Raggiunto il quarto di secolo!

Un altro compleanno passato lontana da casa, il mio secondo qui in Australia. Nonostante il tempo assomigliasse più a quelli italiani trascorsi in Italia, è stato un compleanno fantastico, forse il migliore di sempre. Sam sa che adoro le sorprese ed è molto bravo a mantenere il più assoluto segreto sui suoi progetti, perciò non avevo assolutamente idea di cosa mi aspettasse, fino a questa mattina.
Appena sveglia Sam mi ha consegnato un pacchetto contenente un insieme di buste, ognuna con una lettera, in modo che mettendole nel giusto ordine si otteneva la scritta “Happy Birthday Claudia”. Ne mancava soltanto una, la lettera L di Claudia, che Sam aveva spedito il giorno prima, e che quindi è arrivata con la posta. Dietro ciascuna lettera c’era un’indicazione precisa di quando la potevo aprire, e dentro ognuna un biglietto con un indizio su dove trovare il regalo.
Ho aperto la prima lettera dopo la doccia: era la C di “champagne breakfast”, una tradizione australiana per eventi importanti. Pancakes, the, macedonia di mango e fragole e, ovviamente, champagne con mango e fragole. Tutto veramente buonissimo! Dopo colazione ho aperto la mia seconda lettera: A di “awww”. Quattro belle cornici contenenti altrettante foto prese dal mio album di ricordi della mia famiglia, che hanno subito trovato posto sui muri della nostra camera da letto. Un regalo fatto con amore e rispetto che ho molto apprezzato. Alle 11 mi aspettava la terza lettera, la D di “de-tox”: rispettando la tradizione degli ultimi anni, al mio compleanno mi aspetta un massaggio aroma terapeutico total-body di un’ora. Semplicemente fantastico! Questa volta anche Sam si è concesso un massaggio alla schiena di mezz’ora, per cui eravamo entrambi molto rilassati per il resto della giornata. Dopo il massaggio siamo tornati a casa, dove Sam mi ha preparato un pranzo squisito: salmone con crosta croccante, patate novelle (appena raccolte dal nostro orticello) e pomodori al forno. Il tutto accompagnato da champagne ovviamente… Semplicemente divino!
Dopo pranzo era la volta della busta arrivata con la posta: L di “lettere a pranzo”, la sorpresa più inaspettata di tutte. Un’intera scatola piena di lettere, biglietti e cartoline spedite da amici e parenti di tutto il mondo per augurarmi buon compleanno e ricordarmi che ho tanti amici. Sono rimasta senza parole e voglio ringraziare di nuovo tutte le persone che hanno partecipato a questo bellissimo progetto di Sam. La mia famiglia inoltre mi ha mandato un DVD di filmati fatti negli ultimi mesi, che racchiudono vari momenti della vita familiare e di paese: il risultato sono state davvero tante risate, e anche qualche lacrima, devo ammettere.
Dopodiché siamo andati a casa dei genitori di Sam, che mi hanno dato il loro regalo (un set di pentole per la nostra casettina). Alle 6 è stata l’ora dell’ultima lettera: A di “Ambrosini” un ristorante italiano, molto raffinato, qui nei paraggi, dove non ero mai stata. A festeggiare con me sono venuti, oltre a Sam ovviamente, anche Rebecca e Sven (sorella di Sam e fidanzato), Benedicte e Pauline (amiche francesi in visita) e James (amico australiano dei tempi di Grenoble + Pavia). Abbiamo avuto una splendida cena, nonostante il cameriere fosse strano… E per il disgusto dei miei commensali, dopo 10 anni, ho potuto riassaggiare le cervella d’agnello!!!!!!!!!!! Squisite!
Sono rimasta un po’ delusa che il ristorante, la cui famiglia originariamente viene da Sondrio, non offrisse un menu più tipicamente lombardo o comunque nordico, ma immagino che si sia dovuti adattare ai gusti locali… Comunque, abbiamo passato una splendida serata, la giusta conclusione per una giornata perfetta.
Grazie a Sam e a tutte le persone che hanno contribuito, di persona o virtualmente, a rendere questo mio compleanno così speciale!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *