Fleurieu Peninsula – il meglio del South Australia

Nelle vacanze di Pasqua, complice anche il 30esimo compleanno dell’Avvocato, ne abbiamo approfittato per tornare ad Adelaide e riscoprire una delle più belle zone che il l’Australia Meridionale ha da offire. Che sia sorseggiare vini di prima classe, passeggiare attraverso antiche foreste, nuotare, surfare e, in inverno, ammirare le balene franche australi che si crogiolano al sole di Encounter Bay, a pochi metri dalla riva… la Fleurieu Peninsula ha tutto quel che vi vuole per assicurarvi un soggiorno indimenticabile. Con paesaggi mozzafiato fatti di verdi colline, fattorie, parchi nazionali, vigneti, spiagge infinite e scogliere selvagge, questo angolo di Australia Meridionale offre una combinazione perfetta tra relax, culture ed avventura.

A soli 45 minuti dal centro di Adelaide, la Fleurieu Peninsula è la destinazione perfetta per locali e turisti in ogni giorno dell’anno. La regione ha davvero qualcosa per tutti, che siano aziende vinicole di fama mondiale o piccole cittadine dal fascino decisamente provinciale, coste selvatiche per gli amanti dell’avventura o spiagge tranquille per chi invece preferisce rilassarsi. Che siate in cerca del luogo perfetto per un weekend romantico, una vacanza con tutta la famiglia o una gita fuori porta per ritrovare il contatto con la natura, la Fleurieu non vi deluderà!

Wine country

Per gli amanti del buon vino, la Fleurieu Peninsula offre quattro distinte zone in cui assaggiare alcuni tra i migliori vini che lo stato ha da offrire. La regione più famosa è senza dubbio la McLaren Vale, famosa per i suoi vini moderni – soprattutto rossi di ispirazione meditteranea come lo Shiraz – e per l’accoglienza delle sue cantine; ma a breve distanza troverete anche Langhorne Creek, Currency Creek e Southern Fleurieu dove potrete apprezzare degli ottimi vini in un’atmosfera decisamente più intima. Ci sono oltre 100 cantine nella regione, dalle più piccole a gestione familiare ai grandi nomi internazionali, e in molte è possibile trovare ottimi ristoranti che servono piatti regionali e stagionali. Ma la regione sta piano piano guadagnando una reputazione anche per le sue birre (Smiling Samoyed è la stata la nostra ultima scoperta e ve la raccomando caldamente) e cider artigianali (assolutamente da provare la Three Oaks Cider), gin e whiskey, quindi preparatevi un piano B per il ritorno in città – o ancora meglio, approfittatene per passare la notte nella penisola -, perché l’alcol da queste parti sicuramente non manca!

Food delight

Dove c’è buon vino non può mancare il buon cibo e nella Fleurieu Peninsula di certo non mancano prodotti di qualità e piatti da capogiro. Fate il pieno di marmellate fatte in casa, freschi frutti di bosco, pani artigianali, frutti di mare locali, carni affumicate (tra cui potete trovare fagiani, quaglie e cervi), o formaggi delicati. La Fleurieu Peninsula racchiude davvero il meglio di mondi diversi, un vero e proprio melting pot di culture, adagiate nella mentalitá rilassata tipica dell’Australia. Con panetterie in ogni cittá, negozi di fish & chips a ogni spiaggia, e bar che servono torte fatte in casa e caffé fresco, tutto quello che dovete mettere in valigia é un sano appetito! L’ospitalitá e la passione per il buon cibo di questa regione sono davvero degne di nota, e ovunque decidiate di fermarvi per un boccone, non rimarrete di certo a stomaco vuoto.

Coastal escape

Con oltre 250 chilometri di costa, la Fleurieu Peninsula é un susseguirsi di cittadine costiere, di spiagge e di moli da cui pescare, nuotare o lanciarsi in mare con la tavola. In Yankalilla Bay potete persino immergervi alla scoperta del relitto della Star of Greece, affondata nel 1888, o della ex-HMAS Hobart, inabissatasi solo nel 2002. Da Port Elliot, Middleton e Victor Harbor potete tentare la vostra fortuna avvistando le balene di passaggio tra l’Antartica e le acque calde dei tropici. A livello di cittá, per una perfetta fuga costiera, Victor Harbour è la destinazione perfetta: il paesaggio costiero è veramente spettacolare, un tram tirato da cavalli collega il centro città a Granite Island, dove si trova anche una vasta colonia di pinguini minori blu, che costituiscono una grande attrazione. Tra le spiagge piú famose ci sono Carrickalinga, Aldinga e Myponga Beach, Horseshoe Bay e Second Valley.

Cultural retreat

E per turisti più acculturati e artistici, non temete: la Fleurieu ha in serbo qualcosa anche per voi! Scultori, pittori, tessitori, vetrai, artigiani, musicisti e artisti di ogni altro genere trovano ispirazione dalla bellezza dei paesaggi della penisola, e le loro botteghe e negozi animano anche le cittadine più piccole. Una passeggiata lungo le strade principali di Willunga, McLaren Vale, Normanville e Port Noarlunga vi farà scoprire cooperative artistiche, piccole gallerie e negozi di antiquariato. Aldinga e Old Noarlunga invece sono villaggi storici, risalenti agli anni ’40 del 1800, quando le cittadine erano attivi centri agricoli. Anche Yankalilla ha ben mantenuto la sua atmosfera da vecchio villaggio, con il fiume che la attraversa, le strade costellate da alberi antichi, l’architettura rurale e i piccoli cottage dai giardini fioriti. Ed è proprio qui che pare sia apparsa l’immagine della Madonna col bambino sul retro della chiesa anglicana.

Insomma, qualsiasi sia il vostro tipo di viaggio ideale, la Fleurieu Peninsula é davvero una tappa imperdibile di ogni viaggio in South Australia! E se ottimo cibo e vino, verdi colline e spiagge infinite non sono abbastanza per voi, ricordatevi che da qui parte il traghetto per Kangaroo Island, un vero e proprio scorcio di paradiso.

4 thoughts on “Fleurieu Peninsula – il meglio del South Australia

  1. Mi hai proprio incuriosito, grazie! Dato che Adelaide per noi è quasi fuori porta, la inseriro’ nella mia lista delle prossime gite 😉

    1. Non e’ proprio dietro l’angolo per voi ma merita proprio! Soprattutto se andate a Kangaroo Island!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *