Il mio 2019 in libri

La lettura è per me una delle passioni più grandi, nonché uno dei miei passatempi preferiti.  Purtroppo non sempre ho il tempo che vorrei da passare con il naso tra i libri, e così l’anno scorso avevo cominciato a includere nei propositi per l’anno nuovo la lettura di un certo numero di libri. Nel 2018 – complice la gravidanza che mi aveva regalato diverso tempo per me stessa – mi ero ripromessa di leggere almeno 25 libri; quest’anno invece, grazie all’arrivo del mio pargolo, sapevo che di tempo a disposizione ne avrei avuto ben poco e così ho ridotto a 20.

Traguardo raggiunto! Non è stato sempre facile trovare 5 minuti da dedicare alla lettura, ma per me è stato molto importante riuscire a ritagliarmi dei momenti solo per me. E se dovevo leggere di meno, almeno che fossero libri di qualità! E la maggior parte di quelli che ho letto negli ultimi 12 mesi, sono sicuramente stati grandi capolavori. Eccovi quindi il mio 2019 in libri!

GENNAIO

“Every Breath” – Nicholas Sparks

2019 in libri

Fin da ragazzina sono stata un’appassionata lettrice dei romanzi di Nicholas Sparks. Lo so, non sarà la lettura più profonda della terra, ma da inguaribile romantica le sue storie mi sono sempre piaciute. Conoscendo i miei gusti, tra i regali di Natale 2018 da parte del marito c’era anche l’ultimo romanzo di Sparks. Che come sempre mi ha fatto sognare, sospirare, emozionare.

Voto: 8

“After You” – Jojo Moyes

2019 in libri

Ho amato molto il primo libro di questa saga, nonché il film, che mi ha fatto piangere di brutto! Non è facile scrivere un sequel a una simile storia, e ho trovato questo secondo libro un po’ forzato. Detto questo, la storia mi ha comunque tenuta incollata alle pagine, ho fatto il tifo per Louisa e mi sono molto ritrovata nella sua sofferenza e nella sua difficoltà ad andare avanti. Ma non vedo l’ora di leggere il terzo libro, nella speranza che mi dia qualcosa in più rispetto a questo.

Voto: 7.5

“Beyond the Sling: A Real-Life Guide to Raising Confident, Loving Children the Attachment Parenting Way – Mayim Bialik

2019 in libri

Da quasi mamma i dubbi e le perplessità su come crescere il bebè che porto in grembo sono moltissimi. Quando una mia amica già mamma mi ha consigliato questo libro – di cui l’autrice è la famosa attrice di Big Bang Theory – ero un po’ scettica ma l’ho letto comunque con la mente aperta. E mi ha davvero aperto un mondo! In questo libro scoprirete lo stile genitoriale conosciuto come attachment parenting, che mi ha davvero molto ispirato, anche se non penso che riuscirò a mettere in pratica tutti i suoi suggerimenti!

Voto: 8

FEBBRAIO

“The Maxwell Sisters” – Loretta Hill

2019 in libri

Un libro veloce, piacevole e di facile lettura. Ambientato in Western Australia, in un’azienda vinicola immaginaria, ma che potrebbe essere tranquillamente una delle tante che popolano la zona di Margaret River. Il libro racconta le storie di tre sorelle, un tempo unite e affiatate, ma che la vita ha portato su binari diversi: per fortuna il matrimonio di una delle tre e il ritorno di tutta la famiglia nella casa dove sono cresciute sarà un’ottima occasione per ritrovare quell’affiatamento ormai perso.

Voto: 7

“Going Places” – Billy Hopkins

Un libro comprato per 1$ in biblioteca, mi aveva attirato la storia promettente di un insegnante inglese in missione in Kenya per 4 anni. In realtà ho scoperto durante la lettura che questo è il 5° libro di una serie di libri autobiografici dell’autore e della sua famiglia. Forse per questo il ritmo del libro è piuttosto lento, e non l’ho trovato particolarmente coinvolgente – almeno i primi 3/4 del libro che si svolgono nel Regno Unito e non in Kenya – anche se la storia è comunque interessante e riflette chiaramente la realtà dell’epoca.

Voto: 6.5

MARZO

“The night Circus” – Erin Morgenstern

Come altri, questo libro è comparso misteriosamente nella mia libreria. Non conoscevo l’autore né la trama, ma è stata comunque una piacevole sorpresa. Il libro scorre veloce, in un susseguirsi di colori, di sensazioni, di profumi. A volte vi sarà un po’ difficile tenere il passo con la storia, che si svolge in un continuo salto temporale avanti e indietro.

Voto: 7

“Save our sleep” – Tizzie Hal

Pare che questo libro sia stato il Sacro Graal per molti genitori che si trovano alle prese con pargoli non dormienti. Al giorno d’oggi invece non gode più di fama così incondizionata, ma ci era stato raccomandato e l’abbiamo letto. Ma avendolo prima della nascita del mio bimbo, ovviamente l’ho letto da un punto di vista più teorico che pratico. Ma non posso dire di condividere tutto quello che ho letto, anche se magari cambierò idea una volta che il bimbo mi terrà sveglia notte dopo notte!

Voto: 6.5

“The Womanly Art of Breastfeeding” – Diane WiessingerDiana West, Teresa Pitman

Un’amica mamma e calda sostenitrice dell’allattamento al seno mi ha prestato questo libro, su cui lei stessa ha fatto moltissimo affidamento nel primo periodo dell’allattamento. Dalle nozioni più “tecniche” alle soluzioni per i problemi più comuni, ho trovato questo libro molto utile. Fortunatamente per me l’allattamento al seno è sempre stato un percorso facile, ma per le mamme che non hanno la stessa fortuna, questa può essere un’ottima risorsa.

Voto: 7.5

Aprile

“Baby Love: everything You Need to Know about your Baby’s First Year” – Robin Barker

In Australia è considerata l’enciclopedia di riferimento per tutto quello che riguarda la crescita di un bambino nel suo primo anno di vita. Per quanto al giorno d’oggi tutte queste informazioni siano più facilmente disponibili e reperibili online, mi piace avere un libro dove poter trovare tutti i consigli più disparati. La pecca però è che le informazioni dei libri passano rapidamente fuori moda. Se non me lo avessero regalato, dubito che lo avrei preso.

Voto: 7

Maggio

“The Little Paris Bookshop” – Nina George

Se state leggendo questo post, probabilmente anche voi siete amanti della lettura. E un libro che parla di libri è sempre una lettura interessante. Se poi la storia si svolge su una libreria mobile, situata su di una chiatta ancorata sulla Senna, allora ecco che il libro ha tutti gli elementi per catturare il lettore. Pagina dopo pagina seguirete il protagonista e la sua chiatta da Parigi fino al sud della Francia, ma seguirete anche il viaggio di Monsieur Perdu in se stesso e verso il grande amore – perso – della sua vita.

Voto: 8

“Still me” – Jojo Moyes

Ultimo libro della trilogia, l’ho divorato veramente in fretta. Anche se il primo dei 3 libri resta il mio preferito, mi è piaciuto senza dubbio anche questo libro. Ho trovato interessante e non banale lo svolgimento della storia che segue la nuova vita di Lou a New York. Se avete amato i primi libri, non potete non leggere e appassionarvi a quest’ultimo!

Voto: 8

Giugno

“The Tattooist of Auschwitz” – Heather Morris

Questo libro godeva di una reputazione stellare e ci ho messo una vita per farlo arrivare in biblioteca. Ma è valso tutti i mesi di attesa! Il contesto è trito e ritrito ma sempre paurosamente doloroso: è l’orrore di Auschwitz e delle milioni di ebrei che sono passati dal suo cancello. Dove, ad aspettarli con l’ago e l’inchiostro pronti, c’era lui, il tatuatore. Questa è la sua terribile ma toccante (vera) storia.

