Visitare la Carrick Hill di Adelaide con bambini

Ai piedi delle colline di Adelaide si trova la magnifica Carrick Hill, una proprietà storica accessibile al pubblico. Era la casa di Adelaide di Sir Edward “Bill” Hayward e di sua moglie Ursula e contiene una vasta collezione di disegni, sculture, oggetti d’antiquariato e dipinti. Completata nel 1939 e costruita nello stile di un maniero inglese, è una delle poche case d’epoca in Australia sopravvissuta con i suoi giardini intatti e la maggior parte del suo contenuto originale intatto. Dopo essere stato lasciato in eredità allo stato dell’Australia Meridionale alla morte di Sir Edward nel 1983, dal 1985 è gestito dal consiglio di amministrazione del Carrick Hill Trust ed è un fantastico luogo da visitare con i bambini.

Adagiata ai piedi dei Monti Lofty Ranges, Carrick Hill è a soli 15 minuti di auto dal centro di Adelaide. All’interno della proprietà si trova una caffetteria che offre pranzi leggeri e tè mattutini e pomeridiani e il Gift Shop con una gamma distintiva di regali e souvenir. Potete organizzare un picnic nel parco o esplorare il Children’s Storybook Trail, le scuderie di Carrick Hill e il meleto. Infine, i prati terrazzati e il tendone da giardino possono essere noleggiati per matrimoni, eventi aziendali e funzioni private. L’interno della casa è visitabile dietro pagamento del biglietto di ingresso, ma il resto della proprietà è accessibile gratuitamente.

Eccovi i miei motivi per visitare la Carrick Hill di Adelaide con i bambini.

Storia di Carrick Hill

La bellissima tenuta di Carrick Hill fu il risultato del matrimonio, nel 1935, di membri di due delle famiglie più importanti di Adelaide. Edward (Bill) Hayward era un figlio della ricca famiglia di mercanti che per più di 100 anni possedeva la John Martin’s Ltd, un tempo il più grande grande magazzino di Adelaide. Ursula Barr Smith, sua sposa, era figlia di una famiglia ancora più ricca di origine scozzese, il cui coinvolgimento nelle attività minerarie e pastorali era vitale per lo sviluppo dell’Australia meridionale. Il padre di Ursula ha regalato alla coppia il terreno su cui ora si trova Carrick Hill come regalo di nozze. Durante la loro luna di miele di un anno in Inghilterra acquisirono gran parte dei pannelli, dei camini, delle porte, delle finestre e di una grande scalinata del diciassettesimo e diciottesimo secolo dalla vendita di demolizione di Beaudesert, una villa Tudor nello Staffordshire di proprietà del marchese di Anglesey.

Un amico di famiglia, l’architetto James Irwin, ha progettato la casa attorno a questi arredi e, sebbene l’aspetto generale sia quello di una casa padronale inglese del diciassettesimo secolo, incorpora tutte le “ultime” tecnologie degli anni ’30. I pannelli di quercia e gli apparecchi di illuminazione in peltro si fondono felicemente con i termoarredo, i bagni privati ​​e i pulsanti dei campanelli elettrici (o pulsanti?) per convocare la servitù.

Carrick Hill fu in costruzione dal 1937 al 1939 e, allo stesso tempo, Ursula progettò il giardino. Ursula e Bill si trasferirono durante l’inverno del 1939. Carrick Hill era solo una delle quattro case degli Haywards. Trascorsero anche del tempo nella loro proprietà di campagna a Delamere, allevando bovini Poll Hereford e pony da polo; una casa al mare a Port Willunga; e una casa a schiera a Mayfair, Londra, convenientemente situata vicino all’arte e agli antiquari che usavano.

Nel 1961 Edward fu nominato cavaliere per il suo servizio alla comunità e agli affari e quando a Ursula fu chiesto com’era essere Lady Hayward, lei rispose: “Era peggio che avere il morbillo!”

