Un’occasione mancata per Dylan

Vi ricordate di Dylan, lo studente cinese ospitato da mia madre tramite il programma Intercultura? Quando è arrivato a inizio settembre tutti avevano grandi aspettative, alcune ragionevoli, altre forse un po’ esagerate. Ma in ogni caso legittime. Non sappiamo cosa abbia spinto Dylan a scegliere quest’esperienza, perché ogni adolescente ha aspettative diverse. Ma il minimo che tutti si aspettavano è che Dylan facesse uno sforzo per integrarsi in famiglia e che fosse per lo meno interessato alla cultura del paese che ha scelto di chiamare casa per un anno.

Ma evidentemente anche queste previsioni erano esagerate per lui, perché le cose sono andate male fin dall’inizio. Prima per la sua totale mancanza di conoscenza dell’italiano e per la sua mancata dedizione all’impararlo. E poi per il suo mancato interesse verso tutto quello che non è giochi al computer e i suoi amici cinesi. Un po’ triste per un ragazzo di 16 anni che dovrebbe stare vivendo l’esperienza più bella della sua vita.

Sono passati sei mesi ormai e Dylan è a metà della sua esperienza. Ricordo me stessa in questo periodo del mio anno in America: ero all’apice della felicità, avevo amici splendidi, una famiglia che ormai consideravo come la mia, e coglievo ogni occasione che mi si presentava per fare nuove esperienze. Sapevo che sarebbe stato un anno unico nella mia vita e volevo assaporarne ogni secondo: nessun rimpianto, nessun rimorso, volevo vivere il mio anno al 200%. Dire che Dylan si sta godendo il 20% è dire tanto.

E questo mi sta facendo tanto riflettere e tanto arrabbiare. Rifletto sul perché un ragazzo debba andare fino in Italia per passare intere giornate a dormire e nottate a giocare al computer, quando poteva farlo benissimo a casa sua. Mi chiedo come possa raccontare ai suoi genitori delle sue giornate in Italia, quando spesso e volentieri neanche esce di casa. Mi domando cosa stia imparando, se a scuola dorme tutto il tempo ed esce solo con gli amici cinesi. Rifletto su come possa dirsi soddisfatto di questo anno di scambio e, soprattutto, mi chiedo davvero cosa pensi di portare a casa da quest’esperienza. Perché al di là di una minima conoscenza dell’italiano e dell’amicizia con qualche ragazzo cinese, davvero Dylan non ha fatto altre conquiste.

Non si sveglia da solo la mattina, non arriva in tempo a scuola, non mangia insieme alla mia famiglia, non approfitta delle uscite offertogli da mamma e Intercultura, preferendo stare a casa per giocare al computer. Non è neanche andato al carnevale di Venezia con gli altri ragazzi stranieri perché si sarebbe dovuto alzare presto!

Da volontaria e returnee, è davvero un peccato per me vederlo buttare via una simile esperienza di vita, e sapere che al suo posto sarebbe potuto esserci uno studente più motivato. Sarebbe potuta essere un’esperienza da cambiargli la vita, una che avrebbe potuto segnare il suo futuro e fargli intraprendere una certa strada piuttosto che un’altra. Ma dubito che al suo ritorno in Cina Dylan ripenserà al suo anno in Italia come a qualcosa di diverso dal suo letto e il suo computer.

Photo credit: pixabay.com

11 thoughts on “Un’occasione mancata per Dylan

  1. Che tristezza! Mi dispiace davvero tanto per chi ha perso la possibilita’ di vivere un’esperienza unica e si e’ visto togliere il posto da Dylan che non e’ capace di vivere correttamente questa esperienza. E mi dispiace anche molto per la tua famiglia che si sta sobbarcando le difficolta’ di gestire un ragazzo come lui.

    1. Spiace davvero tanto anche a me… ma soprattutto mi spiace il sentirgli dire che se non gioca al computer si annoia… ma sei in Italia per un anno della tua vita, esci, vai, esplora per lo meno Milano!

  2. Che peccato che non si stia godendo l’esperienza 😠 Anche se devo dire che dopo sei mesi neanche mangiare con la famiglia mi sembra solo molto maleducato… Dylan sta davvero buttando via un’esperienza che potrebbe cambiargli la vita! E parlo per esperienza – io in exchange alle superiori ho incontrato il mio futuro marito!

    1. Infatti al di là di quello che perde lui, sta manifestando anche una mancanza di rispetto incredibile nei confronti di una famiglia che l’ha preso a gratis, per il solo interesse dell’avere un ragazzo straniero in casa… ma pensa, vedi il destino a volte?

  3. Ma si può??? Perchè passare un anno in Italia e non volerla scoprire? Se vivessi un anno all’estero, anche ora che sono adulta, ancor più da ragazzina, vorrei vedere mille scorci e conoscere millemila persone nuove.
    Un vero peccato!!!

    1. La penso esattamente così… purtroppo temo che in quanto adolescente al momento gli interessi proprio poco del paese e della cultura… può essere che in futuro se ne penta, ma onestamente non credo!

  4. Azzardo una possibile spiegazione (si badi bene: non è una giustificazione). L’educazione cinese è estremamente severa, sia a scuola che in famiglia. Una severità che noialtri manco ci immaginiamo. Probabilmente il ragazzino ha manifestato una sorta di ribellione facendo quello che cacchio gli pare (giocare ai videogiochi e dormire) lontano da scuola e genitori, sapendo che è un’occasione unica e irripetibile nella sua adolescenza.

    1. Non so, ma se anche così fosse sarebbe un’enorme mancanza di rispetto nei confronti della famiglia che lo ospita, dell’associazione e degli altri ragazzi stranieri che sicuramente fanno più sforzi di lui per integrarsi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *