Etichetta d’ufficio in Australia: 5 consigli

L’Australia è conosciuta per essere una nazione molto rilassata. Uno dei motti nazionali infatti è il “No worries, mate!”, che per molti diventa una vera e propria filosofia di vita. Venendo dalla frenetica Milano e arrivando nella provinciale Adelaide, questo contrasto di stile di vita mi è apparso subito molto ovvio. E altrettanto velocemente l’ho fatto mio! Continue reading “Etichetta d’ufficio in Australia: 5 consigli”

Fare colazione in Australia

Conoscete tutti il detto “la colazione é il pasto più importante della giornata”, no? Ecco, Sydney e l’Australia portano questo detto a tutto un altro livello. La colazione in Australia infatti non é solo una necessità, ma é un vero e proprio stile di vita. L’amore di Sydney per la colazione non ha confini: facciamo code di ore, scoviamo il piatto più instagrammabile e parliamo del nostro brunch preferito per giorni a venire! Continue reading “Fare colazione in Australia”

I 10 cibi tipici dell’Australia

Se vivete o avete viaggiato a lungo in Australia, sono sicura che vi sarete imbattuti in cibi particolari e magari sconosciuti. O forse anche solo in un modo tutto nuovo di cucinare e mangiare un determinato piatto… Dalla carne che normalmente non trovate nei vostri supermercati a biscotti che non conoscete, alla frutta che di solito trovate solo nei negozi esotici della vostra cittá ad alcuni prodotti decisamente solo australiani. Non potete non passare da qui e non provare almeno una volta uno dei 10 cibi tipici dell’Australia! Continue reading “I 10 cibi tipici dell’Australia”

Neanche Sydney è perfetta come sembra

Tra coloro che sono rimasti in Italia e che osservano la mia vita da fuori, pare che io sia “capitata” nel paese dei balocchi. L’Australia è da molti considerata l’Eldorado del terzo millennio, e Sydney la sua punta di diamante. Si pensa infatti che questo sia un paese che offre opportunità lavorative infinite ma allo stesso tempo garantisce la possibilità di godersi la vita, grazie a un salario medio alto, uno stile di vita semplice e pratico, servizi di buon livello e burocrazia non opprimente. E così sono sempre di più i giovani (italiani ma non solo) che partono alla volta di Melbourne, Sydney, Perth o Brisbane alla ricerca di questa vita ideale, senza immaginare che, per molti di loro, la nuova Terra Promessa si rivelerà meno accogliente del previsto.  Continue reading “Neanche Sydney è perfetta come sembra”

Senso del pudore e (mancato) senso del decoro

Siamo a Towada, prefettura di Aomori, Giappone. E’ inizio aprile e dovrebbe fare caldo, i ciliegi dovrebbero essere in fiore, eppure la neve cade copiosa in questo angolo nipponico. Non c’è niente di più bello, in questo fredda serata, di immergersi nell’acqua bollente dell’onsen, soprattutto quello all’esterno. La cosa da sapere è che negli onsen si va nudi: i giapponesi considerano importante la “comunione in nudità” poiché capace di abbattere le barriere e far conoscere nuove persone nell’atmosfera rilassata e familiare dell’onsen. Continue reading “Senso del pudore e (mancato) senso del decoro”

Votare in Australia

Il 2 luglio 2016 in Australia si sono tenute le elezioni federali sia per il parlamento che per il senato. Votare in Australia è un diritto ma anche un obbligo, con tanto di multa in caso di mancato voto. In quanto nuova cittadina, per la prima volta sono andata alle urne anche io ed è stata decisamente un’esperienza interessante. Continue reading “Votare in Australia”

Luoghi simbolici: il Sydney Harbour Bridge

L’Harbour Bridge di Sydney è una delle icone più conosciute e uno dei monumenti più fotografati d’Australia. È il ponte ad arco in acciaio più largo e pesante del mondo, il sesto al mondo per lunghezza. È una presenza allo stesso tempo imponente e delicata. Domina in assoluto la baia, così come sbuca timido tra un palazzo e l’altro del centro città. Conosciuto dai locali come “l’appendiabiti”, l’Harbour Bridge collega la sponda a nord di Sydney con il centro città fin dal marzo 1932. Nonostante la sua vicina Opera House sia l’icona più conosciuta di Sydney, l’Harbour Bridge è senza dubbio il primo a cogliere il vostro sguardo quando arrivate a Circular Quay. Continue reading “Luoghi simbolici: il Sydney Harbour Bridge”

Border security

Da qualche anno ormai va in onda anche in Italia il programma australiano “Airport security“, e penso che molti di voi già lo conoscano. Ma se vi è nuovo, si tratta di un (simil) documentario filmato negli aeroporti di Sydney e Melbourne (occasionalmente Perth e Brisbane) che  racconta l’attività degli agenti della dogana aeroportuale australiana contro l’immigrazione clandestina, il narcotraffico, gli atti terroristici e la diffusione di pericolose epidemie esotiche. Esiste una versione Canadese del programma denominata Airport Security Canada e ne esiste una Neo Zelandese denominata Airport Security New Zeland, ma è la versione australiana quella più famosa, soprattutto in Italia. Continue reading “Border security”

Cockatoo Island: a spasso tra cantieri navali, carceri e riformatori

Da quando ci siamo trasferiti a Sydney ho sempre voluto andare a visitare Cockatoo Island, l’isola più grande del porto di Sydney. Situata alla confluenza del fiume Parramatta e Lane Cove, Cockatoo Island è una ex prigione imperiale, scuola industriale, riformatorio e carcere. È stato anche il luogo di uno dei più grandi cantieri d’Australia nel corso del ventesimo secolo, che chiuse nel 1992. Dal 2010 Cockatoo Island è stata nominata patrimonio dell’UNESCO. Non vedevo l’ora di visitarla, e con la scusa della Biennale di Sydney questa volta ce l’ho fatta!

Continue reading “Cockatoo Island: a spasso tra cantieri navali, carceri e riformatori”

Ladri di bambini

Forse ricorderete che qualche mese fa sono andata a fare un weekend a Canberra e in quell’occasione avevo visitato il National Museum of Australia. Uno degli oggetti che più mi avevano toccato durante la visita era il Kinchela Boys Home Gate, ovvero il cancello di un instituto per bambini aborigeni e isolani dello stretto di Torres che furono allontanati dalle loro famiglie da parte governo australiano e missioni religiose. Questo cancello è il simbolo della Stolen Generation, un fardello che l’Australia si porta dietro da decenni ma che vorrebbe bellamente dimenticare. Ed è proprio di questo che voglio parlarvi oggi.

La Kinchela Boys Home è una delle più conosciute (e dalla peggiore reputazione) case per bambini aborigeni di tutto il New South Wales, in funzione dal 1924 al 1970. In quasi mezzo secolo ha ospitato 400 bambini, e nonostante sia stata spesso lodata pubblicamente per il benessere e la felicità dei suoi bambini, purtroppo la realtà era tutt’altro che rosea. Continue reading “Ladri di bambini”