Good bye, my Big Willy

Everyone has a biological father. Many people have a dad worth of this name. Few are lucky enough to have two dads. I was among those few, albeit only for a short period. One raised me for 18 years, the other welcomed me into his home for only one year, but has loved me 13 more. When one left me, the other one filled the void. Albeit from far away. And now that he too is gone, who will fill that abyss in my heart? Continue reading “Good bye, my Big Willy”

L’ABC dell’Australia

Pensate di conoscere l’Australia? La conoscete davvero? Se dico A a cosa pensate? E dire Australia non vale! 🙂 Ecco allora la mia Australia dalla A alla Z!

A come ADELAIDE
La mia prima casa in Australia, che ha dato i natali a mio marito e dove ancora vive la sua famiglia. Se volete sapere di più su questa graziosa cittadina, leggete qui!

Continue reading “L’ABC dell’Australia”

Un libro in valigia – “Into the wild”

Eccomi al secondo appuntamento della mia rubrica Un libro in valigia. Oggi voglio presentarvi un libro che sicuramente in molti conoscerete già, anche perchè ha inspirato l’omonimo film molto famoso nel 2007. Si tratta di “Into the Wild” (titolo italiano “nelle terre estreme”) di Jon Krakauer. É la storia di Chris McCandless, giovane neolaureato che a 22 anni, dopo aver tagliato i ponti con la famiglia e aver donato in beneficienza i $25.000 che aveva in banca, parte alla volta del Far West americano prima di sbarcare in Alaska per la sua “ultima grande odissea”. Continue reading “Un libro in valigia – “Into the wild””

Liebster Award 2016 Edition

Se siete dei blogger o seguite dei blog, avrete sicuramente sentito parlare del Liebster Award un riconoscimento per i blog più apprezzati da parte degli altri blogger. Ed è anche un modo per conoscere nuovi blog o per scoprire qualcosa di più sui blogger che già seguiamo. E così ho ricevuto con piacere la nomina da parte di Cris, che seguo sempre con molto piacere, e che ringrazio. Ed eccovi le mie risposte alle sue domande per questo Liebster Award travel edition. Continue reading “Liebster Award 2016 Edition”

Girl power

Bionda, minuta, carina, femminile e delicata. Dall’aspetto fisico non le daresti una lira come ricercatrice e attivista. Poi la senti parlare e la mandibola ti crolla. Lei, bionda e minuta, che si trova egualmente a suo agio a vivere tra i guerriglieri nella giungla della Colombia, nel nord dell’Iraq o in un sobborgo di Londra. Lei, per cui il concetto di casa, diversità e di distanza assumono un significato tutto particolare. Lei, pronta a partire per nazioni come il Gabon o il Kirghizistan non perchè ci sia qualcosa in questi paesi che lei voglia vedere a tutti i costi, ma perchè di questi paesi non sa niente e vuole scoprire cosa possano offrirle. Lei, che è il mio mito. Lei è Johanna.

Continue reading “Girl power”

Ladri di bambini

Forse ricorderete che qualche mese fa sono andata a fare un weekend a Canberra e in quell’occasione avevo visitato il National Museum of Australia. Uno degli oggetti che più mi avevano toccato durante la visita era il Kinchela Boys Home Gate, ovvero il cancello di un instituto per bambini aborigeni e isolani dello stretto di Torres che furono allontanati dalle loro famiglie da parte governo australiano e missioni religiose. Questo cancello è il simbolo della Stolen Generation, un fardello che l’Australia si porta dietro da decenni ma che vorrebbe bellamente dimenticare. Ed è proprio di questo che voglio parlarvi oggi. Continue reading “Ladri di bambini”

Un anno con Diario dal Mondo

E così un altro anno è passato. Questo 2015 è stato un anno incredibilmente importante per me e per la mia famiglia, e sono un po’ triste di vederlo finire, perchè sarà davvero un anno che non dimenticherò! E allora voglio ripercorrere con voi i momenti più belli e più significativi di questo 2015! Continue reading “Un anno con Diario dal Mondo”

Diario dal Mondo ha una casa tutta sua

Cari lettori,
4 anni e mezzo fa decisi di aprire un blog per tenere aggiornati amici e parenti sulle mie avventure Down Under, e in questi 4 anni e mezzo Diario dal Mondo è letteralmente cresciuto con me.

Siamo partiti da Blogger, quando il Diario era ancora un neonato, e i primi anni è stato tutta una scoperta di questo mondo virtuale del blog. Agli amici più stretti si sono man mano aggiunti lettori sconosciuti, persone che si sono affezionate alla mia storia e hanno deciso di camminare per un periodo insieme a me. E così Blogger ha cominciato a starmi stretto, pensavo che il mio Diario meritasse di più e così siamo passati a WordPress, che mi ha accompagnato durante l’adolescenza del mio blog. Nel frattempo Diario dal Mondo ha continuato a crescere, gli amici virtuali sono diventati lettori molto più numerosi degli amici reali, e il blog mi ha regalato una soddisfazione dietro l’altra.

Ed eccoci di nuovo a uno stallo. Mi sento che il mio Diario ha raggiunto un punto importante della sua vita, è maturo e consapevole, e ho pensato fosse giusto dagli una nuova casa. E così da oggi Diario dal Mondo avrà una casa tutta sua.

11159156_10155503847625327_291274339_o

Follow my blog with Bloglovin

Il senso della paura

Quando ero bambina la paura mi ha aiutato a crescere. Ovviamente ho l’enorme fortuna e privilegio di essere cresciuta in un pacifico e ricco paese occidentale, quindi la paura della mia infanzia non era legata a violenza, povertà o sicurezza. Era la paura del “non correre in strada che finisci sotto una macchina”, o del “non mangiare troppe caramelle che poi ti viene il mal di pancia”, oppure “non accarezzare il cane che poi ti morde”. Continue reading “Il senso della paura”

Amiche di fuso

Ormai è stato vuotato il sacco, il segreto non è più un segreto e posso finalmente condividere con tutti voi questa mia splendida novità:

Amiche di fuso

So che molti di voi sanno benissimo di cosa sto parlando, ma per quelli di voi (spero pochi) che ancora non conoscono Amiche di Fuso, lasciatemi presentare questo bellissimo progetto di cui sono orgogliosa di fare parte. Continue reading “Amiche di fuso”