Il cliente ha sempre ragione? Ma anche no!

Quando ero ragazzina, ogni anno passavo parte delle mie vacanze estive in un villaggio in Italia o all’estero con la mia famiglia. Come sicuramente saprete, il forte dei villaggi vacanza è di solito l’animazione e le varie attività che questa propone agli ospiti. Anno dopo anno, per me questa era la parte più divertente della vacanza: mai stata tipo da ombrellone, ero sempre in prima fila per una partita a ping pong o un torneo di beach volley. E allo stesso tempo, anno dopo anno, sognavo di raggiungere i 18 anni per poter cominciare a lavorare come animatrice io stessa: non vedevo che i lati positivi di quel lavoro, soprattutto l’idea di passare mesi e mesi al mare, essenzialmente in vacanza, a divertirmi mentre facevo divertire gli altri. Continue reading “Il cliente ha sempre ragione? Ma anche no!”

Come passare uno splendido weekend a Seattle

Conosciuta anche come la Città di Smeraldo (ma anche la Città della Pioggia) grazie a tutto il verde che la circonda, Seattle e dintorni sono a mio avviso una delle zone più affascinanti e spettacolari degli Stati Uniti. Certo, forse sarò di parte, dato che nel Greater Puget Sound ci ho vissuto un anno durante il mio scambio con Intercultura, ma credetemi: una visita a Seattle non vi lascerà delusi e vale bene la pena di uscire dai soliti itinerari turistici! Continue reading “Come passare uno splendido weekend a Seattle”

Le mie sfortune da expat

Se vivete fuori dalla vostra città o paese di origine, se siete expat – o se pensate di diventarlo –, saprete (o scoprirete) presto che intorno alla vostra decisione e nuova vita aleggia un alone di preconcetti e pregiudizi. Molti di questi hanno a che fare con l’idea che la vita da expat o emigrato che sia, sia tutta rose e fiori, fatta di cocktail a bordo piscina, viaggi in (almeno!) business class e autisti che ti scorrazzano in giro. Continue reading “Le mie sfortune da expat”

Una giornata a Fremantle

Fremantle, o Freo come viene affettuosamente chiamata qui, è stata la prima città a essere fondata nel 1829 come porto sul fiume Swan per la nuova colonia dell’Australia Occidentale, e rappresentava la città più importante della colonia per la maggior parte dei primi decenni di storia europea. Negli anni della corsa all’oro Fremantle era una cittadina cosmopolita molto attiva, per poi decadere un po’; ma per fortuna, negli anni ‘70, l’intera città è stata riportata al suo antico splendore, e da allora non ha smesso di attirare turisti da tutte le parti del mondo. Continue reading “Una giornata a Fremantle”

Breve guida a Townsville, Queensland

Conosciuta come la seconda capitale del Queensland, Townsville vanta il titolo di città costiera dell’Australia tropicale più grande, con ben 190.000 abitanti. La città è il centro amministrativo del nord del Queensland, nonchè sede della terza brigata militare della fanteria leggera. Raggiungibile grazie al suo aeroporto internazionale, Townsville è la destinazione perfetta per chi è in cerca del relax tipico dei tropici ma senza la confusione e la folla di città più prominenti come Cairns o Airlie Beach. Continue reading “Breve guida a Townsville, Queensland”

2 giorni a Stoccolma

Stoccolma è una delle capitali europee più gettonate quando si deve scegliere dove trascorrere un week end all’estero. L’indiscutibile bellezza naturale che circonda la capitale e la possibilità di visitarla tranquillante a piedi, oltre al fatto che in città chiunque parli inglese, sono sicuramente tra i motivi principali di questa scelta. Stoccolma è stupenda in tutte le stagioni, anche nel cuore dell’inverno – quando l’ho visitata io – e sono sicura che un solo weekend in città vi farà venire voglia di poter passarci più tempo.

Continue reading “2 giorni a Stoccolma”

Un libro in valigia: “Dove nasce l’arcobaleno” di Andrea Caschetto

Quando tuo padre rifiuta di crescerti e non è che un’occasionale voce al telefono, cresci con la voglia di amore. Quando a 15 anni ti diagnosticano un cancro al cervello, riesci ad apprezzare ancora di più la bellezza della vita. Quando la tua memoria si rifiuta di ricordare quello che non è emozione pura, ecco che la ricerca di sentimenti forti diventa il faro che guida il tuo cammino. Questa è la storia di Andrea Caschetto, quella che l’ha portato a fare il giro per il mondo regalando sorrisi ai bambini degli orfanotrofi e delle strade. È la storia che racconta nel suo libro “Dove nasce l’arcobaleno“, di cui vi voglio parlare oggi.

Continue reading “Un libro in valigia: “Dove nasce l’arcobaleno” di Andrea Caschetto”

Perché creare un blog: 7 anni di Diario dal Mondo

7 anni fa, esattamente il 1 agosto 2011, pubblicavo il mio primo post su Diario dal Mondo. Questo mio primo (e unico, fino ad ora!) blog nasceva dal desiderio di rendere partecipi la mia famiglia e i miei amici in Italia della mia vita in Australia. Decisi all’epoca di mettere al bando lunghe e ripetitive email e messaggi su Facebook a chi mi chiedeva aggiornamenti sulla mia vita Down Under e di creare questo modo alternativo e divertente di comunicare. Continue reading “Perché creare un blog: 7 anni di Diario dal Mondo”

I belvedere di Roma: i migliori punti per ammirare la capitale dall’alto

Roma è la città migliore dove perdersi nei vicoli, passeggiare tra le antiche rovine, macinare chilometri con il naso all’insù per non perdersi nessuna delle infinite meraviglie che la nostra Capitale racchiude. Ma Roma ha l’invidiabile vantaggio di sedere su sette colli e questo consente a noi visitatori di poter ammirare la città da diversi livelli e punti di vista. E questo è uno degli aspetti di Roma che più adoro! D’altronde, chi non ha mai desiderato ammirare la capitale dall’alto, poter vedere con un unico colpo d’occhio tutto il centro storico e i colli circostanti, oppure osservare particolari di monumenti difficili da cogliere da una prospettiva consueta?

Continue reading “I belvedere di Roma: i migliori punti per ammirare la capitale dall’alto”

La scelta di sentirsi vittima

Mio padre è morto che avevo 18 anni. Un incidente sul lavoro. Una delle tante morte bianche di cui purtroppo non si parla abbastanza. Una morte istantanea. Un attimo prima c’era e quello dopo non c’era più. Almeno così ha detto il medico legale, e io da 13 anni a questa parte mi aggrappo a questa magra consolazione.

Continue reading “La scelta di sentirsi vittima”