Good bye, my Big Willy

Everyone has a biological father. Many people have a dad worth of this name. Few are lucky enough to have two dads. I was among those few, albeit only for a short period. One raised me for 18 years, the other welcomed me into his home for only one year, but has loved me 13 more. When one left me, the other one filled the void. Albeit from far away. And now that he too is gone, who will fill that abyss in my heart? Continue reading “Good bye, my Big Willy”

Goodbye, my friend

Goodbye my friend, I know your going searching although I can still feel ya here
It’s not the end, You gotta keep it strong before the pains turn into fears
So glad we made it, time will never change it
You know it’s to say goodbye,  And don’t forget on me you can rely
I will help you on your way, I will help you everyday

Era il settembre 2007 quando sei entrata nella mia vita durante quella prima orientation per gli studenti stranieri allo IEP di Grenoble. Il tuo accento, la tua dolcezza e la tua simpatia mi hanno colpito subito e la nostra amicizia è cresciuta in fretta, tra uscite Erasmus, feste al Rabot, gite varie e lezioni pietose di tennis ogni giovedì mattina. Sei stata la prima persona a cui ho raccontato del mio primo bacio con l’Avvocato e sei stata quella che mi ha consolato quando lui è ritornato in Australia. La fine dell’Erasmus e il ritorno in Italia non hanno intaccato la nostra amicizia, che è continuata nonostante la distanza. Abbiamo sempre guardato nella stessa direzione (fuori dai confini dell’Italia) e avuto gli stessi sogni, e ho trovato subito un’alleate in te quando ho deciso di trasferirmi in Australia. Continue reading “Goodbye, my friend”

E così saluto anche te, caro nonno

Di una cosa sono certa, lassù ti staranno facendo tutti una grande festa. Così tante persone ti hanno preceduto, che di sicuro non sarai mai solo un attimo. Dopo quasi 12 anni riabbraccerai finalmente la tua amata moglie, quella moglie che hai assistito nella sua lunga malattia, quella moglie che ti eri scelto giovane perchè ti accudisse nella vecchiaia, e che invece il cancro ti ha strappato troppo presto. Quella moglie per cui hai firmato ogni bigliettino di Natale, Pasqua e compleanno da 12 anni a questa parte. E poi tuo fratello, i tuoi genitori, il tuo genero. Ti faranno proprio una bella festa, nonno, perchè te la meriti. Continue reading “E così saluto anche te, caro nonno”

A presto, amica mia

Ho detto tanti addi e tanti arrivederci nella mia vita. Alcuni sono stati per sempre, altri sono stati temporanei. Alcuni mi hanno lasciato il cuore a pezzi, altri sono stati meno dolorosi del previsto. Alcuni sono stati meditati a lungo, altri sono stati presi sul momento. Alcuni sono stati un caso isolato, altri vengono ripetuti con costanza. Alcuni sono stati detti tra le lacrime, altri con il sorriso sulle labbra. Alcuni sono stati detti in aeroporto, altri al telefono. Ho salutato l’Avvocato e la mia famiglia un sacco di volte, senza sapere quando li avrei riabbracciati. Ho salutato amici dall’altro capo del mondo, sapendo che sarebbero passati anni prima di rivederli di nuovo. Ho salutato fidanzati, senza sapere che pochi giorni dopo ci saremmo lasciati. Ho salutato familiari sapendo che non li avrei più rivisti. Ho salutato amiche non sapendo che presto non lo sarebbero state più. Ho saluto bambini, senza sapere che la prossima volta che li avrei visti sarebbero stati già grandi. Qualsiasi sia stata la storia che mi ha portato a salutare una persona, non è mai stata una sensazione piacevole.  Continue reading “A presto, amica mia”

In memoria di Alessandra

Per quasi un anno ormai ho tenuto questo blog, tenendovi aggiornati sulla mia vita qui in Australia, parlando del più e del meno, a volte di cose futili e poco importanti. Per questo, non posso non dedicare una pagina in ricordo di un’amica che da qualche giorno è volata in cielo per colpa di un tumore.

Continue reading “In memoria di Alessandra”

Ciao Natalino!

Addio micio mio.

Dolce micione, sei entrato nella mia vita in una fredda sera d’inverno, quando avevo solo 5 anni.  Per mesi ho chiesto al mio papà ogni sera di portarmi un gatto bianco… e finalmente una sera sei arrivato tu, pallottolina di pelo, non bianco ma arancione. Bellissimo! Per anni hai sopportato le mie “torture”, ti sei prestato ad essere la mia bambola, il mio peluche e molto altro. Non ti sei mai ribellato, non mi hai mai graffiato o morso, hai sempre avuto un’enorme pazienza. Avevi una personalità tutta tua: da buon felino che eri, non ti si poteva costringere a fare niente. Continue reading “Ciao Natalino!”