Cosa fare a Norfolk Island

Norfolk Island offre tutto il meglio del Pacifico meridionale e molto altro ancora. Dietro ogni curva troverete una fetta di paradiso, con spiagge tra le più belle del Pacifico, drammatiche scogliere dove cascate precipitano nel mare e promontori spettacolari con viste che durano all’infinito. Anche la cultura è diversa da qualsiasi altra nel Pacifico, e intreccia con orgoglio il DNA dei Bounty Mutineers e delle loro famiglie polinesiane. L’isola ospita gli alberi di felce più alti del pianeta e imponenti pini che solleticano il ventre delle nuvole passeggere, mentre le foreste lussureggianti e le isole al largo sono santuari per alcuni degli uccelli più rari del mondo. Per gli amanti della storia, il sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO di Kingston vi riporterà indietro attraverso alcuni dei capitoli più audaci e punitivi della storia dell’Australia e del Pacifico meridionale.

Che dire di quella leggendaria cordialità del Sud Pacifico? Benvenuti in un’isola dove le porte sono raramente chiuse e i cuori dei locali sono sempre aperti; un posto dove le mucche vagabonde hanno la precedenza, e tutti hanno il tempo di fermarsi a chiacchierare. Molti visitatori affermano che una vacanza sull’isola di Norfolk è come tornare indietro nel tempo. Sull’isola preferiscono dire che è come entrare in un momento migliore.

Vi avevo già fornito un’esaustiva guida a Norfolk Island, mentre in questo articolo voglio esplorare in dettaglio cosa fare a Norfolk Island, un’isola sicuramente piccola ma dalla lunga lista di attrazioni e attività.

Spiagge

Emily Bay Lagoon: Emily Bay Lagoon è una spiaggia tropicale come molti di noi la immaginano, con sabbia immacolata e acqua così limpida che puoi vedere i pesci che sfrecciano sotto. Questa è una delle migliori spiagge, nonché l’unica balneabile dell’isola di Norfolk. Le acque riparate dalla barriera corallina qui sono perfette per una pagaiata e c’è un pontone al largo, conosciuto localmente come “la zattera”, da dove ci si può tuffare in acqua. Inoltre, lo snorkeling qui è davvero speciale. Dalla sabbia, con la bassa marea, si può nuotare verso la barriera corallina dove pesci dai colori brillanti si intrecciano intorno ai coralli. Se preferite rimanere asciutto, salite a bordo della barca con il fondo di vetro, che fa viaggi giornalieri verso la brulicante barriera corallina. In qualunque modo lo si guardi, il mondo sottomarino qui deve essere davvero visto. Ospita più di 60 specie marine individuali e questo non include coralli e anemoni! E per renderlo ancora più speciale, Emily Bay fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO di Kingston, dove il senso della storia è fortemente sentito: passeggiate tra i pini lungo la riva e troverete le rovine della Salt House dell’era dei carcerati.

Anson Bay: dominata da scogliere, questa baia fuori mano è gloriosamente isolata. Percorrete il sentiero in pendenza che scende a zigzag dal bordo della strada: è relativamente poco impegnativo, con viste spettacolari dietro ogni curva. Sulla spiaggia sottostante, probabilmente sarete solo voi, la sabbia e il mare. Beatitudine. Ma chi è alla ricerca di una nuotata rilassante dovrebbe prendere in considerazione una spiaggia diversa perché i martellanti frangenti di Anson Bay sono più adatti al surf. Altamente consigliato il portarsi le provviste per un picnic da consumare in cima alla scogliera: sulla strada per arrivare qui, potete acquistare alcuni prodotti biologici davvero gustosi dalle vicine scatole di onestà lungo la strada. Infine, da Anson Bay, sono 5 minuti di auto a sud verso uno dei migliori luoghi al tramonto sull’isola di Norfolk: Puppy’s Point.

Slaugther Bay: sull’isola di Norfolk, alcuni dei nostri paesaggi più sbalorditivi si trovano sotto le onde. Visitate Slaughter Bay con la bassa marea equipaggiati con maschera e boccaglio e vi troverete a pochi passi dalla barriera corallina. Qui, i giardini di corallo sono un parco giochi per pesci dai motivi vivaci. La barriera corallina protegge le acque da onde pericolose e correnti, rendendola una spiaggia sicura e tranquilla per il nuoto. Situata all’interno del sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO di Kingston, Slaughter Bay è anche sito di importanza storica: fu su questa barriera corallina che l’HMS Sirius, l’ammiraglia della Prima Flotta, naufragò nel 1790.

Bumboras Reserve: Bumboras – o Bumby come la conoscono gli isolani di Norfolk – è una spiaggia piccola e appartata con acque così limpide che puoi vedere fino in fondo. È molto amata dalla gente del posto, ma non necessariamente facile da raggiungere; la ripida strada sterrata di accesso può essere impraticabile dopo la pioggia. Naturalmente, essere fuori dai sentieri battuti ha i suoi pro, soprattutto se vi piacciono la pace e la tranquillità. Dal parcheggio, una passerella conduce sul torrente e scende alla baia. La gente del posto viene qui per fare surf nel reef break, ma ci sono molti altri modi per passare il tempo. La spiaggia è rocciosa e ci sono molte pozze dove è possibile osservare creature marine e cercare le pervinche. A seconda della marea, alcune pozze rocciose potrebbero essere abbastanza grandi da poterci nuotare. Un posto assolutamente idilliaco per i più piccoli!

Riserve e parchi nazionali

Hundred Acres of Wood Reserve: a protezione di un’area della foresta costiera dell’isola di Norfolk, la Hundred Acres Reserve offre tranquille passeggiate in mezzo alla natura. Mentre camminate all’ombra di pini e querce bianche che si estendono verso il cielo, troverete rapidamente la serenità. In estate, gli incontri con gli uccelli sono molto comuni: potreste spiare una sterna bianca che consegna piccoli pesci al suo adorabile pulcino soffice o un montone canticchiante che emerge da una tana. Il percorso a piedi attraverso Hundred Acres Reserve conduce a Rocky Point, sede di un posto di osservazione durante la seconda guerra mondiale, è ora un luogo di pesca preferito dai locali. Dalle scogliere, godrete la spettacolare vista degli uccelli marini mentre si librano sullo sfondo della costa battuta dalle onde. In lontananza è visibile il profilo roccioso di Phillip Island.

Moreton Bay Fig Trees: appena fuori dalla Hundred Acres, in fila lungo il bordo della strada, queste maestose sentinelle sono una meraviglia dell’orticoltura. Mentre la loro enorme chioma proietta un’ombra impressionante, sono i tentacolari sistemi di radici degli alberi di fico di Moreton Bay che affascinano gli amanti della natura. Espandendosi come tentacoli giganti, le radici possono raggiungere l’altezza umana, mentre si ritiene che gli alberi abbiano fino a 200 anni. Gli alberi di fico sono uno dei luoghi più fotogenici dell’isola.

Norfolk Island Botanical Gardens: parte del parco nazionale dell’isola di Norfolk, questi giardini botanici sembrano appartenere a un’altra era. La maggior parte delle piante in questo appezzamento di 5,5 ettari sono originarie dell’isola e molte di esse sono endemiche, il che significa che crescono qui e solo qui. Fate una passeggiata lungo il sentiero del giardino tra pini che raschiano le nuvole, felci arboree giganti e foresta pluviale subtropicale. Se siete fortunati, potreste avvistare un pappagallo verde che svolazza: nativo e residente solo sull’isola, questi pappagalli erano un tempo sull’orlo dell’estinzione. Un programma di conservazione dedicato ha visto aumentare i numeri anche se sono ancora uno spettacolo raro e prezioso.

Norfolk Island National Park: santuario per le specie minacciate, il Norfolk Island National Park è il luogo ideale per ammirare animali e piante uniche dell’isola, tra cui il pappagallo verde e le felci arboree più alte della terra. Non essendo l’isola mai stata unita a una massa continentale, molte delle specie vegetali e animali uniche del parco si sono evolute in isolamento. L’isola fornisce un importante collegamento tra gli ambienti oceanici tropicali e temperati e il Norfolk Island National Park è un posto meraviglioso per vedere l’incredibile flora e fauna dell’isola, ammira splendide viste in cima a una scogliera e camminare nel bush attraverso foreste subtropicali incontaminate.

Queen Victoria Memorial Gardens: questa curata area verde prende il nome dalla regina Vittoria, che ha svolto un ruolo chiave nella storia dell’isola di Norfolk. Nel 1855, il monarca britannico concesse agli abitanti dell’isola di Pitcairn (ovvero i discendenti degli ammutinati di Bounty e dei tahitiani) il diritto di stabilirsi qui. I Pitcairner arrivarono l’anno successivo e molti degli isolani attuali possono far risalire il nostro lignaggio a loro. I Queen Victoria Memorial Gardens sono stati creati dall’orticoltrice, discendente di Pitcairn e isolana di Norfolk, Marie Bailey. Per vedere i giardini nella loro forma più colorata, visitala in primavera o in estate; a impreziosire il giardino, si trovano bellissime sculture in legno e alle sue spalle si trova una delle attrazioni più frequentate dell’isola, il Fletcher’s Mutiny Cyclorama. Infine, all’interno del giardino si trova uno dei migliori ristoranti dell’isola, l’Hilli Restaurant & Cafe, una ragione in più per non perdersi questa tappa!

cosa fare a Norfolk Island

Philip Island: sei chilometri a sud di Norfolk si trova Phillip Island, parte del Norfolk Island National Park e paradiso del birdwatching. Ogni anno, migliaia di uccelli marini migratori si riproducono a Phillip Island, tra cui sule mascherate, procellarie dalle ali nere, sterne fuligginose e noccioli neri. L’isola è priva di predatori, il che la rende un luogo ideale per questi splendidi uccelli per nidificare tra piante rare e in via di estinzione. Il paesaggio sagomato di Phillip Island è piuttosto insolito: un secolo di erosione e degrado ha esposto una gamma abbagliante di suoli rossi, gialli e rosa. Phillip Island è un paradiso per gli avventurieri e anche solo scendere dalla barca al punto di approdo può essere una sfida: l’accesso all’isola richiede infatti un’esilarante salita su scale di corda seguita da un trekking su ripidi pendii. Ma ne vale la pena per essere ricompensati con panorami epici! L’accesso all’isola dipende dalle condizioni meteorologiche ed è sempre necessaria una guida esperta. Per organizzare una visita, contattare il Centro informazioni per i visitatori dell’isola di Norfolk.

Belvedere

Mount Pitt Lookout: imperdibile è un’escursione al Mount Pitt Lookout, dove si può ammirare viste a 360° e l’orizzonte che si estende a perdita d’occhio. A 320 metri sul livello del mare, questo è il secondo punto più alto dell’isola e si trova all’interno del Norfolk Island National Park. In primo piano, è un mare di erba verde e pini dell’isola Norfolk che si estendono verso il cielo; in lontananza, il verde lascia il posto al blu del Pacifico meridionale, da cui emergono le isole Phillip e Nepean. Dal belvedere si può fare una passeggiata di 500 metri fino al vicino Mount Bates, che è solo un metro più alto del Mount Pitt ed è la vetta più alta dell’isola. Ma senza dubbio il Mount Pitt Lookout ha la vista migliore tra i due e senza nessun nessun inquinamento luminoso, il cielo stellato visto da quassù è qualcosa di incredibile.

Captain Cook’s Lookout: un piccolo obelisco di pietra segna il punto approssimativo dove il capitano Cook sbarcò sull’isola di Norfolk durante il suo secondo viaggio intorno al mondo nel 1774. Impressionato da ciò che trovò qui, Cook descrisse l’isola di Norfolk come “paradiso”, e non è difficile capire perché. Dal belvedere rifatevi gli occhi con panorami maestosi: lungo la costa, i pini di Norfolk si ergono orgogliosamente su ripide scogliere frastagliate, con il Pacifico meridionale che si infrange ai loro piedi, mentre al largo si trovano le formazioni rocciose del Bird Rock, Elephant Rock e Green Pool Stone.

Queen Elizabeth Lookout: questo è sicuramente il punto di osservazione più facilmente raggiungibile da cui godere di ampie vedute su Kingston, lo splendido campo da golf e la costa. In lontananza emergono dall’acqua due pezzi di terra: Phillip Island e Nepean Island. Queen Elizabeth Lookout offre anche una vista dall’alto degli eleganti edifici georgiani su Quality Row dove, durante la colonia penale dell’isola del XIX secolo, vivevano pochi fortunati.