La casa e gli interni

La casa in stile maniero inglese, costruita con pietra locale Basket Range, fu completata nel 1939. Contiene l’esclusiva collezione privata di due intenditori d’arte percettivi, Ursula e Bill Hayward. L’imponente Waterloo Staircase, i pannelli delle pareti in quercia e gli architravi intagliati sono stati portati fuori dalla demolita Beaudesert Estate nello Staffordshire. I mobili in rovere del XVI-XVIII secolo sono senza dubbio i migliori in Australia. La casa è stata costruita attorno a una straordinaria collezione di scale Tudor, pannelli di quercia, finestre e porte acquistate da Ursula ed Edward Hayward durante la loro luna di miele in Inghilterra. Trascorsero il resto della loro vita riempiendo la casa con una collezione d’arte molto personale. Questa ricchezza di disegni, sculture, oggetti d’antiquariato e dipinti abbraccia quasi 500 anni di conquiste artistiche ed è un interessante mix di pezzi georgiani e vittoriani, per lo più ereditati dalla famiglia di Ursula, nonché mobili in rovere giacobino che la coppia ha raccolto per abbinarsi agli interni storici. Nel vero stile di una casa di campagna inglese, il contemporaneo è ambientato con i dipinti britannici, francesi e australiani tradizionali e spesso piuttosto all’avanguardia, disposti in una giustapposizione sottile ma drammatica. Molti degli artisti rappresentati nella collezione erano anche amici intimi degli Haywards, tra cui Sir William Dobell, Sir Russell Drysdale, Sir Jacob Epstein, nonché identità locali come Sir Hans Heysen e sua figlia Nora Heysen, Ivor Hele, John Dowie e Jeffrey Smart.

I giardini formali

Gli Hayward erano intensamente britannici nel loro gusto e stile e, in armonia con lo stile inglese della loro casa, Ursula Hayward scelse aspetti specifici dello stile edoardiano per creare la sua grandiosa visione di Carrick Hill, in particolare nell’utilizzo di strutture cellulari quali siepi, terrazzamenti a prato e pavimentazione in pietra. Il giardino interno o formale, progettato da Ursula, contiene una varietà di rose, molti alberi e piante insoliti e offre viste mozzafiato dalle terrazze con prato alla città e alla costa. Un tempo scenario di eleganti occasioni mondane e feste di tennis, queste aree sono ideali per concerti all’aperto, spettacoli teatrali e funzioni private.

Giardini esterni e bushland

I terreni esterni, modellati sui parchi della campagna inglese, presentavano boschetti di alberi, tra cui biancospini, mele cotogne, nespoli e noci, gli agrumeti commerciali erano riparati da boschi di pini e eucalipti. Lungo il perimetro ovest cresce un uliveto e sugli altri pendii crescono mirti, fragole irlandesi e un fico di Moreton Bay. Dagli anni ’80 si sono verificati diversi importanti cambiamenti: gli agrumeti sono stati rimossi ed è stato creato il Parco delle Sculture. Fu piantato un viale di querce e cedri che corre a nord-ovest e un frutteto di mele e pere Heritage, e infine sono stati stabiliti il campo da ​​petanque o bocce e il Children’s Storybook Trail.

Ci sono 20 ettari di bosco naturale a Carrick Hill. Alcuni degli alberi più vecchi risalgono a prima dell’insediamento britannico e sarebbero stati visti dal capitano Mathew Flinders 200 anni fa. Questo bosco residuo svolge un ruolo prezioso come continuazione del corridoio vegetale che comprende la riserva del Waite Institute a nord-est e il Brownhill Creek Conservation Park a sud-est. L’area ha un elevato stato di conservazione in quanto supporta macchie residue di comunità vegetali autoctone. La boscaglia è sopravvissuta all’impatto di disboscamento, pascolo, parassiti di piante e animali. La zona è anche ricca di specie autoctone di uccelli e animali. Ci sono tutta una serie di sentieri che attraverso la boscaglia che sono aperti a tutti.

Children’s Story Book Trail

Progettata per consentire ai bambini di esplorare e scoprire il mondo naturale, questa breve passeggiata attraverso il parco di Carrick Hill utilizza i classici racconti per bambini per incoraggiare l’immaginazione. La prima fase del Children’s Story Book Trail si concentra principalmente sui racconti classici britannici che riflettono l’era di Sir Edward e Lady Hayward. È grazie al dono di questa coppia alla popolazione del South Australia nel 1986 che i bambini oggi possono godersi la casa e i giardini. Lungo un sentiero sabbioso che si snoda tra stagni e boschetti di alberi, i bambini incontrano le seguenti storie:

Hobbit: una casa degli Hobbit è costruita in un banco di terra, come è normale che sia per gli hobbit, alti la metà di noi e soli vivere in buchi nel terreno. Questa è Bagend dove vive Bilbo e un drago si nasconde. Informazioni sulla storia: scritta nel 1937 da J.J.R.Tolkein.

Quidditch Tree: un grande albero sparso con posti a sedere sotto. Informazioni sulla storia: l’albero del quidditch è tratto dalla serie di libri di Harry Potter scritti da J.K.Rowling nel 1997.

Three Billy Goats Gruff: un piccolo ponte curvo di legno dipinto di rosso attraversa un torrente in secca. Questo è il ponte dei troll. Informazioni sulla storia: Three Billy Goats Gruff è un racconto popolare norvegese che è stato tradotto in inglese da Sir George Dasent nel 1859.

The Secret Garden: un’area a prato è delimitata da un lato da giardini terrazzati con gradini che portano a cancelli leggermente socchiusi. Un pettirosso è su una banderuola in giardino e la chiave è nelle vicinanze. Informazioni sulla storia: quando Mary trova una chiave, apre il cancello in un giardino segreto pieno di divertimento e avventure. La storia è stata scritta da Frances Hodgson Burnett nel 1911.

The Jungle Book and Animalia: completa con l’accampamento di Mowgli, Howling Wolf sulla Roccia del Consiglio, oltre a elefanti, tigri e zebre. Informazioni sulle storie: Il libro della giungla è stato scritto nel 1894-5 dal premio Nobel Rudyard Kipling. Animalia, una terra nascosta di animali e uccelli, è stata scritta e illustrata come un alfabeto australiano da Graeme Base e pubblicata nel 1986.

The Lion, The Witch and the Wardrobe: un lampione è seminascosto tra gli alberi e Aslan il leone aspetta nelle vicinanze. Informazioni sulla storia: Libro due delle Cronache di Narnia di C.S. Lewis, pubblicato nel 1950. Mentre giocano a nascondino, quattro bambini passano attraverso un guardaroba in una terra magica chiamata Narnia.

Charlotte’s Web: una grande ragnatela di corda perfetta per i bambini su cui potersi arrampicare e giocare. Il maiale Wilbur è nelle vicinanze. Sulla storia: scritto dall’autore americano E.B. Bianco e pubblicato nel 1952, racconta come Charlotte il ragno escogitò un ingegnoso piano per salvare la sua amica, il maiale Wilbur, dal solito destino dei simpatici maialini grassi.

Stalle e l’Australian Museum of Gardening 

Prima di lasciare la proprietà, fate un salto nelle vecchie stalle di Carrick Hill. Qui si trova l’Australian Museum of Gardening, che esplora le diverse storie che hanno definito la storia del giardinaggio australiano. Questo è chiaramente interessante fino a un certo punto per i bambini, ma quello che catturerà la loro attenzione è il baule di giocattoli vecchio stampo pensati appositamente per loro e a loro totale disposizione. Al momento della nostra visita c’erano cavalli di legno da cavalcare, camioncini e animali da tirare e un gioco di tiro al cerchio. Potrà non sembrare molto, ma il mio 3enne ha passato quasi un’ora qui!


Abbiamo trascorso oltre 3 ore felici a Carrick Hill lì e Baby C non era per niente entusiasta di tornare a casa. Se siete in città e in cerca di attività con i più piccoli, non fatevi scappare la Carrick Hill di Adelaide con i bambini. Potete portare i passeggini lungo tutti i sentieri e la proprietà ma ne consiglierei uno con ruote più grandi piuttosto che uno con ruote piccole poiché alcuni dei percorsi sterrati potrebbero essere un po’ difficili da manovrare. La cosa migliore è che è totalmente gratuito visitare i giardini; si paga un biglietto d’ingresso per visitare la casa, ma per percorrere lo Story Book Trail, giocare nei giardini, e fare un picnic non vi costerà nulla.

9 thoughts on “Visitare la Carrick Hill di Adelaide con bambini

  1. Quanto fascino questi antichi manieri! Le storie delle famiglie che hanno vissuto tra le mura della casa, “vivono” negli oggetti e negli arredi, svelando caratteristiche e personalità. Bellissimo il percorso per i bambini: la visita sarà sicuramente più leggera!

  2. Molto interessante questo maniero storico! Di sicuro lo visiterei data la sua unicità e per la sua bellezza! Noto che è stata data tanta attenzione anche ai piccoli ospiti, molto importante per non far annoiare i bambini!

  3. La casa è davvero splendida e lo stesso si può dire del giardino ma quando ho visto la casina degli hobbit sono letteralmente impazzita. Un posto che mette d’accordo tutti, grandi e piccini.

  4. La casa-museo deve essere molto interessante da visitare, ma ti confesso che la parte che mi attira di più è il trail dedicato ai bambini; cosa non darei per vedere l’albero del quiddich e la casa degli Hobbit!

    1. Sì anche per noi è stata la parte più bella! Sicuramente per i bambini lo è

    1. Esatto. Posso solo immaginare quanto sia bello sposarsi lì, soprattutto se il tempo è bello e la vista stupenda

  5. In effetti sembra di ritrovarsi in un romanzo di Jane Austen proprio per via dello stile così British. Un posto bellissimo, dove passerei ore tra le stanze e le opere d’arte, ma anche tra le aiuole dei giardini. Capisco benissimo il piccolo Baby C che non voleva sapere di andarsene 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.