Perchè l’Australia non fa per tutti

Oh quanto è bella l’Australia, oh quanto si vive bene quaggiù! Se così non fosse non sarei ancora qui, a testa in giù, dopo 6 anni e 8 giorni. Ma l’ho già detto, e non mi stancherò mai di ripeterlo, che l’Australia non è il paradiso, non è un paese perfetto ed è inutile negarlo. L’Australia è un paese che ha moltissimo da offrire, che può essere la svolta per molti e regalare un futuro che altrove viene negato. Se viene vissuto in modo giusto. Se si arriva qui consci di quello a cui si va incontro. 

E visto che mi sento particolarmente caritatevole oggi vi aiuterò a prendere la decisione giusta. Oggi vi elencherò 10 motivi per cui l’Australia potrebbe non essere la meta giusta. Se avete problemi con uno o più di questi moviti, forse è davvero il caso di riconsiderare la vostra scelta!

1. No a vacanze estese in Italia d’estate se avete figli in età scolastica. Grazie al diverso sistema scolastico e alle stagioni invertite, vi sarà impossibile allonarvi dall’Australia tra giugno e agosto per più di 2 settimane (solitamente a luglio). Le vacanze estive (6 settimane) cominciano appena prima di Natale fino a fine gennaio; il resto dell’anno avrete solo breaks di 2 settimane alla volta, che sono decisamente pochine per un viaggio in Italia. Se siete abituati a passare 3 mesi di vacanza in estate, sarà dura rinunciarvi!

2. No weekend qua e là a basso costo. Se siete abituati a farvi weekend in giro per le città europee con Ryanair e simili, troverete forse un po’ costrittivo vivere in Australia. Certo, il paese è enorme, ma le città degne di questo nome sono solo una manciata. Certo, l’Asia è a portata di mano, ma si tratta comunque di parecchie ore di volo per raggiungerla. Certo, ci sono tanti altri bellissimi posti relativamente vicino da visitare in un weekend, ma questi si esauriscono facilmente. E il concetto di low cost qui in Australia non ha lo stesso significato che ha in Europa, credetemi!

3. Restrizioni di visti e permanenza. Venire a vivere in Australia al giorno d’oggi è abbastanza complicato dal punto di vista del visto: dimenticatevi i tappeti rossi al vostro arrivo e la possibilità di ottenere un visto permanente senza sacrificio. Se è vero che, per chi ha meno di 31 anni e/o viene qui per studiare, è relativamente facile ottenere un visto temporaneo, è altrettanto vero che è molto più difficile ottenere un visto di lunga durata. E i requisiti di visto, permanenza e cittadinanza possono cambiare dall’oggi al domani (come è successo un paio di mesi fa) e rovinarvi tutti i piani che avevate fatto per il futuro.

4. La natura è pericolosa. Sicuramente avrete sentito parlare di tutti gli animali letali che si annidano in questo magnifico continente. A voler ben guardare qui non siete sicuri da nessuna parte, nè in terra nè in acqua, il sole è un nemico bastardo e silenzioso, e andare a fare il bagno in mare comporta notevoli rischi. Insomma, se siete paurosi, schifettosi e vi proccupate facilmente, forse vivere in Australia vi farà partire la coronaria ogni volta che vostro figlio gioca con la terra.

l'Australia non fa per tutti

5. Voli lunghi e costosi per Europa. Se vi va bene, da aeroporto ad aeroporto ci metterete 24 ore; se volete risparmiare e scegliete un volo multitappe, potete tranquillamente stare in giro un paio di giorni. E potreste dover risparmiare, dato che i voli tra Italia e Australia non sono decisamente economici. In bassa stagione li ho visti anche sotto (ma appena sotto) i 1000 euro, mentre in alta stagione possono salire notevolmente. Insomma, se siete persone che devono vedere famiglie a Natale, Pasqua e Ferragosto, potreste dovervi fare bene i conti in tasca prima di decidere di trasferirvi in Australia!

6. La concorrenza è spietata. Se arrivate in Australia con una laurea (o pure due), con uno stage (o pure due) e pensate di trovarvi la pappa pronta, avete sbagliato di grosso. Gli australiani (e la maggior parte degli immigrati come voi) studiano moltissimo e cominciano a lavorare presto, e vi daranno pane per i vostri denti a qualsiasi colloquio. Se venite qui per lavorare (e per rimanere) dovete sapervi mettere in gioco e volervi continuamente migliorare. Altrimenti la concorrenza vi sorpasserà e vi lascerà indietro in un attimo.

7. L’Australia moderna è molto giovane e così sono la sua storia e la sua cultura: inutile venire qui e lamentarsi che non c’è storia. Lo sapete a priori. Il popolo aborigeno è il più longevo della Terra, ma nei 50.000 anni che anno popolato questo continente non hanno lasciato testimonianze architettoniche del loro passaggio, non hanno creato città, monumenti, e altri simboli come li pensiamo noi. Gli europei sono arrivati solo due secoli fa e in questo brevissimo lasso di tempo è impensabile ricreare la storia millenaria del nostro paese.

l'Australia non fa per tutti
Arte aborigena

8. La vita è costosa. L’Australia è un paese costoso, non ce n’è. Sydney è una città cara e soprattutto agli inizi, quando ancora non avete un lavoro (o non ne avete uno stabile), dovete essere in grado di sopravvivere con poco. L’Australia è decisamente un paese dove far attenzione a quanto si spende. Se siete tipi da spendere e spandere e non avete un portafoglio che vi permetta di farlo senza problemi, potreste finire sul lastrico in men che non si dica.

