto le coste.

Storia di Chichén Itzá

Chichén Itzá è uno dei principali siti archeologici della penisola dello Yucatan. Era ed è una città sacra e un centro di pellegrinaggio Maya fondato dagli Itza, i cosiddetti stregoni dell’acqua, intorno all’anno 435. Il nome Chichén infatti significa “bocca del pozzo” e Itzá si riferisce a coloro che lo fondarono, le Itzáes “streghe dell’acqua”.

I Maya svilupparono una delle culture più affascinanti ed enigmatiche dell’umanità nel cuore delle fitte giungle del Chiapas, Guatemala, Yucatán, Honduras e Belize. Sebbene l’habitat in cui si stabilirono non fosse molto favorevole allo sviluppo urbano, raggiunsero un grande splendore e tra il 3° e il 10° secolo i Maya eressero città come Tikal, Copán, Quiriguá, Palenque e Piedras Negras, governate da re divini e intriganti, che oggi sono noti per aver combattuto permanentemente per aumentare il loro potere.

Crearono raffinate corti nelle quali promossero le arti e le scienze finché, a metà del IX secolo, per ragioni non del tutto chiarite, queste città furono abbandonate e la popolazione si riorganizzò in piccoli nuclei rurali o emigrò verso nord. Dopo un primo abbandono e declino della città, intorno all’anno 900 Chichén Itzá ricevette nuove ondate di popoli Itza e conobbe una rinascita politica e culturale con influenze tolteche che la consolidò come il principale centro di potere nella penisola dello Yucatán. Si ritiene che in questa nuova fase ciò che è accaduto a 1.500 chilometri di distanza, nella città di Tula, dove i violenti conflitti si conclusero con l’espulsione di una fazione politica, abbia molto a che fare con esso. Questa parte era guidata da un sovrano di nome Topilzin Quetzalcóatl, che arrivò nelle terre Maya con l’ideologia del loro dio Quetzalcóatl, chiamato Kukulcán nella lingua Maya. Da quel momento in poi, la sua immagine apparve rappresentata mille e una volta negli edifici che furono eretti a Chichén Itzá.

Chichén Itzá in Messico

Le rovine di Chichén Itzá

Gli edifici di Chichén Itzá sono tra i più impressionanti della cultura Maya, avendo una delle Nuove Sette Meraviglie del Mondo: El Castillo o la Piramide di Kukulcan. Ma Chichén Itzá non è solo la Piramide di Kukulcan, ma ha anche molti edifici con molta storia e colori.

El Castillo o Piramide di Kukulcan

Il Castello o Piramide di Kukulcan è uno degli esempi più alti e notevoli di architettura Maya e fu costruito durante il culmine della cultura Itza-Cocom, durante la decadenza di Mayapan. È una piramide a quattro lati, con un tempio rettangolare sulla sommità. Nella cupezza del Castello esiste un progetto estetico austero e pauroso, e un concetto di bellezza ispirato ai bellicosi popoli che dominavano quelle terre. La facciata principale di questo tempio ha due colonne che rappresentano serpenti con le fauci aperte: questi formano l’ingresso principale, sormontato da una grande maschera del dio Chaac. La piramide fu costruita sopra una struttura precedente, più piccola, alta solo 16 metri.

Chichén Itzá in Messico

Il campo del gioco della palla

Il gioco della palla è caratteristico delle società mesoamericane ma si trattava più di un rito cerimoniale che uno sport e probabilmente rappresentava la ricreazione simbolica del mitico combattimento tra notte e giorno. C’è un fenomeno acustico singolare peculiare del Ball Game Court: se si parla nel Tempio all’estremità meridionale la voce può essere udita all’estremità opposta, poiché il suono risuona lungo le pareti del Tempio Nord. Il Tempio dei Giaguari è stato costruito sulla parete est del Ball Game: un interessante mosaico si ripete per tutta la lunghezza del fregio con due giaguari che avanzano, da direzioni diverse, verso uno scudo rotondo. Il tableau superiore è riempito con i corpi di due serpenti piumati, con le teste ai bordi del fregio e le code intrecciate al centro.

Lo Tzompantli

La struttura è una grande piattaforma il cui dettaglio più notevole è la collocazione dei teschi nella decorazione a bassorilievo che dà il nome alla struttura: la piattaforma dei teschi. Questo è il monumento che dà la più chiara testimonianza della pratica del sacrificio umano, compiuta per fini religioso-militari, dai governanti di Chichén Itzá. Le pareti della piattaforma dello Tzompantli hanno scolpito bellissimi rilievi di quattro soggetti diversi: il soggetto principale è la stessa rastrelliera del cranio, altri mostrano una scena con un sacrificio umano, aquile che mangiano cuori umani e guerrieri scheletrati con frecce e scudi.

Chichén Itzá in Messico

La piattaforma delle aquile e dei giaguari

Questa è una piccola piattaforma con quattro scale. Alla base della struttura è presente una parete verticale con pannelli in rilievo che mostrano immagini che si riferiscono al percorso del sole nel cielo durante il giorno e alla sua discesa negli inferi di notte, come “Sole della Terra”. Le aquile e i giaguari simboleggiano i guerrieri che catturano le vittime per nutrire il dio del sole. I “Cavalieri dell’Aquila” erano arcieri vestiti in abiti di piume dell’uccello che attaccavano il nemico prima che tutti gli altri soldati combattessero corpo a corpo. I “Cavalieri del Giaguaro” invece erano i membri più feroci dell’esercito, modellati su quelli che si trovano altrove nel Messico centrale: combattevano corpo a corpo, con mazze di legno con punte di coltelli di ossidiana, indossando armature fatte di pelli di giaguaro e elmi di teste di giaguaro.

Chichén Itzá in Messico

Il tempio dei guerrieri

Il Tempio dei Guerrieri è una delle strutture più imponenti e importanti di Chichén Itzá, alta 21 metri e larga 40 metri. Il tempio centrale mostra rilievi di guerrieri, aquile e giaguari che divorano cuori umani, nonché rappresentazioni del dio Tlalchitonatiuh. Potrebbe essere l’unico edificio Maya tardo classico conosciuto sufficientemente grande per ospitare riunioni davvero grandi. Il tempio è costituito da quattro piattaforme, fiancheggiate sui lati sud e ovest da 200 colonne rotonde e quadrate. Il Tempio dei Guerrieri è accessibile da un’ampia scalinata con una semplice rampa a gradini su entrambi i lati, e ogni rampa ha figure di alfieri per tenere le bandiere. Davanti all’ingresso principale era adagiato un camoscio mentre sulla sommità, colonne a serpente che avevano una forma a S sostenevano architravi in ​​legno (ora scomparsi) sopra i portali.

Il sacro Cenote

Il cenote è un pozzo aperto di forma naturale il cui diametro da nord a sud è di 50 metri e da est a ovest di 60 metri. Nell’ambito del culto offerto al dio dell’acqua i Maya preispanici facevano offerte cerimoniali, gettando nel pozzo molti oggetti preziosi. Successivamente, hanno introdotto la pratica di fare sacrifici umani con guerrieri, bambini e fanciulle gettati sul fondo del cenote. Ad un lato della sponda sud del pozzo vennero costruite delle piattaforme su due livelli, che forse servivano come sedili per coloro che assistevano alle cerimonie. Accanto a questo si possono vedere le rovine di un edificio che fu adattato a bagno di vapore o temazcal, dove si suppone che le vittime fossero purificate. Posizionata contro questo edificio c’è un’altra piattaforma che pende dal bordo del cenote, da cui sarebbero state fatte le offerte.

Ossario

Conosciuto anche come il Tempio del Sommo Sacerdote, l’Ossario è una piramide a Chichén Itzá con nove blocchi a gradini e una scala su ciascun lato. Le scale contano con balaustre scolpite con serpenti ad incastro che conducono a un tempio in alto, il cui ingresso mostra due colonne di serpenti. Fu costruito sopra una profonda e vasta caverna, alla quale si può accedere dall’ingresso ricavato nel pavimento del tempio superiore. All’ingresso della caverna ci sono sette tombe che contenevano offerte di giada, cristallo di rocca, conchiglie e rame. A dispetto di quello che il nome potrebbe far pensare, l’Ossario era stato progettato per il registro solare: il suo orientamento infatti, a 17 gradi da nord, permetteve di osservare un evento astronomico rilevante sul calendario rituale agricolo, ovvero il passaggio centrale del sole dal 23 maggio al 19 giugno. La prima data coincide con l’inizio della stagione delle piogge a queste latitudini.

In pratica, questo osservatorio cenitale è simile ad altri edifici trovati a Xochicalco, Morelos, Teotihuacan, Oaxaca e altri luoghi. Fu costruito, come gli altri, in modo da avere un riferimento più preciso nel registro dei tempi. È composto da una presa d’aria verticale, dove discende il sole, che inizia in quello che corrisponderebbe al pavimento del tempio superiore e termina nella “Roccia Madre”, profonda 10 metri, dove sono stati rinvenuti diversi oggetti, come sculture, ossa e oggetti in conchiglia. In termini di rituali, l’Ossario è stato realizzato come una replica della Montagna Cosmica, dove si manifestano le forze sacre. Su questa struttura si replica la creazione del cosmo da parte degli Dei nel Tempo Mitico.

Chichén Itzá Messico

Altre strutture

Altre strutture presenti a Chichén Itzá sono la Casa del Cervo – oggi quasi interamente distrutta -, il Chinchanchob o Casa Rossa e la Chiesa. In zone più defilate del sito si trovano inoltre il Gruppo Meridionale – composto dall’osservatorio e dal convento -, l’Akab Dzib e il bellissimo El caracol – una delle poche strutture circolari costruite dai Maya, utilizzata probabilmente per osservazioni astronomiche attraverso aperture nella parte superiore della torre.

Curiosità

Agli equinozi il sole è posizionato direttamente sopra l’equatore e la durata del giorno e della notte è quasi uguale, il che significa che i due emisferi della terra ricevono i raggi del sole allo stesso modo. Non per niente la parola “equinozio” significa “notte uguale” in latino. Chichén Itzá è il luogo più popolare in Messico per celebrare l’equinozio di primavera con migliaia di visitatori radunati per assistere ai fenomeni dei movimenti di luce e ombra, come serpenti, che scendono i gradini della Piramide di Castillo. Sembra che un serpente lungo 120 piedi si stia insinuando al piano di sotto finché non si unisce alla testa di un enorme serpente in fondo alle scale.

L’equinozio di Chichén Itzá è davvero una dimostrazione drammatica della conoscenza astronomica Maya, dell’architettura straordinaria e dell’incredibile geometria. Questi uomini costruirono una piramide per calcolare il periodo dell’anno in cui le ore del giorno e della notte erano uguali nel 1500 a.C. È un’esperienza di vita per molti visitatori che appaiono per alcuni giorni intorno alle 16:00 di marzo tra il 19 e il 23 (le date dell’equinozio di primavera possono cambiare di anno in anno). Ma l’effetto della luce è più evidente nella data effettiva dell’equinozio di primavera.

Info pratiche per visitare Chichén Itzá

Il sito di Chichén Itzá è aperto 7 giorni dalle 8:00 alle 17:00, con l’ultimo ingresso alle 16.00. Gli spettacoli di luce iniziano alle 19.00 in autunno e inverno e alle 20.00 in primavera ed estate e durano circa 1 ora. Il tempo stimato per vedere questo sito è di 3/4 ore, ma francamente è così grande e interessante che potreste tranquillamente trascorrere un’intera giornata qui. Se visitate il sito nei periodi di alta stagione cercate di arrivare presto al sito (tra le 8 e le 11 di mattina), oppure nel primo pomeriggio. Quando visitate Chichén Itzá ci sono due tipi di tasse incluse nei biglietti, una per l’Istituto di Storia e Antropologia del Messico (INAH) e l’altra per il Ministero della Cultura dello Yucatán (Cultur). Il biglietto di ingresso costa $533 MXN (circa €25) per adulti e $80 MXN (circa €4) per bambini tra i 3 e i 12 anni. La domenica l’ingresso è gratuito per cittadini messicani e stranieri con residenza in Messico (dietro fornitura di un documento d’identità), quindi a meno che non rientrate in queste categorie vi consiglierei di evitare questo giorno perché è il più affollato. Il parcheggio ha un costo aggiuntivo di $30 MXN (circa €1,5). Se desiderate assistere allo spettacolo delle luci, il biglietto è acquistabile dalle 15.00 del giorno stesso ad un costo di $600 MXN (circa € 28).

Chichén Itzá Messico

Il sito archeologico di Chichén Itzá è la seconda “Nuova meraviglia del mondo” che ho visitato dopo il Colosseo di Roma, ma sicuramente non è seconda a nessuno in termine di bellezza e importanza storico/culturale. Se vi trovate a visitare questo angolo di Messico, non potete ovviamente perdervela e non lasciatevi dissuadere da chi la definisce una trappola per turisti: visitare Chichén Itzá in Messico è un must!

28 thoughts on “Alla scoperta di Chichén Itzá in Messico, tra le sette meraviglie del mondo

  1. sono stata a Chichen Itza molti anni fa e mi sembra di ricordare di essere salita sulla piramide. Ricordo che mi aveva particolarmente colpito il bassorilievo con i teschi e tutto il concetto di divinità che ha spiegato molto bene nel tuo articolo che ho letto con estremo interesse e mi ha insegnato cose che non sapevo. Sarebbe bellissimo esserci durante l’equinozio di primavera e vedere l’ombra del serpente che striscia sulle gradinate

    1. Immagino che le cose siano cambiate negli anni, tante “attrazioni” a cui si poteva accedere liberamente ora sono state chiuse per preservarle. Sicuramente da un lato un peccato ma dall’altro una necessità imprescindibile

  2. Non si puo´salire sulla piramide, vero? Ho visto (o megli osentito sentito!) l’effetto acustico di cui parli in un paio di altri monumenti. Uno e’ a Milano, in un porticato in centro di cui ora mi sfugge il nome. E’ davvero strano!

    1. No, su quella principale non si può. Non sono molti i siti dove questo è consentito, ovviamente per preservarli meglio.

  3. Chichén Itzá , ci sono stata due volte e ci tornerei una terza, che luogo stupendo come lo è tutto il Messico

    1. Devo ammettere che forse non è stato il mio sito preferito proprio per la folla ma è senza dubbio incredibile e va visitato!

  4. Mio marito è affascinato dal Messico e dalla storia dei Maya, Chichen Itza è uno di quei luoghi della sua lista che prima o poi speriamo di visitare insieme per immergerci in un mondo così lontano dal nostro.

    1. Chissà che emozione per lui riuscire finalmente a visitare il Messico allora. Ti consiglio anche tutti i siti minori, perché sono veramente interessanti e non devi combattere con la folla di turisti che trovi qui.

  5. Bellissimo Chichén Itzá, credo di averci passato quasi tutta la giornata, venivamo da Tulum e poi ci fermammo a Merida, ma meritava davvero, nonostante la fatica, il caldo, ma è uno di quei posti che lasciano il segno!

    1. Concordo, io rimpiango di non averci passato più tempo ma dopo aver già visto quasi una decina di altri siti, eravamo un po’ stanchi di piramidi e rovine, devo ammettere.

  6. Questo è un luogo che vorrei visitare prima o poi. Io sono affascinata dalla cultura Maya perciò non posso non vedere questo posto. Ammetto che non pensavo fosse così ampio, grazie per tutte queste informazioni utili per organizzare il viaggio!!!

    1. Onestamente noi ci siamo stancati prima di riuscire a visitarlo tutto. Tra il caldo e la ressa, può essere veramente stancante ma ovviamente ne vale la pena!

  7. Un luogo davvero denso di storia e cultura. Grazie per questa immersione nella storia del Messico, al momento non l’ho ancora visitato ma è in lista.

    1. Sicuramente è tra i siti più impressionanti e importanti nella cultura Maya anche se ovviamente non il solo che merita di essere visitato!

  8. Anche noi abbiamo visitato il Chichen Itza durante il nostro viaggio in Messico ed uno di quei siti che ci è rimasto nel cuore.
    Oltre la bellezza di ogni angolo, ricordo il caldo asfissiante, le iguana e i banchetti di venditori locali pieni di maschere e colori.

    1. Concordo con tutto. Il caldo e la folla rovinano un po’ l’atmosfera, e sarebbe sicuramente meglio visitarlo in bassa stagione, ma è uno di quei luoghi comunque magici

  9. Il Messico è un luogo che mi ispira tantissimo e che riserva delle sorprese senza fine: sicuramente questo luogo vale la pena visitarlo, del resto la cultura Maya è molto interessante e a livello archeologico ha lasciato molto!

    1. Per te amante della cultura e della storia il Messico è davvero un paese da non perdere. Noi abbiamo visitato molti siti ed è davvero difficile dire quale sia il migliore. Ognuno è diverso e interessante a modo suo.

  10. OK, con Chichén Itzá vinci il premio “suscitare emozioni” della giornata. Io ci sono stata nel mio viaggio in solitaria di qualche anno fa e mi ha lasciato il segno.
    Io sono alle 8 di una mattinata di luglio e non ho incontrato praticamente nessuno quindi me lo sono goduto al massimo.
    Uno dei luoghi più magici del mondo!!!!!

    1. Grazie 🙂 Hai fatto la scelta migliore a visitarlo così presto. Noi non siamo riusciti ad arrivare così presto e in tarda mattinata la folla era davvero tanta. Ma non per questo non ci siamo goduti questo magnifico sito.

  11. Tanti posti che spesso vengono considerati trappole per turisti meritano una visita, almeno la prima volta che siamo in un determinato posto. Conosco di fama il sito di Chichen Itza ma purtroppo non ho avuto occasione di visitarlo perché sono stata in Messico una volta sola per lavoro e praticamente non sono mai riuscita a uscire dall’albergo e dal centro congressi!

    1. Concordo. Altrimenti ci perderemmo tesori come il Colosseo, la Torre Eiffel o la Statua della Libertà. Alcuni posti sono così famosi per un motivo per preciso: sono unici ed eccezionali!

  12. Quando ero bambina guardavo e studiavo con ammirazione la cultura maya e mi promettevo sempre che da grande sarei andata a vedere di persona questi posti meravigliosi. Ebbene ancora non ci sono riuscita!! Ora che la bimba è autonoma potrei pensare di organizzare un viaggio qui!

    1. Onestamente non l’ho trovato un viaggio difficile, abbiamo girato tutto il Messico in tranquillità e sicurezza e soprattutto se ti concentri solo su Yucatan e Quintana Roo penso che sia molto fattibile con un bambino.

  13. Uno dei miei sogni è di visitare tutte le sette meraviglie del mondo moderno, e Chichen Itza è tra quelle che mi mancano. L’ironia è che sono stata in Messico tanti anni fa, con un viaggio di gruppo, e proprio il giorno dell’escursione a questo monumento sono stata male e ho dovuto saltarla. Che sfiga!

    1. Oh che peccato! Proprio da mangiarsi le mani ma purtroppo in viaggio questi inconvenienti succedono! Anche a me piacerebbe tanto riuscire a vedere tutte le meraviglie del mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.