I miei 10 comandamenti per un matrimonio da expat

Del mio matrimonio temo per voi che parlerò a lungo… Ma per ora, a meno di una settimana dal grande giorno, voglio farvi un sunto di quella che è stata la mia strategia nei quasi due anni di preparazione per questo evento. Ecco i miei 10 comandamenti per organizzare un matrimonio a distanza!

  • Decidete cosa volete. Prima di mettervi in ballo con qualsiasi cosa, pensate bene a cosa volete. Matrimonio intimo o in pompa magna? Solo amici o tutto il parentado? Location trendy o cibo raffinato? Il matrimonio avrà un tema o un colore dominante? Prima di cominciare a comprare o prenotare, è bene che abbiate le idee chiare per non sprecare inutilmente soldi con cose che poi non userete.
  • Accettate che non tutto sarà perfetto. Quando si vive in Australia e si organizza un matrimonio in Italia, inevitabilmente non si potrà controllare ogni minimo dettaglio. Qualcosa andrà sicuramente storto, ci saranno sicuramente sorprese e cose che non saranno come ve le aspettavate. Pazienza, non sarà la fine del mondo. E ricordatevi che sarete solo voi ad accorgervene: nessun altro saprà che qualcosa è andato storto, a meno che non siete voi a dirlo. Quindi tenete la bocca chiusa, e cercate di risolvere ogni intoppo con calma e discrezione.
  • Delegate. Non essendo in loco, non potrete controllare ogni minimo dettaglio. Per quanto possibile, affidatevi quindi a mamma, sorelle, zie o amiche fidate. Avete visto su internet tante location per il ricevimento? Invece di cercare di vederle tutte di persone, incaricate qualcuno di fidato di fare una prima ispezione e di selezionare le locations migliori: in questo modo, quando vi recherete in loco, dovrete visitare solo una manciata di luoghi. Idem per i fiori e altri dettagli: fatevi un’idea di quello che volete, e poi sguinzagliate le vostre assistenti per trovare quello che desiderate.
  • Googlate. Fate di internet il vostro migliore amico. Al giorno d’oggi sul web si trova letteralmente di tutto. Approfittatene. Dalla ricerca di idee su Pinterest al confronto con altre sposine su forum e blog, dall’acquisto di oggetti e decorazioni alla prenotazione di professionisti… Internet vi sarà di grande aiuto! Se poi organizzate il matrimonio a distanza, la comunicazione elettronica vi sarà essenziale: cercate fornitori che siano al passo con i tempi, che abbiano la capacità e la volontà di mantenersi in contatto con voi via mail o Skype, ed escludete tutti quelli che neanche vi rispondono alla prima email di richiesta di informazioni!
  • Coinvolgete. Se siete come me, pensando al vostro matrimonio vi sarete immaginate a spasso tra i negozi con mamma o a creare fai-da-te con le amiche. Se però come me, vivete a migliaia di chilometri da mamma e amiche, tutto questo non sarà possibile e dovrete cercare un altro modo di coinvolgerle. Fate il pieno di loro e della loro assistenza se e quando potrete rientrare in patria, e per il resto cercate di coinvolgerle virtualmente. Tra Skype, Facebook, whazzapp e blog, è ormai facile essere parte della vita di qualcun altro anche se siamo fisicamente lontano. Guardare foto sul computer e leggere emails non sarà divertente quanto andare a fare shopping di persona, ma sempre meglio che niente, no? E poi questo farà sentire la vostra famiglia e i vostri amici parte dei preparativi e del matrimonio e farà sentire voi meno sole.

Continue reading “I miei 10 comandamenti per un matrimonio da expat”

Frivolezze

Siamo a -47 giorni dal fatidico sì, e l’ansia comincia a farsi sentire. Non tanto per i preparativi, che sto cercando di tenere sotto controllo man mano che passano i giorni, in modo da arrivare al 23 maggio con tutto pronto… Ma più per me stessa.

Il giorno del mio matrimonio è il giorno che ho sempre sognato. Mi vedo con l’abito bianco, i capelli raccolti, il viso truccato. Mi vedo bellissimo. I sogni sono belli perché ci permettono di immaginarci come vorremmo. E io sono molto lontana da come mi vedo nei miei sogni.

Dai 10 anni in poi ho sempre litigato con il mio corpo. Troppo alta rispetto alle mie coetanee. Troppo formosa per la mia età. Troppo goffa rispetto alle altre ballerine. Troppo grassa rispetto alle mie amiche. È una vita che lotto contro il mio corpo, e se ci sono alcuni aspetti di me che mi sono sempre piaciuti, sono molto di più quelli che ho passato anni ed anni ad odiare.

È una vita che sono a dieta, con pochi successi e molte frustrazioni. È una vita che faccio sport e movimento, con pochi effetti sul mio corpo. È una vita che mia madre mi compra pillole, pasticche e creme di ogni genere per aiutarmi a perdere peso e rassodare. È una vita che non funziona niente. È una vita che mi sento dire che dovrei perdere peso, che stavo meglio prima, ecc.

Per fortuna con il passare degli anni sono riuscita ad accettare di non essere come le mie amiche: 160 centimetri per 50 chili di peso. Ho accettato che i geni non sono dalla mia parte, e che mia madre è e sarà sempre più in forma di me, indipendentemente dalla sua età.

Ma questo non vuol dire che io sia contenta del mio aspetto. E con il matrimonio alle porte, non faccio che pensare a quanto bella voglio essere quel giorno. Su determinati aspetti del mio corpo proprio non ho controllo (come la pienezza delle labbra, o la taglia del seno), ma su tanti altri sto lavorando, in modo da arrivare al grande giorno più bella che posso.

Continue reading “Frivolezze”

Il più grande spettacolo

È la prima settimana di febbraio. La neve scende copiosa sulla Pianura Padana. Un piccolo corteo di macchine accompagna la mia famiglia da Milano a Cremona. I bauli carichi di vestiti eleganti, camice stirate, scarpe tirate a lucido, e tanti fazzoletti. Quando a sposarsi è il proprio figlio o fratello, la probabilità di lacrime è alta. Nonostante la neve, arriviamo a Cremona senza intoppi, salvo trovare la città sommersa e i mezzi pesanti del comune al lavoro per rendere almeno il centro agibile. Ospiti della città per una notte, ci perdiamo tra le viuzze del centro, ci innamoriamo del suo bellissimo Duomo, e ammiriamo il Torrazzo dalla camera del nostro hotel. Questa è l’ultima serata da single del mio fratellone, e scegliamo di festeggiarla con un’ultima cena degna di questo nome con i parenti più stretti.

10409351_1582595995291514_6333918270217193056_n

La notte passa tranquilla almeno per noi, ma l’indomani inizia caotico. Una veloce colazione solo fra noi 5 è il modo ideale per cominciare una giornata così importante. Oggi il mio splendido fratello convola a nozze con un’altrettanto splendida ragazza, e io non potrei essere più felice. È il primo matrimonio della nostra famiglia più immediata. Il primo che mi vede in qualità di testimone. Quello più importante a cui sono stata fino adesso.

Che non è cominciato con il migliore degli auspici. Chiesa inagibile, prete ammalato, pioggia e neve, autostrada chiusa, piazzale da spalare. Poveri! Fosse capitato a qualcun altro, sarebbero andati nel panico più totale… Mentre loro, stoici, calmi, fedeli e pacati, hanno preso tutto con filosofia. Ed è venuto fuori un matrimonio splendido!

Perché quando c’è così tanto amore, così tanta bontà d’animo, così tanta fede, e così tanta gioia, il matrimonio non può che essere una grande festa. O un grande circo, come in questo caso. Tra contorsionisti, lanciatori di coltelli, mangiafuoco e indovini, questo amore così puro è stato festeggiato come il più grande, il migliore spettacolo (dopo il Big Bang)!

Continue reading “Il più grande spettacolo”

Invitati indesiderati

Si sa, in un matrimonio non sempre può andare tutto liscio, ci sono sicuramente imprevisti e contrattempi. E di solito ci sono gli invitati di mezzo. Gli invitati che arrivano in ritardo, quelli che non sono vestiti in modo adeguato, quelli che discutono per la disposizione al tavolo, ecc. La gestione degli invitati pare essere una delle cose più complicate nell’organizzazione di un matrimonio. In vari siti di matrimoni ho trovato spesso il riferimento agl invitati indesiderati e quelli da evitare. In particolare questi sono: Continue reading “Invitati indesiderati”

Matrimonio… a modo nostro!

Il matrimonio è per definizione un rapporto, contratto, accordo tra due persone. E quelle due persone dovrebbero pertanto essere libere di decidere il come e il perchè di tutti i dettagli del giorno del proprio matrimonio. Ma si sa che i giochi non sono così facili, almeno nella maggior parte dei casi. Quando una coppia decide di sposarsi e comincia a progettare il grande giorno, ben presto entrano in gioco questioni familiari, doveri, tradizioni, abitudini, e quant’altro. Il tutto per rendere i festeggiamenti i più omogenei e tradizionali possibili. Continue reading “Matrimonio… a modo nostro!”

Musica, attesa e lacrime

Per l’orrore dei miei futuri suoceri (=musicisti classici professionisti), io non sono mai stata un’amante della musica classica. L’unico legame che ho con questo genere di musica risale ai miei anni di danza classica, ma, ahimè, sono passati da un pezzo. Non andrei mai a un concerto di musica classica di mia spontanea volontà e anche l’opera classica non rientra tra i miei spettacoli preferiti – molto meglio un balletto o un musical…. Continue reading “Musica, attesa e lacrime”

La mia vita… tra ricerca, bomboniere e sport

Mi sono resa conto che è da un po’ che non parlo di me. Don’t get me wrong, tutto parla di me in questo blog, alla fine è il mio diario. Ma è passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho raccontato di come sto e di come procede la mia vita. E così eccomi qui con un piccolo update. Continue reading “La mia vita… tra ricerca, bomboniere e sport”

Of life and love: verso il nostro matrimonio

Premessa 1: io sono cattolica, l’Avvocato è protestante. Io ho fatto tutti i sacramenti, lui è stato solo battezzato. Io sono credente, lui è ateo (il battesimo era stato fatto solo per far felici i nonni). La mia famiglia è credente e più o meno praticante, la sua famiglia mette piede in chiesa solo da turista. Continue reading “Of life and love: verso il nostro matrimonio”

Tema matrimonio

Il primo passo l’abbiamo fatto… abbiamo deciso quale sarà il tema del nostro matrimonio: il viaggio! Non potevamo scegliere un tema più adatto. Io italiana; lui australiano; ci siamo conosciuti in Francia; abbiamo vissuto insieme in 4 paesi diversi; abbiamo viaggiato per 9;  i primi 3 anni di storia li abbiamo passati a distanza; viviamo in Australia ma ci sposeremo in Italia…. Continue reading “Tema matrimonio”

Febbre da matrimonio

Mi sono assolutamente fatta prendere la mano… anche se il gran giorno è ancora lontano (in verità ancora non abbiamo neanche la data), non passa giorno (o meglio ora) senza che non pensi al matrimonio che verrà. Sono in preda a una vera e propria febbre da matrimonio! Purtroppo, data la distanza, non posso dedicarmi ai preparativi in senso pratico, almeno non ancora, ma passo ore e ore su internet, su siti, forum, blog, a farmi una cultura su tutto quello che devo sapere per questo evento così importante. Continue reading “Febbre da matrimonio”