9. La vita nel bush decisamente non è per tutti. Ok, vivere a Sydney, Melbourne e Brisbane è una cosa, decisamente è un’altra vivere nelle tantissime cittadine che costellano il bush australiano. E per bush si intende tutto quello che non è metropolitano. La vita fuori dalle grandi città richiede molti sacrifici, le distanze sono enormi, i collegamenti scarsi e la quotidianità logoramente noiosa. No, decisamente la vita nel bush non è per tutti, ma per alcune professioni (come in mining) può essere l’unica alternativa.

10. Il lavoro in nero e lo sfruttamento esistono eccome. Dulcis in fundo, anche l’Australia ha il suo lato nero. Anche qui esiste il lavoro in nero (soprattutto nel mondo dell’ospitalità e soprattutto verso gli stranieri) e lo sfruttamento. Io stessa mi sono trovata in questa situazione per ben due volte e non è stato piacevole. Esiste il nepotismo e le conoscenze hanno la loro importanza anche qui, anche se per fortuna non sempre e non dovunque. Insomma, se pensate di lasciare tutto ciò che di marcio c’è nel nostro paese e qui trovare un paese perfetto, meglio che cambiate idea prima che sia troppo tardi!

L’Australia è casa. L’Australia è un paese meraviglioso. L’Australia dà tantissimo. Ma l’Australia è per i lottatori. Quello che non tutti ti dicono è che devi essere pronto ad un sacrificio personale non indifferente se scegli di trasferirti quaggiù. Uomo (e donna) avvisato, mezzo salvato.

12 thoughts on “Perchè l’Australia non fa per tutti

    1. Hai assolutamente ragione, non c’è paese che vada bene per tutti e molto dipende dalla predisposizione del singolo. Per quanto riguarda gli animali, l’importante è non pensarci! 😉

  1. Hai proprio ragione: l’Australia non è per tutti!
    Spesso si ha il mito e si vede l’Australia come il paese perfetto ma ha pregi e difetti come tutti e credo che il suo grande difetto sia proprio la distanza.
    Io ci sono stata tanti anni fa e vorrei tornarci con i miei figli per un’esperienza di vita. Vedremo!
    Un abbraccio 😘

    1. Cara Dru, tu hai la maturità e l’esperienza per capire questo ma quanti giovani ingenui arrivano pieni di speranze e poi ci rimangono malissimo? Ti auguro proprio di riuscire a raggiungere il vostro sogno perché penso che per voi sia il paese giusto? Un abbraccio

  2. i sacrifici ci vogliono ovunque nel mondo se si vuole aver successo o comunque lavorare dignitosamente. Anche la competitività è in aumento un po’ ovunque nel mondo: in fondo andarsene così lontani per affermarsi secondo me non ha senso. Poi se si sceglie l’Australia per altri aspetti – attrazione naturalistiche, impostazione urbanistica moderna, stile di vita, ecc. – è un altro discorso. Ma la domanda che mi pongo è la seguente: un europeo – che non riesce a trovare lavoro nella sua zona – ha davvero bisogno di emigrare in Oceania? Ad esempio, tu perché hai scelto l’Australia e non un’altra nazione europea?

    1. Caro Francesco, hai ragione. Ovunque si scelga di vivere – che sia in Italia o all’estero – ci sono sacrifici da fare e occorre lavorare duro per arrivare lontano. Personalmente mi sono trasferita in Australia perchè il mio compagno è australiano: se non fosse stato per lui forse non sarei qui. Ma ora che qui ci abito posso dire che il motivo più importante per emigrare in Australia sono le opportunità che questo paese dà e che l’Italia sicuramente non regala più.

  3. Perfettamente ragione. Vivo qui da 23 anni lavoro per conto mio da 19 anni e mi sono dovuto rinnovare di continuo cambiando direzioni sempre rimanendo nello stesso settore.
    Concorrenza si è un fatto quotidiano. La cosa positiva è che qui nel 99 % dei casi ti pagano sempre. Solo un paio di volte siamo stati fregati …. in 19 anni penso che sia ancora positivo. Se sei serio professionalmente raramente avrai problemi…..
    L’ Italia e’ sempre l’Italia è per chi come noi qui da tanti anni abbiamo speso forse un patrimonio per tornarvici e collegarci i nostri figli con il bel paese. Comunque provare per credere . Si vive ancora meglio di tanti altri posti e se ne avete voglia le possibilita’ ci sono ancora .
    Lucio

    1. Caro Lucio, grazie per il tuo commento e la tua testimonianza. Sono assolutamente d’accordo con te, se si lavora sodo e lo si vuole, l’Australia offre davvero tanto. Con le ovvie precauzioni del caso ovviamente. Sono contenta che dopo tutti questi anni, l’Australia sia comunque ancora il posto giusto in cui vivere. A presto!

  4. Hai ragione!! Articolo giustissimo!! Noi siamo appena arrivati ..o meglio ..io e la bambina perché mio marito è arrivato qui due anni fa per mettere le prime pietre per il nostro futuro…
    Sono sacrifici e tanti…lasciate tutto e poi vivere qui con L angoscia che L primo che vuole cambiare qualche legge ti può rimandare a casa…ma se si pensa che è il paese dove si vuole vivere questi sacrifici si fanno, soprattutto si cerca di integrarsi e apprezzare tutto quello che offre soprattutto per i nostri figli! Grazie per l articolo è giustissimo!!

    1. Ciao Viviana, benvenuta sul blog e in Australia! Mi auguro proprio che questo paese sappia darvi tutto il meglio di sè e che voi sappiate cogliere le possibilità che vi offre. Purtroppo ci saranno intoppi e sacrifici lungo il percorso, ma spero che per voi ne varrà la pena! Per il resto, hai ragione, la chiave di tutto è integrarsi e apprezzare quello che ci viene offerto. In bocca al lupo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *