Come muoversi a Sydney

Sydney vanta un’ampia rete di trasporti pubblici, con cui turisti e locali possono spostarsi facilmente in città e nei dintorni. Grazie ad autobus, treni, traghetti e tram, ma anche taxi, uber e water taxi, è facile raggiungere ogni angolo di Sydney e periferia, anche grazie a un sistema di mezzi pubblici non particolarmente complesso. Se è vero che paragonato all’Italia, muoversi con i trasporti pubblici a Sydney non è decisamente economico, questa rimane sicuramente l’opzione migliore per muoversi in città quando le distanze sono troppo grandi per farsela a piedi.

Continue reading “Come muoversi a Sydney”

Sydney senza macchina

Se considerate che l’Australia è la sesta nazione al mondo per grandezza e che in tutto questo territorio ci sono solo 5 città sopra il milione di abitanti, capirete che le distanze tra una città e l’altra sono davvero enormi. E anche all’interno delle città non si scherza! L’area di Sydney ad esempio si estende per più di 12.000 Kmdi sobborghi residenziali e centri commerciali. Impensabile non muoversi in macchina, vero? In teoria sì. Ma come fare quando la finanze sono limitate e non ci si può permettere una macchina? In questi casi ci si deve arrangiare come si può. Si può quindi sopravvivere a Sydney senza macchina? Si può! Noi lo facciamo da 2 anni e mezzo. Come? Continue reading “Sydney senza macchina”

Gli orrori dei trasporti pubblici di Sydney

Alla fine di un’estate di festival ed eventi qui a Sydney, è ora di tirare un po’ le somme su come se l’è cavata questa città di fronte a orde di visitatori. Questa cultura degli “eventi”, con Tropfest, capodanno e Sydney Festival, offre l’immagine di una città che si sta progressivamente separando dalla realtà dei suoi cittadini. Tutti questi eventi culturali ufficiali fanno parte di un’ampia strategia per promuovere la vivibilità di Sydney sul mercato globale per attirare investimenti e turismo. Il problema sorge se vuoi effettivamente partecipare a questi eventi usando i trasporti pubblici. Continue reading “Gli orrori dei trasporti pubblici di Sydney”