Voto: 9

“The Dressmaker” – Rosalie Ham

Avendo visto il film qualche anno fa, conoscevo già la storia, ma ero curiosa di leggere il libro che l’aveva ispirato. C’è da dire che il film mi è piaciuto molto, ha un grande cast e la storia è veramente interessante. Ma il libro non è da meno. La storia si svolge nell’Australia rurale degli agricoltori e dei paesini, dove il tempo sembra non passare mai e il passato sembra impossibile da dimenticare. Se non avete visto il film o letto il libro, ve li consiglio caldamente entrambi!

Voto: 8

Luglio

“The Nowhere Child” – Christian White

Libro d’esordio dell’autore australiano, è il libro perfetto per gli amanti del thriller e suspense. Se scopriste, quasi 30enni, di essere state rapite da bambini, come reagireste? Rimettereste tutta la vostra vita in discussione, comincereste a dubitare di chi vi ha cresciuto e – credevate – amata. E iniziereste a indagare, per scavare in quel passato improvvisamente torbido. Un libro che non riuscirete a mettere giù fino alla fine.

Voto: 7.5

“Small Great Things” – Jodi Picoult

Un altro incredibile libro di una delle mie scrittrici preferite. Questa volta la storia ruota intorno alla tragica morte di un neonato bianco e alla – presunta – responsabilità di un’infermiera di colore. Il libro affronta senza mezzi termini concetti complessi e pesanti come il razzismo e la discriminazione, ma anche l’amore – incondizionato? – di un genitore per il proprio figlio. Un libro che, da neomamma, a tratti è stato doloroso leggere, ma una storia che ho apprezzato dalla prima all’ultima pagina.

Voto: 8

Agosto

“Seriously… I’m kidding” Ellen Degeneres

Adoro Ellen e quando mi è capitato questo libro – che avevo già letto – tra le mani, non ho esitato a rileggerlo. Ho fatto male. Non mi ricordavo quanto questo libro non abbia davvero niente da dire. Ellen è una splendida presentatrice, attrice e intrattenitrice; non è una brava scrittrice. A mio malincuore, non ho neanche finito di leggerlo prima di passare ad altro.

Voto: 6

SETTEMBRE

“CHOSEN BY A HORSE” – SUSAN RICHARDS

Libro sicuramente scelto per la copertina e il titolo, è una lettura piacevole per gli amanti dei cavalli come me. La storia ruota banalmente intorno all’adozione – o salvataggio – di un cavallo da parte di una donna dal passato complicato. Un libro che parla di sofferenza, di rinascita, di seconde opportunità e di speranza. Un libro che chiunque abbia avuto la fortuna di godere dell’amore per un cavallo apprezzerà, per quel suo riflettere sul rapporto assolutamente unico tra animale e cavaliere.

Voto: 7

OTTOBRE

“What was left” – Eleanor Limprecht

Avendo amato gli ultimi due libri di questa autrice, non potevo farmi scappare anche il suo libro d’esordio. La scelta di leggerlo a pochi mesi dalla nascita del mio bambino, non è stata casuale. Anche la protagonista del libro è una neo-mamma, anche lei è straniera a Sydney, anche lei ha un marito al lavoro tutto il giorno e nessun altro supporto che la distragga dalla monotonia e fatica della maternità. E allora la protagonista fa quello che io non ho mai pensato di fare ma che, da mamma in un contesto pressoché identico, posso sicuramente comprendere. Un libro intenso, ma bellissimo.

Voto: 8.5

“The Storyteller” – Jodi Picoult

Questo mese mi ha regalato un libro più bello dell’altro. La bravissima Jodi Picoult ancora una volta riesce a raccontare con tatto ed emozione un aspetto della storia moderna complesso e delicato: l’Olocausto. Il libro ruota intorno alla domanda: è giusto e possibile perdonare un ultra 90enne che ha dedicato gli ultimi 60 anni della sua vita agli altri per l’atroce ruolo che ha commesso da giovane nei campi di concentramento? Lo sviluppo della storia vi terrà davvero col fiato sospeso e gli occhi incollati al foglio dalla prima all’ultima pagina.

Voto: 8.5

“Becoming” – Michelle Obama

Ho aspettato un anno per leggere questo libro e quando finalmente è arrivato l’ho semplicemente divorato! Non sono solita leggere autobiografie, ma questa mi è piaciuta particolarmente. Gli Obama sono sicuramente figure note a tutti, ma per chi, come me, non conosce tutti i dettagli del ruolo del Presidente degli USA e della First Lady, questo libro è davvero un manuale di storia, politica, oltre che a essere un diario della vita privata di una donna, moglie e madre, prima ancora di essere la moglie del Presidente.

Voto: 8.5

DICEMBRE

“Una meravigliosa vita da cani” – Grame Sims

Per un’amante degli animali (e soprattutto dei cani) come me, questo libro è davvero un bel modo di chiudere il 2019. Un libro piacevolissimo, scorrevole ma soprattutto divertente e pieno di tantissimo amore per i nostri amici a 4 zampe: l’autore è un rinomato addestratore di cani, ma è anche e soprattutto un pastore amante dei suoi animali, che sono per lui ben più di un aiuto nei campi. Un must per tutti coloro che hanno un debole per cani ma non solo!

Voto: 8

Et voilà, questi sono i libri che mi hanno tenuta compagnia negli ultimi 12 mesi! Il mio 2019 in libri non è stato affatto un anno noioso! Alcuni sono dei veri e propri capolavori, altri mi hanno lasciata un po’ insoddisfatta… ma il tempo speso a leggere non è mai sprecato! E voi che mi dite? Che titoli avete da consigliarmi per il 2020?

13 thoughts on “Il mio 2019 in libri

  1. Anche io ho amato i libri di Sparks, anche se ogni volta finivo in un fiume di lacrime 😀 ora mi piacerebbe leggere la storia di Michelle Obama!

    1. Becoming è un libro che mi è piaciuto un sacco… E ho appena visto anche il documentario su Netflix

  2. Grazie per questa condivisione e per avermi fatto conoscere the tattooist of auschwitz. Non è il mio genere ma mi hai dato l’idea per un bel regalo al mio ragazzo

  3. Di questi ho letto solo Una Piccola Libreria a Parigi, che mi è piaciuto moltissimo! Un libro apparentemente leggero, che invece nasconde delle belle perle di saggezza e invoglia anche a fare un viaggio diverso dai soliti: a bordo di un battello lungo la Senna. Grazie per le altre idee.

    1. Un libro che mi è piaciuto moltissimo e ho in lista di leggere anche gli altri suoi libri!

  4. Guarda, mi hai dato degli spunti davvero interessanti. Anche io sono una lettrice vorace, ma in questo orrido periodo di lockdown, non mi riesco a concentrare. Speriamo di sbloccarsi

  5. In questo periodo gli spunti per la lettura sono sempre i benvenuti! Proprio ieri ho fatto un ordine a una libreria vicino casa mia che consegna a domicilio, e mi dispiace non aver incluso alcuni di questi titoli! In particolare il thriller, che è un genere che mi piace molto, e anche The Little Paris Bookshop di cui avevo già letto delle opinioni positive.

    1. Ma che bello che ci siano librerie che fanno consegna a domicilio! Puoi sempre tenere questi titoli presenti per il prossimo ordine!

  6. Titoli davvero interessanti, alcuni li ho appena aggiunti alla mia lista. Becoming invece è uno dei libri che ho acquistato all’inizio dell’anno e che devo ancora leggere ma mi aspetto grandi cose da questa prossima lettura.

    1. Fammi sapere poi cosa ne pensi di “Becoming” e degli altri che avrai modo di leggeere! Sono curiosa!

  7. Anche io ho letto Becoming e potrei usare le tue stesse parole per trasmettere la mia gioia nell’aver letto. Che forza questa donna!
    Bella e curata la tua lista, io mi sono limitata a scrivere i titoli.
    Buon anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.