In transito a Singapore

Singapore è l’aeroporto del mio cuore.

È l’aeroporto dove sono atterrata nel lontano 2008 diretta per la prima volta verso Adelaide. Ero diretta verso l’ignoto – fidanzati o amici, era ancora tutto da stabilire – così come sconosciuta era per me Singapore. Prima tappa in Asia della mia vita, l’aeroporto di Singapore-Changi fu per me una vera e propria scoperta e amore a prima vista.

foto presa dal web
foto presa dal web

Negli anni seguenti questo aeroporto mi ha visto andare e venire varie volte. Mi ha accolta eccitata e in fibrillazione all’idea di riabbracciare l’Avvocato e mi ha consolato quando ero in lacrime dopo averlo salutato.

Tra i suoi magnifici giardini di orchidee, tra le sue farfalle e girasoli mi ha visto passeggiare con gli occhi sgranati avanti e indietro.

Ribbet collage3

Nei suoi cinema e sale TV mi ha visto ammazzare il tempo. Su quei computer mi ha visto passare ore, combattendo tra il fuso di partenza e quello di arrivo.

foto presa dal web
foto presa dal web

In quell’aeroporto ho passato per due volte ben 21 ore in attesa del mio volo per Adelaide.

 In quell’aeroporto ho dovuto intrattenere 15 adolescenti per quasi una giornata intera.

Ribbet collage2

 Quell’aeroporto mi ha regalato la possibilità di due brevi tour della città, che mi ha dato modo di scoprire la sua enorme bellezza e complessità.

Ribbet collage

 In quell’aeroporto ho visto enormi Minnie & Topolino in versione natalizia, e ancora innamorati per San Valentino, e infine viaggiatori in giro per il mondo.

10940419_10153011598946145_916375472473665632_n

In quell’aeroporto ho fatto ore e ore d massaggi ai piedi gratis, che non mi sarei più alzata da quella sedia.

foto presa dal web
foto presa dal web

Quell’aeroporto è l’aeroporto dove stranamente mi sento più a casa.

6 thoughts on “In transito a Singapore

    1. Per 21 ore! Erano ragazzi che sarebbero andati in scambio ad Adelaide e io ero la loro chaperon. Purtroppo all’epoca tra Singapore e Adelaide c’era un solo volo al giorno e l’attesa era davvero troppa!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *