Il Messico coloniale: alla scoperta di Valladolid

Una delle città più rilassate della penisola dello Yucatan e del Messico coloniale, Valladolid è una piccola e affascinante città nel cuore della penisola riconosciuta come Pueblo Magico nel 2012. Con oltre 55.000 abitanti, Valladolid è la seconda città più grande dello stato dello Yucatan dopo Merida e un luogo imperdibile da visitare durante un viaggio on the road nella penisola dello Yucatan. Questo è anche un ottimo punto di partenza per esplorare la regione che la circonda: da qui infatti si possono vistare le rovine maya di Chichén Itzá ed Ek’ Balam, le grotte di Balankanché e Ría Lagartos, ma anche il villaggio costiero di pescatori di Las Coloradas e una colonia di fenicotteri che vive all’interno della Reserva de la Biósfera Ría Lagartos.

Questa è una guida completa per viaggiare a Valladolid con cose da fare, posti da vedere, dove mangiare, bar sul tetto, dove dormire e tutto il resto.

Un po’ di storia su Valladolid

Valladolid fu costruita sulle rovine dell’antico centro cerimoniale maya di Zací, chiamata così per onorare il loro capo e patriarca “Anhsaciual”, che in lingua Maya significa “Falco bianco” e che fu elevato al rango di divinità dal suo popolo. Nell’antichità Valladolid era anche una tappa del viaggio di commercianti e pellegrini che percorrevano le strade bianche che conducono a luoghi come Chichén Itzá, Ek Balam, Cobá e Yaxunah, le città precolombiane della penisola dello Yucatán.

Intorno al 1000 a.C., molti gruppi di persone provenienti da Guatemala e El Salvador, stabilirono la loro casa qui. Hanno scelto Valladolid perché era una stazione commerciale e per la sua vicinanza all’acqua, compresi i pozzi d’acqua (cenotes) Zací e Saamal. Quando i conquistadores spagnoli arrivarono c’erano ancora 19 chiefdom Maya, tra cui Chetumal, Campeche, Cuzamil (oggi Cozumel) e Kapul.

Il conquistador spagnolo “Francisco Montejo” soprannominato “Il nipote” (per differenziarlo dallo zio omonimo) fondò il villaggio di Valladolid il 23 maggio 1543, vicino a un insediamento Maya chiamato Chouac-Há. Un anno dopo, dopo aver sottomesso il gruppo Maya locale di “Cupules” e aver preso il controllo della loro capitale, fu costretto a trasferire Valladolid nella regione di Zací, a causa di un lungo periodo di maltempo e anche di un’epidemia di febbre gialla.

Valladolid è teatro di due degli eventi più significativi del Messico: la guerra di casta nel 1847 e la “prima scintilla della rivoluzione messicana” nel 1910. Non ci sono abbastanza documenti storici che descrivono la caduta di “Zací” come città. Ma ciò che è diventato chiaro è che, dopo aver combattuto contro i conquistadores in numerose battaglie, i Maya sopravvissuti rimasero odiosi dei loro oppressori spagnoli. Nel 1847 diversi gruppi etnici di Maya del sud e dell’est della penisola dello Yucatan presero le armi e si ribellarono contro la popolazione bianca, formata da “Criollos” (spagnolo nato in Messico) e “Mestizos” (razza mista), in un movimento sociale chiamato “Guerra de Castas“. Successivamente, nel 1910, ci fu un altro movimento armato che fu il precursore della ribellione contro l’allora presidente del Messico “Porfirio Díaz”, in seguito noto come “La rivoluzione messicana“. Per questo motivo, Valladolid è conosciuta come la “città eroica”.

Valladolid è anche conosciuta come “Il Sultano d’Oriente”, un titolo dato per la bellezza architettonica dei suoi edifici coloniali come il Convento di San Bernardino de Siena, il Palazzo Municipale, l’Iglesia de San Servacio e il Museo di San Roque, così come per il suo patrimonio architettonico del XIX e dell’inizio del XX secolo;,l’Ex Telar de la Aurora, il Parque Central Francisco Cantón de Rosado e la stazione ferroviaria.

Cosa vedere a Valladolid

Uno dei motivi per cui dovresti viaggiare a Valladolid è per vivere il suo fascino. La conversione al cristianesimo con un esplicito tocco coloniale ha svolto un ruolo cruciale nella formazione dell’attuale centro urbano. Le boutique stanno spuntando in vecchi edifici in stile coloniale e le vecchie haciendas fungono da ristoranti all’aperto. Alcune porte si aprono su cortili sorprendenti pieni di sorprese. Valladolid è una sorpresa continua, e ogni giorno si scopre una nuova gemma nascosta.

Cattedrale di San Gervasio & Parque Francisco Cantón Rosado

Il centro della città è ben evidente se guardate la cartina ed è occupato dal Parque Francisco Cantón Rosado, dove si trova la chiesa di San Gervasio. Inutile dire che la Cattedrale di San Gervasio è l’epitome del passaggio del vecchio insediamento alla nuova era: qui le rovine Maya e la cristianità sembrano fondersi insieme per sempre. La cattedrale appare al meglio al tramonto e per quanto bella dall’esterno, l’interno è piuttosto deludente. Dai un’occhiata e decidi tu stesso. Non ci sono costi di ingresso, puoi semplicemente entrare.

Se sei a Valladolid di domenica, allora abbiamo un consiglio per te: la sera, grandi e piccini si riuniscono per ballare sulla piazza principale. Non abbiamo mai visto niente di simile prima: pensionati e studenti ballano insieme sulla musica tradizionale messicana. Non puoi fare a meno di essere di buon umore – lo promettiamo!

Convento di San Bernardino di Siena

Dalla piazza principale (vedi punto sotto), dirigetevi verso sud-ovest per raggiungere la Chiesa e Convento di San Bernardino di Siena, che risale al XVI secolo. Più conosciuta dagli abitanti di Valladolid come il Convento del Sisal, la Chiesa e Convento di San Bernardino è uno degli edifici coloniali più belli di tutta Valladolid. Dopo aver subito diversi rimaneggiamenti simili al Duomo, forse corona l’impianto architettonico della città. E in questo, attira l’attenzione per il suo carattere ambiguo che funge allo stesso tempo da fortezza e centro religioso. All’interno della chiesa troverete magnifici affreschi originali, mentre all’interno dell’edificio del convento potrete notare magnifici giardini e un grande cenote. In alcune serate, c’è anche uno spettacolo di luci, che viene altamente raccomandato: si tiene sempre alle 21:00 (in spagnolo) e alle 21:20 (in inglese) dal mercoledì alla domenica.

Calzada de los Frailes

Per raggiungere San Bernardino, prendete Calle 41A, ovvero la Calzada de los Frailes. Questa strada è sicuramente la più bella via dello shopping di Valladolid. Le migliori (e più costose) boutique di Valladolid si trovano lungo questa via, ma anche se non vieni qui per fare shopping, ti piacerà comunque Calle 41A. Su entrambi i lati troverai solo edifici coloniali che ospitano boutique, boutique hotel, bar, ristoranti e graziosi caffè, come Tresvanbien. In generale questa strada è molto fotogenica, con diverse case dipinte con colori vivaci, e per questo molto in voga su Instagram. Uno dei miei posti preferiti da visitare a Valladolid, in Messico, di sicuro!

Cenotes

Dal centro di Valladolid è possibile raggiungere agevolmente tre grotte subacquee. Il primo, il Cenote Zací, è quello più facilmente accessibile, e si trova a pochi isolati a est del parco centrale: è un cenote aperto, il che favorisce la crescita di alghe, e l’acqua sicuramente non è così limpida come nei cenotes chiusi, ma è un ottimo modo per rinfrescarvi nelle torride giornate primaverili/estive. Nonostante il cenote sia piuttosto grande, nel pomeriggio o nelle giornate particolarmente calde è preso d’assalto da locali e turisti, perciò meglio che ci andiate la mattina o nel tardo pomeriggio.

A circa 15 minuti di macchina da Valladolid, si trovano invece i Cenotes Samulá, X’keken e Suytun. I due Cenotes Samula e X’keken, simili a grotte, si trovano nella stessa area e possono essere visitati individualmente o come parte di un biglietto combinato. Entrambe le grotte sono estremamente spettacolari: assomigliano a quelle delle grotte giganti, con stalattiti che sporgono dal soffitto e l’unica luce che entra nei Cenotes che scorre attraverso un piccolo foro dal soffitto della caverna.

Il Cenote Suytun è forse il Cenote “più instagrammabile” di Valladolid. In altre parole, la piattaforma circolare in cemento insieme all’acqua azzurra, è uno di quei tipici motivi da cartolina che vedrai su Instagram più e più volte. Quello che difficilmente vedi nelle foto, è che il cenote simile a una grotta è in realtà super buio. Non fate l’errore di visitarlo nel tardo pomeriggio, quando la luce del giorno inizia a sbiadire.

Altri cenotes della zona sono il Cenote Ik Kil vicino a Chichen Itza – da molti considerato il più bel cenote dello Yucatan – e il Cenote Xcanche vicino a Ek Balam, che offre la possibilità di fare zip lining nel cenote.

Messico coloniale Valladolid

Casa de los Venados

Valladolid non abbonda di musei e oggetti d’arte, tuttavia, il palazzo San Roque situato in posizione centrale e la Casa de los Venados o semplicemente la Casa dei cervi vantano una notevole collezione di artigianato locale. Qui si trovano varie stanze in una casa privata dedicate a oltre 3000 ceramiche artigianali, mobili e tessuti colorati. Il biglietto d’ingresso va in beneficenza. Sono disponibili visite guidate in inglese ogni giorno alle 10.

Cosa e dove mangiare a Valladolid

Valladolid è il luogo ideale per assaggiare alcuni dei piatti tipici messicani e della cucina regionale dello Yucatán, tra cui il piatto caratteristico di questa grande città, le lomitos de Valladolid, ovvero della carne di maiale in una salsa di pomodoro e aglio. Altri piatti tipici dello Yucatan che non potete non assaggiare sono:
Panuchos o gli hamburger in stile Yucatan. Queste tortillas di mais fritte nell’olio vengono solitamente servite con condimenti come lattuga, varietà di carne, pomodoro e cipolla. Possono essere aggiunti carote, avocado e altri ingredienti.
Salbute, una varietà di Panuchos serviti per lo più come antipasti leggeri ma deliziosi.
Papadzules, ovvero un delizioso ripieno di uova abbracciato dalle tortillas di mais con salsa di pomodoro e habanero.
Cochinita Pibil, che consiste in ripieno di maiale marinato in una foglia di banana, arricchito con una salsa speciale a base di arancia amara, habanero e cipolla rossa.

Se visitare i mercati locali è la vostra passione, date un’occhiata al Mercado Municipal al mattino. Si trova solo un paio di isolati a nord-est del centro città, ed è sicuramente un luogo vivace dove fare un bagno di cultura locale. Se invece volete un pranzo veloce, autentico, senza troppo pretese e veramente economico, provate il Bazar Municipal food court proprio di fronte alla Chiesa di San Gervasio.

Messico coloniale Valladolid

Se invece cercate ristoranti veri e propri, quello più consigliato è senza dubbio Yerbabuena, accanto al Convento di San Bernardino. Questo ristorante alla moda e moderno è dove troverai molti turisti e alcuni ricchi messicani locali. Servono una vasta gamma di piatti vegetariani e succhi. In una delle location più belle si trova El Jarden de los Frailes per pranzo e El Atrio del Mayab Restaurant per colazione. Per cena invece non posso che consigliarvi il Naino Restaurant, all’interno del Zenti´k Project Hotel in cui abbiamo alloggiato, che ha uno dei ristoranti migliori di tutta Valladolid.

Cosa vedere nei dintorni di Valladolid

La meta in assoluto più visitata di tutto lo Yucatan, nonché il sito Maya più famoso di tutto il Messico, è Chichén Itzá, che da Valladolid dista solo 40 minuti ed è raggiungibile con autobus e colectivos se non avete la vostra auto. Senza dubbio Chichén Itzá, una delle 7 meraviglie del mondo, merita una giornata per essere visitata con calma, ma tenete presente che ora delle 10 sarà presa d’assalto dai bus tour. Perciò andateci molto presto, se potete! Non c’è bisogno di dirti che visitare una meraviglia del mondo vicino è una delle cose migliori da fare a Valladolid.

Le rovine Maya di Ek Balam (a circa mezz’ora di macchina da Valladolid) sono considerate il fratello minore di Chichén Itzá e sono ancora un po ‘una punta di diamante qui nello Yucatán. Molti turisti la preferiscono all’affollata Chichén Itzá, ma l’ideale sarebbe visitare entrambe. Puoi quasi immaginare come vivevano le persone qui, e più qui a Ek Balam che in qualsiasi altra rovina, perché è circondato dalla giungla, il che rende l’atmosfera così speciale. Fortunatamente è ancora possibile entrare nelle rovine di Ek Balam e uno dei punti salienti è salire su El Torre, alta 31 metri, da cui godere una vista impressionante sulle rovine della città e sulla giungla. Purtroppo (o per fortuna) a Chichén Itzá non è più possibile fare quest’esperienza!

Un’altra gita molto bella che potete fare da Valladolid e che non include rovine Maya, è senza dubbio quella a Río Lagartos, che dista un’ora e mezza dalla città. Questa zona offre la possibilità di fare gite in barca che permettono di fare birdwatching, ammirare fenicotteri e coccodrilli, fare un tour delle mangrovie e bagni di fango, e infine visitare il Lago Rosa di Las Coloradas. Las Coloradas è il nome di un piccolo villaggio di pescatori situato appunto sul Lago Rosa, dove vivono alcuni fenicotteri, ma decisamente non tanti quanti a Río Lagartos. Il momento migliore per vedere il colore rosa dei laghi salati risplendere è all’ora di pranzo.

messico coloniale valladolid

Dove alloggiare a Valladolid

Noi abbiamo alloggiato per 2 notti al Zenti´k Project Hotel. Questo non è semplicemente un hotel, ma un progetto e una filosofia di vita. Non ho che belle cose da dire su questo hotel e se volete un’esperienza assolutamente unica, scegliete questo hotel. Parcheggio, colazione e wifi nella lobby inclusi, oltre che a uno dei migliori ristoranti e bar dell’intera città. Nel link trovate la mia recensione in dettaglio su questo hotel.


Lo Yucatan è uno degli stati più visitati del Messico, e senza dubbio un viaggio on the road per la penisola è il modo migliore per scoprire tutte le bellezze che lo stato nasconde. Se volete assorbire l’atmosfera unica dei pueblos magici ed esplorare il Messico coloniale, Valladolid dev’essere per forza inclusa nel vostro itinerario! Non ve ne pentirete!

32 thoughts on “Il Messico coloniale: alla scoperta di Valladolid

  1. Quanti ricordi! Purtroppo ci sono rimasta solo in giornata e ho avuto modo di visitare solamente il centro storico, ma leggendo il tuo articolo mi vengono mille rimpianti per non esserci rimasta di più. Ho la scusa per tornare grazie a te!

    1. Spesso non abbiamo il tempo per visitare i luoghi dove viaggiamo quanto vorremmo ma è sempre una buona scusa per tornarci!

  2. Mi piacciono molto le città coloniali, sono stata più volte in Messico e devo dire che Valladolid ha sempre il suo fascino, la zona poi è ricchissima di cose da vedere archeologia e mare!

  3. Le grotte subaquee devono essere un qualcosa di incredibile da vedere e fotografare. Mi piacerebbe molto!! Mi ha colpito anche il convento, ma il luogo che vorrei vedere di più in assoluto è Chichén Itzá. 😍

    1. Chichen Itza è imperdibile ma troppo turistico purtroppo! Bisogna davvero andare presto per goderselo al meglio senza la ressa di turisti

  4. Adoro le città coloniali, hanno un fascino intrigante e raccontano una storia come poche altre sanno fare! Non ho ancora preso in considerazione di visitare il Messico ma devo dire che mi ispira molto!

    1. Per me è una splendida meta di viaggio perché è un paese enorme e offre davvero tanto per ogni gusto e preferenza

  5. Che bella Valladolid, ci sono stata tanto tempo fa e quasi non la ricordavo più. Questo articolo mi ha fatta tornare con il pensiero ad una bellissima vacanza.

  6. Sogno il Messico da una vita! Bellissimo articolo e ottimi consigli!
    Mi segno tutto per un futuro, molto probabile, viaggio! Grazie

  7. Non siamo ancora mai stati in Messico, ma a quanto pare è una meta che dobbiamo subito prendere in considerazione per la prossima ” espatriata”. Tra storie leggendarie e gastronomia allettante credo proprio che questo posto faccia al caso mio!

    1. Per me è un paese incredibile che offre una grande varietà di città e natura oltre ovviamente a pazzesca storia e cibo

  8. Devo confessare la mia ignoranza, non sapevo che esistesse una Valladolid anche in Messico, il nome mi ha fatto pensare alla famosa città spagnola. In ogni caso, mi sono segnata tutto, visto che il Messico è nella lista delle cose da fare!

    1. La Vallaadolid messicana prende infatti il nome da quella spagnola e spesso vengono confuse. Io però in quella spagnola non sono mai stata!

    2. Sono rimasta davvero affascinata dalla lettura di questo articolo. La storia dei Paesi latinoamericani mi ha sempre incuriosito . Grazie davvero

      1. Grazie a te per questo tuo bel commento. Non vedo l’ora di esplorare meglio il centro e sud America!

  9. Quanti ricordi mi sono riaffiorati leggendo il tuo racconto.
    Ci sono stata due volte in Messico, perchè mi sono perdutamente innamorata! Valladolid l’ho trovata incantevole. Quando siamo andati a vedere il Cenote Zaci c’erano questi bimbini che vendevano braccialettini fatti a mano da loro, mi facevano talmente tenerezza che ho comprato una ventina!! Hanno voluto fare una foto con me…erano super eccitati!

    Porto nel cuore quei momenti, che ho rivissuto leggendo e guardando il tuo articolo!

    1. Che bei ricordi! Io invece ricordo tantissimo caldo passeggiando per la città e la voglia di tornare in hotel per buttarci in piscina!

    1. Il Messico è veramente un paese pieno di luoghi stupendi, impossibile vederli tutti e non volerci tornare!

  10. Devo assolutamente dare una seconda possibilità al Messico, dove sono stata una volta sola per un viaggio di lavoro senza poter vedere niente. Ho trascorso tutto il tempo a Puebla, altra città bellissima – cosa che però io non posso dire perché ho visto solo l’hotel e il centro congressi. A tratti Valladolid mi ha fatto tornare in mente gli scorci che ho intravisto a Puebla.
    Sono andata a rivedere il post sull’albergo e mi sembra davvero stupendo!

    1. Puebla era nella mia lista di città messicane che avrei voluto vedere ma per cui purtroppo non ho avuto tempo. Per me di Valladolid però la cosa più bella era stata proprio l’hotel, assolutamente unico!

  11. Premetto che amo le città coloniali quindi con me sfondi una porti aperta… a Valladolid non ci siamo stati ma, come voi, siamo stati a Merida e nei siti dei dintorni. Ci piacerebbe moltissimo tornare in Messico e se sarà possibile questa volta non salteremo Valladolid!

    1. Merida ci era piaciuta moltissimo e in generale tutto quell’angolo di Messico. Piacerebbe tornarci molto anche a me, perchè anche se abbiamo visto tanto, c’è ancora moltissimo da vedere!

  12. Bellissimo post: ben dettagliato e preciso… mi servirà sicuramente per progettare le mie vacanze in Messico!

    1. Grazie mille. Sono contenta che ti sia utile. Ho adorato questa parte di Messico!

  13. Qualora vi troviate ancora in Messico, vi consiglio la zona dove vivo vale a dire lo stato di Querétaro. Oltre alla capitale, Santiago del Querétaro, vi sono altri posti che veramente valgono la pena di essere visitati come Tequisquiapan, San Juan del rio, Bernal giusto per citarne alcuni.
    Saluti e complimenti per il post !

    1. Ci sarebbe tanto piaciuto poter visitare quella zona ma purtroppo non ne abbiamo avuto il tempo in questo viaggio… sarà per la prossima volta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.