Con una doppia laurea… a servire pane!

Sono settimane amare queste, tediose, lunghe e solitarie. L’Avvocato continua il suo stage (ha un’altra settimana) ed è al lavoro tutti i giorni fino alle 6 di sera, mentre io passo la maggior parte delle mie giornate da sola (anche se la suocera è in casa) a casa, senza niente da fare. Ma ho trovato lavoro, e almeno 3 giorni alla settimana li passo fuori da casa. Non posso dire che il lavoro mi esalti particolarmente. Mi hanno assunta a “La casa del pane”, una panetteria/bar a 100m da casa, molto molto famosa ad Adelaide per il pane e le pizze, molto buone. La paga come al solito non è male, le persone con cui lavoro sono gentili e simpatiche ed è letteralmente il lavoro più vicino che potessi trovare. Ma è noioso! Due turni a settimana sono al pomeriggio, ed essendo una panetteria, non c’è molto traffico il pomeriggio. Qualche cliente che compra il pane o ritira le pizze, ma niente di più. Perciò passo i miei turni e pulire, come è normale nel turno del pomeriggio.

Durante il mio primo turno, mentre spolveravo i vari barattoli che vendiamo dalla farina che si deposita, riflettevo sul fatto che ho una doppia laurea, sono fluente in 3 lingue, ho viaggiato e studiato in lungo e in largo, per poi alla fine ritrovarmi a spazzare per terra e a servire pane. Di certo non quella che chiamo una carriera soddisfacente! Certo, è un lavoro temporaneo che mi da un po’ di soldi e, soprattutto, mi fa passare il tempo fuori da casa. Ma non è di sicuro gratificante, e per me è molto frustrante.
Nel frattempo continuo la mia ricerca di qualcosa di meglio, soprattutto di qualcuno intellettualmente stimolante. Questo weekend c’era il festival italiano – un modo per diffondere la cultura italiana ma anche un modo per raccogliere fondi per la comunità italiana – e li ho conosciuto il presidente della Dante Alighieri, un’organizzazione internazionale creata in Italia nel 1889 con lo scopo di promuovere la lingua e cultura italiana, di mantenere in vita i legami tra gli italiani residenti all’estero e la madre patria e di diffondere l’amore per la cultura italiana in tutto il mondo. Ho discusso con il presidente la possibilità di collaborare con l’organizzazione nell’insegnamento dell’italiano o con altre attività. Mi farà sapere. Siamo anche andati allo stand della radio italiana e mi hanno intervistata. Mi hanno anche chiesto se voglio far parte di un programma per giovani italiani. Ho detto di sì, mi faranno sapere. Ah, quanta attesa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.