Storia e cultura

Fletchers Mutiny Cyclorama: il Mutiny Cyclorama di Fletcher consente di ammirare da vicino la storia dell’isola di Norfolk senza far ricorso a una macchina del tempo. Creare un ciclorama per spiegare questa parte della nostra storia è stata l’idea di Marie Bailey, una discendente di Fletcher Christian. Misurando 3,6 metri di altezza e 50 metri di circonferenza, questo dipinto a 360° vi mette al centro della storia, con scene raffiguranti il ​​viaggio e l’ammutinamento del Bounty e l’insediamento dell’isola. In piedi nel mezzo del capolavoro panoramico – con musica, suoni, oggetti di scena e illusioni 3D che ne migliorano l’effetto – non è difficile immaginarsi nel bel mezzo dell’azione. Ascoltate attentamente la colonna sonora del ciclorama e ascolterete frammenti di Norf’k, una lingua ancora parlata dagli isolani fino ad oggi. Ingresso a pagamento.

Kingston and Arthurs Vale Historic Area: l’area conosciuta come Kingston and Arthurs Vale Historic Area (KAVHA) è stata dichiarata patrimonio dell’umanità il 1 agosto 2007. Questa zona è di eccezionale importanza per la nazione come insediamento di detenuti che copre l’era dei trasporti verso l’Australia orientale tra il 1788-1855. È anche significativo come l’unico sito in Australia a mostrare prove del primo insediamento polinesiano e il luogo in cui i discendenti dell’isola di Pitcairn degli ammutinati del Bounty furono reinsediati nel 1856. Il sito è un punto focale tradizionale per la comunità dell’isola di Norfolk. Come sito del patrimonio vivente, KAVHA continua a contribuire alla vita, all’identità e alla cultura della comunità dell’isola di Norfolk. KAVHA è riconosciuto per essere tra i migliori esempi sopravvissuti di trasporto di detenuti su larga scala e di espansione coloniale delle potenze europee attraverso la presenza e il lavoro dei detenuti. È uno degli undici siti che compongono il patrimonio mondiale dei siti di detenuti australiani. Per complementare la visita al sito storico (che è gratuito), è possibile anche visitare i vari musei della zona che esplorano in maggior dettaglio alcune specifiche aree della storia dell’isola. L’ingresso ai musei è a pagamento.

Kingston Wharf: costruito nel 1839, Kingston Pier è stato a lungo la linfa vitale dell’isola di Norfolk. Punto di ingresso fondamentale per coloni e rifornimenti, il molo ha svolto un ruolo fondamentale nella storia dell’isola. Fate una passeggiata lungo il molo oggi e vedrete barche da pesca e occasionali navi da rifornimento e tender. Quando il mare è agitato, questo è un buon posto per osservare le grandi onde che si infrangono sull’estremità del molo. Se cercate la foto perfetta, il tramonto è un momento pittoresco per passeggiare lungo il molo, con cieli degni di Instagram e infinite viste sull’oceano.

Norfolk Island Cemetery: per oltre due secoli, questo cimitero di fronte all’oceano è il luogo in cui gli isolani hanno seppellito i loro cari. Ora fa parte del sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO di Kingston e qui troverai detenuti della Prima Flotta, soldati e marinai, discendenti di ammutinati di Bounty e altri residenti dell’isola, tra cui l’amato romanziere Colleen McCullough, sepolta qui. Passeggiate al vostro ritmo, leggendo le incisioni sulla lapide, che rivelano dettagli spesso tragici sulle cause della morte e suggeriscono la brutalità della vita nel complesso dei detenuti dell’isola del XIX secolo. In alternativa, le visite guidate gestite dai Musei dell’isola di Norfolk danno vita alle storie dietro le persone sepolte qui.

cosa fare a Norfolk Island

St. Barnabas Chapel: la costruzione di questa cappella è durata ben cinque anni, con molto duro lavoro con intarsi in madreperla, finestre in vetro colorato e un soffitto a volta in legno simile a una nave. Questa chiesa del XIX secolo è stata un atto d’amore per i missionari che l’hanno costruita. Come la maggior parte dei luoghi sull’isola di Norfolk, la cappella di St. Barnabas è un luogo accogliente con una politica di porte aperte, quindi potete passeggiare ed esplorare a piacimento. Da non perdere anche il piccolo cimitero e il gigante fico alle sue spalle.

