Cara mamma…. grazie!

Cara mamma,
grazie della tua visita. Grazie di aver festeggiato il Natale con me, lasciando il tuo figlio maggiore, tua sorella, e soprattutto tuo papa’ malato soli a casa (seppure soli non lo sono stati, dato che si sono tenuti compagnia reciprocamente).  Grazie per aver affrontato per la prima volta un viaggio cosi lungo, pur di venire a trovare la tua figlia preferita.

Per anni ti sei sentita chiedere, pregare e scongiurare di salire su quell’aereo e venire in Australia. Per anni hai avuto tante scuse per non farlo; ma adesso che il primo viaggio e’ stato fatto, spero che ne seguiranno altri. Adesso che hai avuto modo di farti una prima infarinatura della mia vita in Australia, spero che capirai perche’ insistessi cosi tanto per farti venire.

mum at the beach

Perche’ non e’ solo la voglia di riabbracciare te & Little B (che sicuramente e’ sempre tanta), ma e’ quel desiderio fortissimo di rendervi partecipi della mia vita qui. Perche’ posso raccontartelo mille volte (che tanto poi non te lo ricordi) e posso farti vedere mille foto (che tanto poi si mescolano tutte insieme nella memoria), ma non sara’ mai la stessa cosa. Avervi qui, tra le mura della nostra casa, tra le strade della nostra citta’, tra i colori del nostro mare, da’ tutto un sapore diverso alla mia vita australiana.

Finora, con solo la brevissima visita di Big Brother e mogliettina, il mio mondo Down Under e la mia vita in Italia si sono mantenute nettamente separate. O meglio: la mia vita italiana si e’ tinta di Australia grazie a mio marito, ma il contrario di certo non si puo’ dire. Fino al vostro arrivo, la nostra vita qui a Sydney era solo nostra. Ora sa un po’ anche di voi. Ora, quando mi guardo in giro, tante cose mi parlano anche di voi. Guardo un ibis e penso alle tante foto che hai provato a fargli; guardo una bakery e rivedo te incantata davanti alla vetrina; bevo una birra e penso a quanto Little B abbia goduto dell’australian lifestyle.

Cla & mum at the beach

E forse non capirai mai quanto questo sia importante per me. Perche’ decidendo di trasferirsi all’estero si accettano tutti i contro che tale scelta comporta: la distanza, la lontananza, la nostalgia, ecc. Si accetta tutto questo, ma non lo si supera mai. Possono passare gli anni, ma quella sensazione di isolamento e di lontananza dagli affetti e dalla “vita di prima”, quella non va via mai. Ma ogni volta che un affetto ci fa visita,  ogni volta che un pezzetto della vita di prima si incastra col la vita di dopo, si tesse un filo: a ogni visita i fili aumentano, fino ad avere (si spera), una bellissima coperta che abbraccia il prima e il dopo in una splendida rete di affetto.

Cara mamma, grazie di questa visita. Grazie di aver portato un po’ di famiglia nella nostra casetta solitaria. Grazie di aver portato un po’ di dramma nelle nostre vita tranquille. Grazie di aver portato un po’ di italianicita’ nella nostra quotidianita’ cosi aussie. Grazie di aver approvato la nostra scelta di casa, di quartiere e di citta’. Ma ancora piu’ importante, grazie per aver approvato la mia scelta di famiglia australiana.

12557036_10153780379111145_1387652709_o

Grazie mamma, per essere venuta fin quaggiu’. Grazie per aver affrontato con spirito tutte le prime volte che questo viaggio ti ha riservato. Grazie per aver accettato con garbo tutte le novita’ di questa vita a testa in giu’. Grazie per avermi fatto fare sempre bella figura. Grazie per essere diventata parte della mia vita australiana.

La mia casa sara’ sempre aperta per te e tutta la famiglia, e spero che non dovranno passare altri 5 prima che queste mure, queste strade e questi colori possano rivedervi!

xoxo
La tua figlia preferita 🙂

Cla & mum at QVB

9 thoughts on “Cara mamma…. grazie!

  1. Anche io dico sempre a mia madre che sono la sua figlia preferita ahahahaha
    Cmq non ha prezzo far vedere alle persone a cui vuoi bene il posto dove vivi, quello che fai, qualsiasi piccola cosa faccia parte della tua quotidianità.
    Dai che tornano presto!

Leave a Reply to Neogrigio Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *