Tutti i moli di Adelaide

Neville Collins nel suo libro “The jetties of South Australia: past and present” elenca 111 moli in South Australia. Un molo può essere fatto di ferro, acciaio, cemento, legno o una combinazione di questi. È costruito dalla terra, sull’acqua, sia salata che fresca. La maggior parte dei moli oggi nell’Australia Meridionale è utilizzata per scopi ricreativi e svolge un ruolo vitale nel turismo. Tuttavia, la maggior parte dei moli non sono stati costruiti con il tempo libero in mente, ma erano una componente vitale nello sviluppo del trasporto marittimo del South Australia, in particolare il commercio costiero delle piccole imbarcazioni conosciute come ketches.

Prima dell’avvento del trasporto su strada, il principale mezzo di comunicazione tra i molti insediamenti costieri isolati e il loro entroterra era fornito da piccole imbarcazioni. I moli consentivano una movimentazione più sicura ed efficiente di bestiame, prodotti agricoli, passeggeri, posta e merci generiche trasportate via mare. Prevedevano inoltre il rimessaggio e il varo delle scialuppe di salvataggio, piazzole per luci di navigazione, ormeggi per navi pilota e locali comodi per lo svolgimento delle pratiche doganali e di immigrazione. I primi moli furono costruiti a sud di Adelaide e nel 1856 esistevano nove moli, tutti nella Fleurieu Peninsula a eccezione di Milang, Goolwa e Robe. I moli della Yorke Peninsula seguirono durante il 1860. Negli anni 1870 e 1880 il numero dei moli aumentò con l’apertura di nuove aree. Mentre il governo ha costruito molti moli, altri sono stati il risultato di finanziamenti locali (Brighton vicino ad Adelaide) o di imprese private (Largs vicino a Outer Harbour e Port Vincent sulla costa orientale della penisola di Yorke). Man mano che le navi crescevano, i moli venivano estesi ad acque più profonde. Il molo di Arno Bay ebbe tre estensioni e nel 1906 il molo di Port Germein sul Golfo di Spencer era, a 1664 metri di lunghezza, il più lungo dello stato.

Molti dei moli metropolitani superarono rapidamente le loro esigenze commerciali e si rivolsero al commercio turistico con strutture di intrattenimento, come il padiglione di ristoro costruito alla fine del molo di Glenelg nel 1906 e l’acquario aggiunto nel 1929. A Semaphore, sul Golfo di St Vincent vicino a Port Adelaide, c’erano piscine nell’oceano (1888) e un chiosco con sala da ballo al piano superiore (1914). La continuità dei moli è in molti casi considerata vitale per la prosperità e la vitalità in corso delle città, e le loro comunità combattono ferocemente per il loro mantenimento.

Oggi i moli di Adelaide e del South Australia sono una delle attrazioni più amate e visitate, sia dai locali che dai turisti. Che sia per una passeggiata al tramonto, un tentativo di pesca o semplicemente quella bellissima sensazione di trovarsi in mezzo all’oceano, se vi trovate in città non fatevi scappare una tappa in uno dei moli di Adelaide più famosi.

Glenelg Jetty (The Pier)

Il primo molo di Glenelg era lungo 381 metri con una testa a T e un faro in legno; questa sezione fu distrutta da un incendio nel 1873 quando il faro prese fuoco. Nel 1906 fu aggiunto un padiglione a tre piani all’estremità del molo e furono posati binari ferroviari lungo la sua lunghezza per servire la navigazione costiera. L’acquario è stato costruito nel 1929, ed ospitava pesci, leoni marini e squali.

Nel 1948 una forte tempesta travolse Holdfast Bay, distruggendo il molo e lasciando solo il padiglione e l’acquario, che furono successivamente rimossi perché non sicuri. Nel 1969 fu costruito l’attuale pontile, lungo solo 215 metri.

Glenelg è la destinazione balneare preferita di Adelaide, situata sulle lunghe spiagge di sabbia bianca di Holdfast Bay. A soli 20 minuti dalla città ea cinque minuti dall’aeroporto di Adelaide, Glenelg è un posto favoloso per rilassarsi, esplorare e vivere Adelaide al suo meglio. È rinomata per la sua ampia spiaggia, i tramonti mozzafiato, il ricco patrimonio, gli hotel affascinanti e i negozi affollati, i caffè all’aperto e un sacco di intrattenimento.

Consiglio da locale: se decidete di visitare Glenelg, sappiate che il parcheggio qui è un problema, quindi vi consiglio di lasciare la macchina a casa e raggiungere la spiaggia a bordo del tram che percorre Jetty Road. Le ultime 3 fermate (da Brighton Road al molo), sono gratuite.

Brighton Jetty

Il primo molto di Brighton fu costruito nel 1886 al costo di £1650 e resistette al mare e alle tempeste per oltre 100 anni. Il molo di Brighton è stato gravemente danneggiato dalle tempeste invernali nel 1994 e l’originale molo di legno fu ricostruito in cemento utilizzando i fondi forniti da un fornitore di servizi di telefonia mobile, da qui la torre all’estremità del molo. Nel 1926 le donne di Brighton eressero una fontanella vicino all’ingresso del molo per commemorare la morte di Kathleen Duncan Whyte, che fu attaccata a morte da uno squalo mentre nuotava. Kitty era la figlia del reverendo Maculley e ha insegnato nuoto a Brighton per molti anni. Nel 1919 Kitty salvò un nuotatore dall’annegamento e ricevette un Grand Diploma dalla Royal Life Saving Society.

Alla fine del molo c’è l’arco del monumento ai caduti per commemorare i 114 residenti di Brighton che hanno prestato servizio nella prima guerra mondiale, di cui 22 sono stati uccisi. Qui si tengono ogni anno nel giorno di Anzac i tradizionali servizi dell’alba per commemorare uomini e donne caduti in servizio

Brighton è la sede del Brighton Jetty Classic, una gara di nuoto in mare aperto composta dal Brighton Jetty Classic Swim di 1500 metri e dal Jetty Swim di 400 metri, rivolto ai nuotatori in acque libere alle prime armi. Il Brighton Jetty Classic si è tenuto per la prima volta nel 2006 con circa 800 nuotatori. È un evento annuale, ospitato la prima domenica di febbraio. L’evento conta ormai oltre 1000 nuotatori ogni anno, rendendola la più grande gara di nuoto in acque libere del South Australia. Nei 12 giorni precedenti alla gara il molo di Brighton ospita il Brighton Jetty Sculptures: iniziato come raccolta fondi per il Brighton Surf Lifesaving Club (non finanziato dal governo) attraverso la vendita delle sculture, questo evento continua come una delle più importanti fonti di finanziamento, con oltre $200.000 raccolti ed utilizzati principalmente per attrezzature salvavita e addestramento.

Consiglio da locale: se vi trovate sul molo guardate attentamente sotto, è facile che vediate Harry, un leone marino che dimora proprio qui e che può essere visto giocare sotto il molo e tra le reti dei pescatori quasi giornalmente.

Henley Beach Jetty

Il molo di Henley Beach è stato costruito nel 1883. La popolazione a quel tempo era di 134 persone residenti in 24 case. Forti temporali nel maggio 2016 hanno danneggiato il molo e così la struttura ha ricevuto lavori di ristrutturazione per un valore di $ 2,7 milioni. Anche il legname e le travi di supporto lungo il molo di 220 m, vicino alla riqualificata Henley Square, sono stati sostituiti come parte dell’aggiornamento.

Henley Square è proprio sulla spiaggia ed è una destinazione per la gente del posto per la sua posizione sulla spiaggia e la sua favolosa varietà di ristoranti, caffè e bar in un ambiente in stile mediterraneo. Ci sono fontane d’acqua in cui i bambini possono tuffarsi, sedili in legno a forma di onda dal design unico che portano fino al molo, grandi aree erbose per un picnic e una splendida doccia futuristica sulla spiaggia sotto la quale vorrai una foto! Infine, assolutamente da non perdere è Bottega Gelateria, che fa il miglior gelato che abbia trovato finora ad Adelaide!

Grange Jetty

Nota per le spiagge tranquilli e tramonti pittoreschi, Grange è anche la sede dello storico Grange Hotel e dei particolari negozi che si trovano lungo Jetty Street. Un tempo dimora dell’esploratore Capitano Charles Sturt che costruì la sua casa di famiglia “The Grange” nell’area nel 1840 su 200 ettari di terreno agricolo. La fattoria di Sturt fu suddivisa nel 1878 da una società privata con l’intenzione di creare uno stabilimento balneare ma il cottage è ancora in piedi ed è ora un museo.

Situato sulle splendide dune di sabbia di una delle spiagge più famose di Adelaide, il Grange Jetty Cafe offre viste spettacolari, un’ospitalità cordiale e serve un ottimo caffè che è difficile fermarsi a uno solo.

Da segnalare la passeggiata che collega il molo di Grange fino al molo di Henley, un percorso di 3,2 km con un’unelevazione di circa 36 metri.

Semaphore Jetty

Il molo di Semaphore è lungo 585 metri ed è uno dei pontili più popolari in estate, anche grazie al simpatico treno a vapore che durante le vacanze collega il molo a Fort Glanville.

Il Semaphore Jetty fu completato nel 1860, principalmente per fornire ormeggi per piccole imbarcazioni che facevano il servizio da e per il molo alle navi all’ancoraggio. Nel 1873, il molo originale fu esteso a una lunghezza di 651 metri, con l’acqua profonda oltre 4 metri e mezzo alla fine del molo. Sulla terraferma vennero costruiti i capannoni della dogana e dei magazzini, oltre che un capannone per scialuppe di salvataggio, alloggi per l’equipaggio e un capannone di ricovero. Nel 1888 venne aggiunta anche un’area recintata per il nuoto, divisa per sesso, poiché a quei tempi non era consentita la balneazione mista. Sul molo si trovava anche un chiosco con un ristorante diviso in due sezioni – una per i maschi e l’altra per le femmine – al piano terra e una magnifica sala da ballo con una veranda su tre lati al piano superiore. Al chiosco era anche possibile alloggiare.

All’estremità del molo c’era un mareografo che saliva e scendeva con la marea, indicando la profondità dell’acqua al di sopra del livello di bassa marea. Il segnalatore alla stazione di segnalazione sull’Esplanade lo osservava attentamente attraverso il suo telescopio e cambiava di conseguenza i suoi segnali di marea.

Le violente tempeste nel corso degli anni hanno devastato il molo e la sua lunghezza attuale è di 584 metri. I bagni furono spazzati via dalla tempesta del 1917 e il chiosco bruciato nel 1947. Nel 2018 il molo ha subito importanti lavori di ristrutturazione come parte del Marine Jetties Program, finanziato dal South Australian Government.

Port Noarlunga Jetty

Quest’anno ricorre il centenario del molo di Port Noarlunga, il fulcro del popolare sobborgo balneare. Il primo molo di Port Noarlunga fu costruito nel 1855 per aiutare il mulino di Old Noarlunga e l’industria della pesca che era significativa nella zona e per facilitare il trasferimento dei prodotti dalla regione di Noarlunga ad Adelaide via nave. Fu ampliato nel 1857 per eliminare la doppia movimentazione delle merci che prima dovevano essere portate dal molo alle navi da imbarcazioni più piccole. Un tram percorreva la lunghezza del molo e il molo fu ulteriormente ampliato nel 1878. La chiusura del mulino di Noarlunga, una riduzione della produzione di grano, una storia di naufragi locali e un calo del trasporto d’acqua portano all’eventuale deterioramento e chiusura del molo nel 1914. I suoi monconi sono occasionalmente visibili con la bassa marea a sud dell’attuale molo.

Quando nel 1919 iniziò la costruzione dell’attuale molo, a circa 30 metri a nord del sito del molo originario, la città si era trasformata in una vivace località balneare. Il molo, costruito esclusivamente per scopi ricreativi, fu aperto il 10 dicembre 1921 dall’allora governatore dell’Australia Meridionale Sir Archibald Weigall con migliaia di persone presenti. Il nuovo molo fu colpito da tempeste nel 1928, diverse volte durante gli anni ’50 e una tempesta nel 1987 ha spazzato via i 15 metri esterni del molo.

Questo nuovo molo si estendeva verso la barriera corallina consentendo alle persone un facile accesso per visualizzare l’ambiente marino. Le scale per i subacquei che la città di Onkaparinga ha installato nel 1997 sono state spostate da una tempesta nel 2018. Il comune ha installato nuove scale e piattaforme per dare ai subacquei e agli amanti dello snorkeling un facile accesso all’acqua in ogni momento della marea. Il molo è costruito in legno con ringhiere in acciaio e sebbene ora alterato e rinforzato conserva il tessuto originale e rimane una popolare attrazione ricreativa.

Il molo è circondato dalla riserva acquatica di Port Noarlunga Reef, parte dell’Encounter Marine Park che si estende da Port Noarlunga a Kangaroo Island. È  consentita la pesca con lenza dal molo, esclusa la sezione terminale a protezione del reef.

Ed eccovi i principali moli cittadini di Adelaide, senza dubbio un’attrazione da non perdere se vi trovate in città, perché in qualsiasi stagione sono un ottimo luogo ricreativo e pittoresco!

18 thoughts on “Tutti i moli di Adelaide

  1. Centoundici sono tantissimi, non immaginavo ce ne fossero così tanti però è bello vedere come sono tenuti bene alcuni. Non mi perderei comunque una passeggiata al tramonto!

    1. Sono rimasta sorpresa anche io ma avendo girato lo stato e avendone visti così tanto, non stento a crederci!

  2. Non so dirti esattamente il motivo, ma i moli mi trasmettono una serenità e una serenità incredibile!
    Quanto è rilassante passeggiarci sopra o anche solo sedersi ad ammirare il mare!

  3. Passeggiare sui moli è rilassante e piacevole. Sono lunghe braccia che ti accompagnano al largo, per gustare la brezza del mare, i tramonti e ammirare l’orizzonte. Adelaide deve essere una città meravigliosa (spero di vederla presto) e le storie dei suoi moli sono interessantissime.

    1. Hai assolutamente ragione, ti permettono di apprezzare la costa e il mare da un punto di vista tutto diverso

  4. Cosa c’è di più romantico di un molo al tramonto ? Qui poi c’è solo l’imbarazzo della scelta . Che meraviglia !

  5. Credo che ormai i moli vengano utilizzati a scopo ricreativo più o meno in tutto il mondo; non ho mai visto quelli dell’Australia (anche se spero di farlo presto), ma ho adorato quello di Santa Monica in California!

    1. Hai ragione, ormai le necessità sono cambiate ma io sono molto contenta che questi moli però vengano preservati e siano ancora in uso al giorno d’oggi.

  6. Da quando vivo a Trieste ho capito la bellezza e la pace interiore che trasmette camminare sul molo, soprattutto al tramonto o quando, in pieno inverno, intravedo le Alpi Giulie in lontananza!

  7. La passeggiata sul molo in un paese di mare è sicuramente una delle cose più rilassanti e romantiche che conosco, un giorno riuscirò a camminare anche su uno dei moli di Adelaide!

  8. Una serie di tappe che non mi perderei se dovessi visitare Adelaide. I colori come sempre sono magnifici e immagino che passeggiare quasi in mezzo all’acqua dal vivo sia un’emozione che non si dimentica facilmente. Tra tutti mi ispira in maniera particolare il molo di Henley Beach, anche per la presenza di ristoranti e della gelateria!

    1. A me piacciono tutti ma adoro quello di Brighton perché ci vivo e quello di Noarlunga perché permette di vedere la barriera corallina dall’alto.

  9. Non ci crederai ma noi abbiamo l’usanza di scattare foto su ogni “pier” che incontriamo in viaggio. Non sono mai stata in Australia e quindi per ora i più belli li ho trovati sulla costa californiana, ma spero di salire presto su questi da te selezionati!

    1. Io sono ossessionata da moli e fari! Mio marito mi prende in giro per questo ma per me sono entrambi stupendi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.