Varie ed eventuali

Norfolk Island Golf Club: molti appassionati di golf visitano l’isola solo per giocare in questo incredibile campo. Situato vicino all’Oceano Pacifico e alla maestosa Government House, il Norfolk Island Golf Club a 9 buche si trova all’interno del sito patrimonio mondiale dell’UNESCO di Kingston. Visivamente, il corso è una meraviglia. Sentirete il peso della storia anche sul campo da golf, con le rovine dei detenuti e le lapidi del cimitero dell’isola di Norfolk in vista. Nonostante il suo aspetto idilliaco e le dimensioni relativamente ridotte, il campo presenta sfide per i giocatori, con forti brezze marine ed erba kikuyu spugnosa! Ingresso a pagamento.

Esplorate i mercati: il sabato mattina dalle 8:30 si tiene il Farmers Produce Market mentre la domenica mattina è il turno dei Island Markets, che offrono invece più prodotti di artigianato. Infine, nei mesi più caldi si tengono i Twilight Markets, ogni mercoledì dalle 16:30.

Strawberry fields Maze & Garden: un posto meraviglioso per rilassarsi e apprezzare questa stupenda piantagione di alberi da frutto. Grandi e piccini ameranno cogliere l’occasione per raggiungere il centro dei due labirinti, così come raccogliere la frutta di stagione che abbonda sugli alberi. Non dimenticatevi un cestino! Ingresso su donazione.


Per essere un’isoletta di 40 chilometri quadrati nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico, Norfolk Island è un luogo veramente piacevole da visitare (e immagino anche dove vivere), che offre sorprendentemente molte cose da fare e attrazioni da visitare. Per una lista ancora più esaustiva di tutto quello potete fare a Norfolk Island, guardate qui. Noi siamo rimasti sull’isola 8 giorni e non siamo neanche lontanamente riusciti a fare tutto quello che avevo in programma. Perciò non dubitate: se decidete di visitare questa splendida isola non avrete sicuramente il tempo per annoiarvi!

16 thoughts on “Cosa fare a Norfolk Island

  1. Wowww, è un’isola meravigliosa!! Partirei subito per andare alla scoperta di un posto così, lo adoro! Complimenti per le foto, sono molto belle!

    1. L’isola è di una bellezza e una storia veramente incredibile, e pensare di essere su una roccia in mezzo al Pacifico la rende ancora più speciale!

  2. Questi luoghi sconosciuti sono i miei prediletti, ho letto con grande piacere questo tuo articolo, mi è venuta subito la voglia di andare a vedere questo angolo di mondo.

    1. Ci sono talmente pochi luoghi al mondo che non sono presi d’assalto dal turismo di massa, che trovarne uno ti fa sentire davvero un po’ come un esploratore d’altri tempi!

  3. Quanta roba da fare considerando che si tratta di un’isola così piccola!!
    ..io poi subisco il fascino dei posti dispersi nel nel mezzo del nulla… 🙂

    1. E questo non è neanche tutto! Considerato quanto è piccolina, c’è veramente tantissimo da fare!

  4. Ma che bella, tantissime le cose da fare e visitare, io ci vivrei su questa isoletta di 40 chilometri quadrati nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico!

    1. Penso che io potrei viverci temporaneamente o per parte dell’anno ma soprattutto con i viveri così limitati, penso che a lungo andare possa diventare difficile per chi non ci è cresciuto.

  5. Di attività da fare qui ce ne sono tantissime e sicuramente non ci si annoia. Tra un tuffo e una camminata le giornate volerebbero.

    1. Per noi infatti 8 giorni sono stati anche pochi e ci sono tantissime cose che non siamo riusciti a fare!

  6. Quante cose da fare in un’isoletta così piccola! Penso che non mi annoierei e che troverei il modo di impegnare il mio tempo per una settimana intera. La Emily Bay Lagoon è talmente bella da sembrare finta, quasi un set cinematografico. E anche il cimitero, in quella posizione, è un posto dove passeggiare volentieri godendosi la natura.

    1. Sono pienamente d’accordo con te e sono molto felice di aver scelto di passarci 8 giorni invece che solo 3!

    1. Sono pochi gli australiani che ci sono stati, di stranieri praticamente non c’è neanche l’ombra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.